La morte di un uomo solo

da www.huffingtonpost.it
IL BLOG
20/05/2020

La morte di un uomo solo

Gian Carlo Caselli
Magistrato
Il 23 maggio di 28 anni fa, a Capaci, polverizzando un Km e mezzo di autostrada e mirando dritto al cuore dello Stato, Cosa nostra sterminava Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i ragazzi della scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani.
La storia di Falcone è il paradigma di una tendenza del nostro Paese a disegnare la reputazione – anche delle persone migliori – con gli alti e i bassi di un otto volante, in ragione di polemiche scatenate ad arte e/o prive di reale consistenza. Falcone è stato sulla cresta dell’onda quando il capolavoro del “Maxi-processo” ( costruito con gli altri giudici istruttori del pool antimafia di Palermo diretto da Nino Caponnetto) fece emergere – squarciando la cortina di impunità e complicità fin lì dominante – le responsabilità di oltre 450 mafiosi, per un migliaio di delitti distribuiti su decine e decine di anni. Le condanne in primo grado furono 19 ergastoli e oltre 2600 anni di reclusione (16 dicembre 1987). Ma ancor più importante, si dimostrò che Cosa nostra non è affatto invulnerabile. Può essere contenuta e sconfitta, purché lo si voglia e si sappia ( così Falcone) “contrapporre organizzazione a organizzazione”.
Falcone aveva reso un servizio di incalcolabile portata al nostro Paese, ma fu ripagato con una serie di “schiaffoni” che gli italiani della mia generazione stanno dimmenticando mentre quasi tutti i giovani ne sanno poco o nulla. Il primo colpo fu il più doloroso. Dovendosi designare il successore di Caponnetto, con una decisione a dir poco sconcertante, la maggioranza del CSM (19 gennaio 1988) non nomina il più bravo dell’antimafia, il grande protagonista del maxi. Falcone viene scavalcato da Antonino Meli, un magistrato digiuno di processi di mafia, semplicemente più anziano.
Con questa nomina il pool è morto, il suo metodo di lavoro vincente cancellato. Le inchieste (come trent’anni prima) tornano a essere spezzettate e distribuite a pioggia. Il segnale politico è chiaro: anziché proseguire sulla strada del pool che stava portando alla sconfitta della mafia, si decide di fermarsi. Circondata la fortezza, lo Stato si ritira. Smette di combattere a un passo dalla vittoria. Un suicidio. Per Falcone anche un’umiliazione profonda. Dirà Paolo Borsellino, nel trigesimo della morte dell’amico, che “il paese, lo stato, la magistratura che forse ha più colpe di ogni altro cominciò proprio a farlo morire quel 19 gennaio”, con “motivazioni risibili” e “qualche Giuda che si impegnò subito a prenderlo in giro”. Intanto si sviluppa una furibonda campagna di delegittimazione nella quale Falcone viene accusato di nefandezze assortite; per esempio di “maccartismo”, per aver costruito col Maxi “un meccanismo spacciato come giuridico” ma utilizzato per altri fini “dai giudici capitanati” da lui (vedi “Il Giornale” del 19 novembre 1988).Falcone deve anche scontare la “colpa” di non essersi limitato a colpire l’ala militare di Cosa nostra; con lui il pool aveva osato indirizzare le indagini anche verso le complicità esterne ( Ciancimino padre, i cugini Salvo, i Cavalieri del lavoro di Catania…), cioè verso quella “zona grigia” che è insieme spina dorsale e corazza protettiva dell’organizzazione criminale.
Nel 1989 si apre una torbida stagione di dossier, di corvi e di veleni. Cinque esposti anonimi accusano falsamente Falcone , insieme ad altri, di avere consentito al “pentito” Salvatore Contorno di tornare in Sicilia per commettere numerosi omicidi. Tra gli scogli antistanti una villetta all’Addaura affittata da Falcone per il periodo estivo, viene piazzata una borsa per colpirlo con un potentissimo ordigno esplosivo. L’attentato fallisce per puro caso, ma viene vigliaccamente fatta circolare la voce (perfino nei corridoi del CSM) che Falcone se l’era organizzato da solo per favorire la propria nomina ad Aggiunto nella Procura di Palermo. Qui Falcone subisce una penosa odissea di mortificazioni da parte di un capo che lo emargina e lo costringe ad imbarazzanti ed estenuanti anticamere sotto gli occhi di tutti. Il sindaco Orlando lo accusa pubblicamente di aver tenuto carte importanti in un cassetto. Falcone si candida al CSM ma i colleghi magistrati della sua corrente gli preferiscono un altro e non lo votano. Non mancano “probi cittadini” che scrivono ai giornali protestando per il fastidio causato alla quiete cittadina dalle auto a sirene spiegate di Falcone, invitato a togliere il disturbo relegandosi in qualche ghetto “fuori porta”. L’aria a Palermo si fa irrespirabile. Alla fine Falcone decide di “emigrare” e di chiedere una sorta di asilo politico-giudiziario al Ministero della giustizia di Roma, dove continua con determinazione il suo impegno antimafia. Le accuse e gli attacchi ingiusti riprendono con toni di inusitata asprezza quando si avvicina il giudizio definitivo della Cassazione sul maxiprocesso, mentre Falcone è candidato a dirigere l’istituenda Procura nazionale antimafia. Il 29 ottobre 1991, sul quotidiano Il Giornale di Napoli diretto daLino Jannuzzi compare un articolo (non firmato perciò riferibile al direttore) dal titolo Cosa nostra uno e due. In esso Falcone viene definito uno dei “maggiori responsabili della débacle dello Stato di fronte alla mafia”. E se Falcone fosse stato nominato PNA, sarebbe stato necessario “guardarsi da due ‘Cosa nostra’, quella che ha la Cupola a Palermo e quella che sta per insediarsi a Roma. E sarà prudente tenere a portata di mano il passaporto”.
Il 30 gennaio 1992 la Corte di cassazione conclude con sentenza definitiva l’iter processuale del “maxi” e sostanzialmente conferma le condanne del primo grado. Ripetiamolo: finalmente (dopo anni di tentativi giudiziari spesso vani) cessa la vergognosa stagione dell’impunità di Cosa nostra. Nessun risultato avevano ottenuto i pesanti tentativi di aggiustamento del processo posti in essere attraverso vari canali dai boss di Cosa nostra. Uno smacco e un affronto intollerabili. La lacerazione di un patto di scambio nel quale i boss avevano creduto, garantendo agli affiliati l’esito favorevole del processo.
Si apre, per Cosa nostra, la stagione della “resa dei conti”, sul versante “politico” e su quello “giudiziario”. Qui il furioso messaggio di rabbia di Cosa nostra inizia proprio con la strage di Capaci. E Giovanni Falcone torna ad essere considerato ( da molti con laida ipocrisia) un eroe: ma solo dopo morto, dimenticando con colpevole disinvoltura i torti che aveva dovuto sopportare in vita.

4 Commenti

  1. antonio ha detto:

    E se la mafia contemporanea fosse banalmente una funzione del capitalismo… ? Del resto la burocrazia, quella dei triliardi degli appalti, anche nei contesti macerati dal clientelismo più iniquo e osceno, senza le ‘mafie’ non potrebbe risolvere alla luce del giorno tutti i ‘problemi’ dei massoni…

    Non è ancora possibile, per fare solo un esempio banale, istituire una ‘terra dei fuochi’ per decreto, c’è dunque ancora bisogno delle mafie per avere il massone sazio, la seconda casa al mare per l’amministratore, il ‘posto’ per il figlio del tecnico comunale e, ultimo ma non ultimo, l’imprenditore competitivo sul mercato.

    Il cerchio del capitalismo si chiude solo perché esistono le mafie, altrimenti non potrebbe offrire ghiande a servetti e alle servette del materialismo consumistico. Che il capitalismo funzioni per regole non scritte… è fatto più certo dell’esistenza dei mari e dei monti.

    Per quanto riguarda invece i ‘bazooka’ dei capitalisti, i media di massa vecchi e nuovi, di certo sono strumento essenziale di asservimento e dominio, ma senza il determinante contributo dei sicari delle mafie a correggere alla cinese le ‘anomalie’, cioè facendole scomparire… potrebbero ciclicamente trasformarsi in ‘boomerang’.

    In definitiva, la lezione del 1789 ha insegnato molto ai massoni, troppo poco al popolino, ecco perché oggi i massoni non dicono più ai propri bravi ‘Abbiamo ospiti importanti! Stasera quattro minorenni, due maschietti e due femminucce’, ma fanno dire al popolino mendicante , in ammirata processione davanti a lussuose residenze e miraggi di stili di vita stracolmi di consumismo e materialismo: “lei, lei! prenda mia figlia tra le sue lenzuola stanotte signor massone!”

    Messo a cuccia il popolino, corrotto nei valori ed evirato di ogni dignità, agli ‘errori’ di sistema, ai Socrate ci pensa la mafia. La mafia dunque non è un dettaglio o un mero effetto collaterale, è a pieno titolo un elemento necessario, una pietra angolare del capitalismo…

    Falcone e Borsellino sono morti perché gli ‘uomini d’onore’ sono la ciurmaglia del capitalismo, i mafiosi non sanno neppure per chi lavorano… non sanno neppure di lavorare per qualcuno, hanno infatti colpito a morte due tecnici dello Stato delle leggi scritte, non sapendo chi altri colpire per la ‘revoca della licenza’… a favore naturalmente di altra organizzazione. Si sono trovati nel momento sbagliato nel posto sbagliato, quando cioè il capitalismo ordina il cambio dello stagista addetto alla fotocopiatrice.

  2. Luigi ha detto:

    Nei racconti di Antonino Caponnetto sul rapporto tra Falcone e Buscetta penso ci sia la verità della morte di Falcone. Le prime parole che si scambiarono furono queste: “L’avverto, signor giudice. Dopo quest’interrogatorio lei diventerà forse una celebrità, ma la sua vita sarà segnata. Cercheranno di distruggerla fisicamente e professionalmente. Non dimentichi che il conto con Cosa Nostra non si chiuderà mai. E’ sempre del parere di interrogarmi?” Per Falcone, Buscetta fu come un professore che gli insegnava una lingua straniera permettendogli di comunicare con le parole e non più con i gesti. Dopo la morte, Buscetta lo ricordò così: “Era il mio faro, ci capivamo senza parlare. Era intuito, intelligenza, onestà e voglia di lavorare. Io godevo a parlare con lui”. Buscetta aveva piena fiducia in Giovanni Falcone non si fidava di nessun altro perché era convinto che lo Stato italiano non avesse veramente l’intenzione di combattere la mafia. Oggi le cose sono cambiate rispetto al passato? Non saprei rispondere dopo il recente scontro tra Di Matteo e Bonafede. “Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla.” (Martin Luther King)

  3. Lanfranco consonni ha detto:

    Segnalo che questa sera su Rai1 trasmettono la storia di Felicita Impastato, mamma di Peppino, un telefilm per raccontare 20 anni di lotta alla mafia nella storia di una protagonista.

  4. Giuseppe ha detto:

    Troppo onesto per piacere ai “poteri forti”. Troppo bravo per fare carriera e andare a dirigere il “pool antimafia”.
    Purtroppo nel nostro paese c’è la cattiva sbitudine di far fare carriera ai mediocri, sacrificando così menti eccellenti e le persone realmente meritevoli.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi