Nel segreto dell’urna Dio ti vede, Salvini no!

www.huffingtonpost.it
POLITICA
20/05/2019

Nel segreto dell’urna Dio ti vede,

Salvini no!

Avrà compreso il leghista che, storicamente parlando è sconsigliabile e autolesionistico scegliere la Chiesa come nemico frontale? E che chi tocca il Vaticano, se non proprio muore, alla fine, non si rivede?
By Fulvio Abbate
Nel silenzio dell’urna? Dio ti vede, Salvini no! Volendo meglio precisare, al momento, a rispondere alla cloaca razzista è piuttosto un papa, Bergoglio. Non resta che ringraziarlo, laicamente, ovvio. Terribile o rassicurante a dirsi, la Chiesa cattolica, nella congiuntura odierna – o almeno è questa la sensazione accecante – sembra costituire l’unica replica etica a ciò che abitualmente perfino il più ignorante di noi ha appreso a definire “sovranismo” oppure, in subordine, “populismo”. Declinazioni orgiasticamente ulteriori dell’antico, patriottardo, “nazionalismo”, categorie che sembrano giungere direttamente dagli striscioni della estrema destra identitaria, graficamente scandite dal font creato da Jack Marchal: hai capito bene, gli stessi caratteri del “Boia chi molla!” o “Mussolini grande statista!” o “Primo Carnera campione in camicia nera”.
Opposizione attiva e operante, per non dire “diga” che, stilisticamente parlando, corrisponderebbe nella memoria agli abissi muniti di stimmate della “crociata anticomunista” post-bellica, risposta alla sistematica campagna di disprezzo verso ogni insieme sociale debole e irregolare, siano essi migranti, rom o piuttosto, volendo, gay e lesbiche.
Le parole pronunciate finora dal papa argentino “ex cathedra”, circa i diritti di cittadinanza, in questo senso, sono così da ritenere esemplari, salvifiche, assodata la vacanza delle opposizioni politiche, parole fosforescenti, stelle fisse nell’idea della difesa del bene comune della tolleranza e della democrazia. Parole sempre più nette all’indirizzo di Matteo Salvini e d’ogni suo replicante, affinché certo Minculpop razzista, cominciando dalla factory di propaganda della Lega, comprenda che la difesa della dignità umana è valore insindacabile.
Basterà? Avrà compreso il ministro dell’Interno che, sempre storicamente parlando, da che mondo è mondo, è sconsigliabile e autolesionistico scegliere la Chiesa come nemico frontale? Far fischiare il papa in piazza come fosse un sicario, un mandante morale dei “comunisti” di sempre? Occorrerà ricordargli che, epicamente ragionando, al di là delle bandiere della laicità che ci appartengono, dalla guerra dei nazifascisti contro la Spagna repubblicana nel 1936 alla Roma del sindaco-chirurgo defenestrato Ignazio Marino, chi tocca il Vaticano, se non proprio muore, alla fine, non si rivede alle urne? L’invito di Francesco ai cattolici a tenersi a debita distanza dalla Lega lo si tocca ormai con mano.
C’è ancora, così presumiamo, da immaginare che, sempre per il gesuita Bergoglio, la paccottiglia sanfedista evocata da Salvini, ora Dio-Patria-Famiglia, ora perfino innalzare il rosario come corpo contundente esorcistico rispetto alla presunta invasione islamista, risulti pura oscenità, cose da “Todo Modo” di Leonardo Sciascia, insieme al ricorso all’Immacolata Concezione, presa in prestito quasi allo stesso modo di ciò che accadeva con il manto della Virgen del Pilar da parte dei fascisti spagnoli di Francisco Franco, e da essi indicata come “ombrello” a protezione delle bombe dell’aviazione “rossa” di André Malraux. Restando al rosario, non sembra che, diversamente da altri prelati dalle voglie pre-conciliari, Francesco possa essere, se non per pura cortesia, immaginato lettore del “Rosariante”, periodico a cura di un’associazione d’amici dell’omonimo feticcio religioso: foglio che, trasportato dal vento, estati fa giunse tra le mie mani – giuro – nell’isola di Favignana, pagine su cui dimorava pure un omaggio a Léon Bloy, scrittore tradizionalista, cui la pubblicistica cattolica deve un giornale intitolato “Le Pal” (“Il Palo“), nel senso della tortura da infliggere all’infedele affinché il supplizio sia pienamente compiuto, la vittima redenta.
Intendiamoci, la Chiesa cattolica non è mai stata un corpo politico-confessionale compatto, unitario, e aldilà dell’infallibilità papale, infallibile appunto “per dogma”, o almeno così si riteneva fino a decenni fa, in Bergoglio va ravvisata la medesima persona che, mettendo in discussione proprio la “cathedra”, ha pronunciato: “Se una persona è gay e cerca il Signore e ha buona volontà, chi sono io per giudicarla?”.
Ancora lui, assicura un amico sacerdote, resta in ogni caso un “tradizionalista” per storia e impronta culturale, una figura di certo non assimilabile alla “Teologia della liberazione”, percorso di riflessione dottrinario che da San Francesco giunge alla lettura marxiana della realtà, posto che “Non vi sono solo peccatori, ma anche persecutori che opprimono e vittime del peccato che richiedono giustizia” e ancora che “Il dovere della Chiesa è di sostenere le vittime dell’oppressione politica e delle violazioni dei diritti umani”. Quel movimento che Wojtyla e Ratzinger hanno cercato di ridurre al silenzio e annientare, tuttavia Francesco, al di là di ogni riflessione complessiva sul magistero ecclesiale, nella situazione data si è ritrovato a catalizzare le pulsioni – vogliamo chiamarle strettamente “democratiche”? – proprie di una risposta netta alla subcultura autoritaria, para-fascista, alla cui testa avanza proprio, per sua scelta, Matteo Salvini.   
Mettendo da parte banalità secondo cui l’unica vera opposizione “di sinistra” giungerebbe oggi, insieme all’opzione del “restiamo umani”, unicamente al papa, sia detto prosaicamente, al momento, accanto al lenzuolo apparso a Napoli e dedicato amorevolmente proprio al vicepremier, dove con scrittura spray brilla un “71”, bene, accanto a quello striscione che, sia detto per pura filologia, nella smorfia partenopea corrisponde all’ “Omm ‘e mmerd”, c’è modo di scorgere un festone altrettanto lucente, idealmente steso tra un capo e l’altro del Colonnato della Basilica di San Pietro, che sembra dire con chiarezza, perché no, antifascista, giù le mani dai più deboli, dai migranti, dai diversi, e forse, ancora meglio, aggiunge implicitamente un ‘basta’ rivolto anche ai rosari, all’intera artiglieria clerico-elettorale da “Comitato Civico” del tempo di Luigi Gedda e di Mario Scelba, ammesso che Salvini e i suoi sappiano di questi nomi e delle loro storie pregresse.
Nell’attesa che, dopo il “Vinci Salvini”, Luca Morisi e gli altri piccoli Mezzasoma de “La Bestia” comincino, perché no, a far piangere di blu le proprie Madonne al photoshop, su banner e meme elettorali, ricordiamo che l’attuale stagione politica, dove scorgiamo evidente un Sessantotto della destra, parole un tempo oscure, da iniziati, quali sedevacantismo, cioè affermare che, deceduto Pio XII, il Trono di Pietro è rimasto vuoto, se non occupato da “abusivi” posseduti dal Demonio, insieme a termini come terrapiattismo sembrano conquistare le migliori caselle dei cruciverba della “Settimana Enigmistica”. Così, per l’immensa apocalittica gioia di Antonio Socci che contestualmente sulle pagine di “Libero” rileva come “molti in Vaticano hanno dimenticato Dio e pretendono che tutti facciano lo stesso” o della dottoressa Silvana De Mari, pronta a denunciare accanto a Mario Adinolfi ogni uso improprio degli orifizi, e forse anche di quei principi della Chiesa che nei giorni scorsi hanno presenziato la manifestazione della Lega in piazza Duomo a Milano, così a conferma dell’opposizione interna alto-clericale all’agenda di Francesco. La medesima che, in tonaca o cravatta, ha stigmatizzato il cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere di Sua Santità, per avere spezzato il sigillo della legalità calandosi nel tombino di via Santa Croce in Gerusalemme ridando la corrente agli occupanti di uno stabile prossimo nella gestione politica ai centri sociali di Roma. 
Nessuno lo auspica, ma se dovesse mai tornare a noi il tempo celeste delle scomuniche, così come quell’altra volta spettò ai “comunisti”, be’, volendo, la cosa ci potrebbe pure stare, si tratterebbe infatti di un atto di parità, di equità, i fulmini del rinnovato Sant’Uffizio questa volta addosso a chi ha fatto proprio un lessico razzista che, pensa un po’, mancava dalla stagione del fascismo.

 

5 Commenti

  1. Matteo ha detto:

    Ricordo in un film che don Camillo, prima delle elezioni, diceva ‘NEL SEGRETO DELL’URNA DIO TI VEDE E STALIN NO!”.

  2. Luigi ha detto:

    Sul fatto quotidiano c’è un articolo a firma di Francesco Antonio Grana e Marco Pasciuti che parla della Fondazione Sciacca, una “onlus “catto-sovranista” in cui si incontrano Salvini, monarchici, ultradestra e nemici del Papa. Dal 5 luglio 2018 il leader del Carroccio è il “presidente del Comitato scientifico” della fondazione e Giancarlo Giorgetti è il suo vice. Al vertice c’è lui: “Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Raymond Leo Burke”, capo riconosciuto delle legioni di nemici che Francesco. Tra i due – Salvini e Burke – c’è un punto di contatto che allarga la prospettiva al di là dell’Atlantico: Steve Bannon. E poi, a scorrere i nomi, si trova tra i soci onorari dell’associazione gemella il nome di Augusto Sinagra, tessera 2234 della P2, storico avvocato di Licio Gelli.” Chi non ricorda che Berlusconi era pure lui iscritto alla P2? Non ha ragione Renzi quando sul palco di Milano attaccando Salvini ha detto: “Ma dove sono finiti quei grandi professori che dicevano …?” Fino a che ci faremo delle “seghe mentali”, saremo sempre destinati alla sconfitta. Ha ragione don Giorgio sul suo editoriale “Il Diavolo e le …”. Nel Cile di Salvador Allende si cantava: “El pueblo unido jamás será vencido”. Qui il popolo è “disunido” e il piccolo ducetto “divide et impera”.

  3. Franz ha detto:

    E la fissa con il ripristino del servizio militare? E dei grembiuli ?

    • Matteo ha detto:

      Dei grembiulini non mi interessa niente, ma ripristinerei il servizio di leva in quanto, fatto bene, raddrizzerebbe un poco la schiena dei giovani, maschi e femmine, che oggi sono in maggioranza rammolliti.
      Dico fatto bene, per insegnare loro che in una società democratica e per una pacifica convivenza, esistono regole che vanno rispettate.

  4. Giuseppe ha detto:

    Berlusconi regnante pensavamo di aver toccato il fondo della volgarità, dell’ignoranza e dell’inettitudine, anche per via della servile corte dei miracoli che circondava di attenzioni il re travicello, idolatrandolo al di là dell’umana comprensione e… sopportazione. Evidentemente non avevamo fatto i conti con una nullità come Salvini che, proprio in quanto nullità è ancora più pericoloso del sultano di Arcore.
    L’ex paladino della defunta lega nord che, da tirocinante apprendista, si faceva ridere appresso per le sue prese di posizioni bislacche tutte intrise di odio verso la maggior parte degli italiani residenti al di là del Po, rivendicando una presunta superiorità del nord rispetto al centro sud e le regioni insulari, considerate parte integrante del continente africano e, in quanto tali, abitate da zulù o altre tribù simili, improvvisamente si è scoperto fervente patriota. Depositario dei valori del risorgimento e protettore dell’identità nazionale al grido di “prima gli italiani” in un rigurgito di populismo e sovranismo. Anche se, mentre intreccia alleanze e collaborazoni con tutti i leader nazionalisti dell’estrema destra europea, sostiene che chi l’accusa di fascismo è in malafede. E, a proposito di malafede, come si può interpretare la sua messinscena nel ruolo di novello crociato, difensore della autentica fede cattolica, ridotta ad ostentazione di simboli e feticci, mentre si fa beffe e rridicolizza tutte le forme di accaglienza e di sostegno agli ultimi e ai diseredati?

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi