La legge è uguale per tutti anche grazie a Borrelli

www.huffingtonpost.it
IL BLOG
20/07/2019

La legge è uguale per tutti anche grazie a Borrelli

Gian Carlo Caselli Magistrato
Nelle aule dei tribunali campeggia la scritta “La legge è uguale per tutti”. Una volta questa scritta faceva ridere, tanto che tutti i cabarettisti avevano sempre in canna almeno un paio di battute. Perché? Perché il diritto e chi lo amministra avevano giustificato – nei secoli – misfatti e sfruttamento. Impossibile quindi che fossero “amati”, soprattutto dai meno uguali. Impossibile che quella scritta potesse sembrare verosimile. Le cose cambiano nei primi anni Novanta, con le indagini milanesi di Tangentopoli ( cui si affianca Mafiopoli a Palermo). Un inedito sviluppo di processi per corruzione e per reati di mafia che coinvolge anche imputati eccellenti prima quasi sempre “risparmiati”. La diffidenza della gente comincia ad intrecciarsi con sentimenti di fiducia nella giustizia e nei giudici (talora persino sopra misura, con toni da tifo calcistico…).
In questa stagione un ruolo centrale di decisiva importanza ebbe Francesco Saverio Borelli, Procuratore capo di Milano, direttore d’orchestra di un pool anticorruzione affiatatissimo, formato da Gerardo D’ambrosio, Antonio Di Pietro, Gherardo Colombo e Pier Camillo Davigo. In un paese nel quale agli occhi dei cittadini lo stato si manifesta troppo spesso solo con i volti impresentabili dei tanti che con il malaffare hanno scelto di convivere o peggio, ecco Borrelli con la sua squadra di “portatori di legalità”. Ecco Borrelli nel ruolo di creatore di credibilità e rispettabilità dello stato, capace di restituirlo alla gente.
Certo le inchieste non furono ( né avrebbero potuto essere) indolori. Furono anzi un terremoto, ma fondato su fatti, non su forzature o teoremi. Un doveroso dispiegarsi del principio di obbligatorietà dell’azione penale, finalmente un controllo di legalità almeno in prospettiva eguale per tutti.
A tutela dei propri interessi di cordata seguì l’inevitabile mobilitazione dei “nuovi potenti”, che per affermarsi avevano approfittato della crisi della Prima Repubblica (effetto anche delle inchieste su corruzione e mafia). Costoro ingaggiarono una ossessiva battaglia personale – fatta di leggi ad hoc e di quotidiana delegittimazione – contro la magistratura, indicata come responsabile di un golpe strisciante, inserita nell’elenco degli avversari politici e colpita con leggiadre parole. Tipo queste di Silvio Berlusconi: “I magistrati sono comunisti e, per questo, prevenuti e animati da un odio viscerale, maniacale nei miei confronti”. Senza risparmiare il pool di Borrelli, attaccato sostenendo che «le indagini milanesi sulla corruzione sono l’ultima di una serie di intimidazioni pubbliche, del tutto estranee a uno Stato di diritto, sintomi della faziosità eretta a regime giudiziario e di una gestione accanita e politicizzata della giustizia penale». Ai “compassati” rilievi del capo, il portavoce di Forza Italia, onorevole Bondi, fece seguire la proposta di istituire una Commissione parlamentare di inchiesta «per accertare se ha operato e opera tuttora nel nostro paese un’associazione a delinquere con fini eversivi, costituita da una parte della magistratura, con lo scopo di sovvertire le democratiche istituzioni repubblicane».
Sull’onda di una ben organizzata black propaganda, anche l’opinione pubblica finì per affievolire e poi archiviare il proprio consenso ( è sperimentato infatti che l’ossessiva ripetizione anche dei falsi più grossolani alla fine riesce a trasformarli in verità). A questo sgretolamento della coscienza civica, Borrelli – nel frattempo nominato procuratore generale di Milano – cercò di reagire coraggiosamente, sia pure con evidente amarezza, con parole diventate celeberrime: “ […] nella perdita del senso del diritto, ultimo estremo baluardo della questione morale è dovere della collettività ‘resistere, resistere, resistere’ come su una irrinunziabile linea del Piave”. Parole purtroppo destinate a soccombere contro un pregiudizio ostile già diffuso allora, che poi è via via cresciuto fino ad essere oggi ( stando almeno ai sondaggi) largamente condiviso. Il pregiudizio che porta dire che “ se i magistrati vogliono governare il paese e decidere sulle sue leggi devono ottenere un mandato dal popolo sovrano…. Perché una sentenza non può valere più del voto di milioni di italiani… e gli interventi contro gli eletti sono eversione della democrazia”.

 

3 Commenti

  1. marco ha detto:

    A distanza di 25 anni da tangentopoli, il revisionismo ha portato gli Italiani a schierarsi in maggioranza coi ladri (politici) accusando chi ha perseguito i ladri di essere responsabile del degrado attuale.
    Un fatto é certo: la politica non ha saputo/voluto apportare le indispensabili contromisure per fare pulizia al suo interno, concentrandosi sulla delegittimazione della Magistratura.
    In effetti chiedere ai ladri di autoimpedersi di rubare mi sembra il massimo della stupidità.
    Delegittimata la Magistratura, chi ci salverà dai ladri ?

  2. Giuseppe ha detto:

    Ho già espresso la mia opinione su Borrelli, il cui comportamento è stato certamente al di sopra di ogni sospetto. Le indagini sulla corruzione strisciante tra i partiti politici non solo era diventata opportuna, ma addirittura necessaria. Quasi tutti i partiti avevano le loro mele marce e, in certi casi, le responsabilità erano da ricercare molto in alto, mettendo in discussione anche i vertici dell’apparato. Che poi sia stata fatta realmente giustizia è tutto da dimostrare. Non ci si è resi conto che la distruzione capillare di un sistema che, pur avendo i suoi difetti (la perfezione è una prerogativa che appartine solo al Padreterno), aveva comunque funzionato per quasi mezzo secolo, avrebbe potuto portare a delle conseguenze imprevedibili. Il fatto è che quando si comincia a sparare nel mucchio si agisce un po’ alla cieca e si presta il fianco anche a delazioni interessate, magari basate sul pettegolezzo o addirittura sul nulla. Basta vedere quanti errori giudiziari, negli ambiti più disparati, hanno coinvolto persone il cui nome faceva scalpore perché famose, offrendo ai massmedia l’opportunità di inzupparci un succulento biscotto.
    Azzerando quella classe politica si è dato spazio agli avventurieri, ai populisti e agli opportunisti, personaggi di mezza tacca che oltre ad aver continuato a prendere tangenti in modo più o meno esplicito, hanno ridicolizzato il nostro paese, riducendolo a una barzelletta…

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi