Omelie 2016 di don Giorgio: QUATTORDICESIMA DOPO PENTECOSTE

21 agosto 2016: XIV DOPO PENTECOSTE
Esd 2,70-3,7.10-13; Ef 4,17-24; Mt 5,33-48
L’autore sacro del primo brano, tolto dal libro di Esdra, rievoca un momento particolare, diciamo un’emozione forte provata dal popolo ebraico, tornato in patria dopo l’esilio babilonese, nel vedere ricostruire le fondamenta del nuovo Tempio, dopo che la meraviglia di Salomone era stata rasa al suolo nel 586 a.C. dall’esercito di Nabucodonosor.
Leggendo il brano, si rimane colpiti dalla reazione apparentemente paradossale del popolo, che urla per la gioia e urla per  il pianto. Come mai?
Urla di gioia e di pianto
Sarebbe troppo sbrigativo rispondere dicendo che i più giovani tra gli ebrei, nati durante l’esilio, fossero entusiasti di gioia nell’assistere alla rinascita del loro popolo, che, se aveva bisogno di mura protettive, aveva soprattutto bisogno di un tempio per ristabilire l’alleanza con Dio. E sarebbe troppo sbrigativo dicendo che, dall’altra parte, i più anziani, che avevano assistito alla distruzione di Gerusalemme e del Tempio salomonico, piangessero nel ricordare ciò che avevano perduto di più caro.
Gioia e pianto insieme, parte della nostra esperienza
Allarghiamo il discorso. La gioia e il pianto è un misto talora incontrollabile e inscindibile di esperienze passate, che rivivono nella speranza di una rinascita. La gioia è unita alla sofferenza dei ricordi, e i ricordi si tramutano nella gioia della speranza.
Gioire e piangere: quante volte sarà capitato anche a voi! Si piange per troppa gioia. La gioia che fa piangere è quella che nasce da una grande sofferenza, che ora trova la sua rivincita.
Sembra quasi che una gioia a se stante non sia così saporosa come quella legata ad una sofferenza. Questa comunanza l’ha capita bene lo stesso Gesù Cristo, quando ha citato l’esempio di una donna che partorisce.
In fondo, ogni parto, di qualsiasi genere, è frutto di dolore, che poi si tramuta in gioia.
L’esuberanza dei giovani
Se c’è una cosa che i giovani, a differenza degli anziani, dovranno ancora capire è che la vita non è da gustare con il criterio categorico: “Mordi tutto ciò che ti capita sotto tiro e, poi aspetta che arrivi sera, per provare altre emozioni!”.
C’è una legge della vita che riguarda tutti: ogni gioia è frutto di una rinuncia al superfluo. Troppo superfluo prima o poi porta al collasso, e dal collasso si esce tornando all’essenziale. Lo avevano capito molto bene gli ebrei esuli tornati in patria: avevano perso tutto, perché avevano tradito l’Essenziale, ovvero l’Alleanza con Dio.
Se di tutto l’Antico Testamento tenessimo anche solo questo insegnamento, ovvero che perdere l’essenziale è perdere tutto, credo che potremmo dimenticare anche tutto il resto. Un insegnamento, che anche i giovani, soprattutto i giovani, dovrebbero imparare in fretta, se non vogliono essere travolti dall’eccesso di cose inutili, che vanno ad appesantire il respiro del proprio essere interiore. Ed è qui il vero pericolo per i giovani: soffocare l’essere.
Cristo e San Paolo
Passiamo al brano del Vangelo, con un occhio anche al brano di San Paolo. Sì, perché leggendo le parole di Gesù e le parole di San Paolo, rimango colpito dai loro differenti punti di vista. Gesù mette a confronto la legge antica con la nuova legge, quella da lui inaugurata: “Avete anche inteso che fu detto agli antichi…, ma io vi dico…”. San Paolo, invece, mette a confronto l’atteggiamento dei pagani con quello dei nuovi credenti in Cristo: “Non comportatevi più come i pagani… voi dovete rinnovarvi nello spirito della vostra mente e rivestire l’uomo nuovo…”.
Cristianesimo e mondo pagano
Non mi è facile in pochi minuti spiegare il motivo per cui Gesù se la prendeva con la religione ebraica e il motivo per cui San Paolo metteva in guardia i cristiani dal mondo pagano. Diciamo subito che San Paolo ha pagato sulla sua pelle il fatto di essere stato un ebreo fanatico, persecutore dei cristiani, e che, una volta convertito, ha fatto di tutto per sganciarsi dalla religione ebraica, tanto è vero che è stato più volte dagli ebrei perseguitato, minacciato di morte e, per sfuggire al tribunale ebraico, si era appellato alla sua cittadinanza romana. Il suo problema, dunque, è stato come evangelizzare il mondo pagano, che a lui sembrava tanto lontano dal Vangelo di Cristo. Ma è successo che proprio quel mondo, apparentemente così diverso e lontano, abbia accolto con entusiasmo la Buona Novella, mentre le persecuzioni all’inizio sono arrivate proprio dal mondo ebraico. Certo, le grandi persecuzioni contro i cristiani sono state quelle dell’impero romano, ma come impero, come potere: la povera gente da tempo aspettava un messaggio di conforto e di speranza, tanto più che i cristiani parlavano di giustizia, di uguaglianza, ed è stato proprio questo messaggio sociale a scatenare le ire del potere romano, fondato sulla più grande ingiustizia, ovvero sulla schiavitù.
Diciamo anche che, una svolta sganciato dalla religione ebraica, il cristianesimo ha sempre avuto a che fare con il mondo pagano. E qui, il discorso diventerebbe interessante: su come tra il paganesimo e il cristianesimo ci sia stato un confronto-scontro e poi una simbiosi, fino ad una specie di assimilazione reciproca. Il mondo pagano, in poche parole, ha trovato nel cristianesimo qualcosa di già suo, e i cristiani hanno preso usi e costumi anche pagani, pur cristianizzandoli.
Cristianesimo e religione  
Tornando a Gesù Cristo, la sua polemica nei riguardi della religione ebraica è stata fondamentale per capire la svolta radicale, che egli ha dato nei riguardi di ogni religione. In breve, Gesù ha inaugurato una nuova era, in cui o la religione si metterà totalmente al servizio dell’essere umano, o dovrà sparire. In ogni caso, il cristianesimo nel pensiero di Cristo non potrà mai essere una religione. La nuova religione è l’Umanità nei suoi valori più nobili e puri, da riscoprire già in ogni essere umano. Ecco perché il cristianesimo è anzitutto una realtà interiore, che scava nel profondo dell’essere umano. Da qui, escono i pensieri migliori, che potranno dirigere la società verso un futuro migliore. Certo, il cristianesimo ha riflessi anche nel campo sociale e politico, ma nei suoi valori più umani, che sono quelli dell’essere interiore.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi