Omelie 2014 di don Giorgio: Quarta Domenica dopo il Martirio di S. Giovanni Battista

21 settembre 2014: Quarta Domenica dopo il Martirio di S. Giovanni il Precursore
Is 63,19b-64,10; Eb 9,1-12; Gv 6,24-35
Il primo brano della Messa è la seconda parte di una lamentazione – un vero e proprio salmo di supplica – che il profeta anonimo, voce del popolo eletto, rivolge al Signore perché Egli di nuovo apra i cieli e discenda tra la sua gente per scuoterla. Siamo in un momento storico particolare del popolo ebraico: tornato in patria dopo l’esilio babilonese, aveva trovato una terra deserta, senza più nulla, tutta da ricostruire. Occorreva non solo tanta buona volontà, ma soprattutto quel ritorno alla fede genuina, precedentemente tradita.
Vorrei soffermarmi su una parola che torna spesso nei testi sacri. Una parola che ricorre più di altre, ed è: giustizia. Ho avuto la conferma, dopo una ricerca fatta su internet. Vi riporto ciò che ho trovato: nella Bibbia la parola amore è presente per 196 volte, la parola pace per 306, la parola giustizia per 455 volte. Lasciamo stare il numero, che potrebbe anche variare, ma ero più che certo che la parola giustizia superasse le altre. Ma la cosa più importante è cogliere il senso, che ha la parola giustizia nei testi sacri.
Noi cittadini abbiamo un concetto tutto particolare di ciò che è giusto, concetto che poi varia di volta in volta, secondo i nostri umori o le nostre pretese. Il più delle volte equipariamo giustizia a legalità, come se la giustizia fosse prerogativa dei giudici o dello Stato. Anche nella società civile la giustizia di per sé va oltre una istituzione umana, ma in realtà non è così. Ecco perché il cittadino ha perso il vero valore della giustizia. Talora in nome della giustizia parliamo di diritti. Ma anche qui siamo fuori strada. La giustizia di per sé va oltre il concetto di diritto umano. La giustizia, in poche parole, anche su un piano civile, fa parte di ciò che noi siamo in quanto esseri umani. I diritti vengono dopo i doveri che sono insiti nel nostro essere umano, altrimenti si rischia di trasformare in diritto qualcosa che non corrisponde alla nostra dignità umana.
La parola che ricorre sulla bocca di tutti è giustizia, ma nel suo senso negativo: questo non è giusto!  E siccome allarghiamo sempre di più il campo dei diritti-pretese, la mancanza di giustizia rientra tra le lamentele più diffuse.
Anzitutto, sfatiamo l’idea che giustizia equivalga a legalità. Se un Parlamento emettesse leggi sbagliate, in tal caso non potremmo parlare di giustizia. Legalità, dunque, non corrisponde di per sé a giustizia, intesa nel suo significato più ampio di rispetto della dignità dell’essere umano.
Secondo la Bibbia parlare di giustizia è parlare di quel disegno misterioso di Dio, che non può essere racchiuso nelle piccole menti umane, ma che trascende la logica umana, ovvero quel nostro modo di pensare le cose o l’universo secondo criteri di potere, di forza, di numeri, di denaro. I giusti, secondo la Bibbia, sono coloro che sono fedeli all’Alleanza: sono coloro che non fanno parte dei giochi umani, sono coloro che rifiutano compromessi con i più forti. La giustizia biblica è quel misterioso piano di Dio, che scompagina i piani umani. Essendo del tutto misterioso, il disegno di Dio sulla storia esige grande fede, il che significa che, pur facendo parte di questo momento storico, dobbiamo sempre salvare in noi quell’aspetto contemplativo, che è il nostro segreto di libertà interiore.
Il secondo brano della Messa è tratto dalla lettera agli Ebrei. Una lettera, purtroppo, dimenticata e poco conosciuta: non è tanto indirizzata agli Ebrei, ma è piuttosto un “discorso di esortazione” per tutti i cristiani che attraversano una situazione di prova e di crisi. L’autore non è certamente san Paolo, ma rimane ancora anonimo: senza un nome. Tema centrale è il sacerdozio di Cristo. In che senso Gesù è sacerdote, se non apparteneva alla classe sacerdotale di Aronne e non ha mai officiato nel Tempio? Sì, è sacerdote ma in un modo del tutto diverso dai sacerdoti della religione ebraica. Storicamente infatti egli è stato e ha vissuto l’ebraismo da “laico”. Tuttavia Gesù è davvero il grande sacerdote della nuova alleanza. Il sacerdozio di Cristo non appartiene ad alcuna religione. Quante volte l’ho detto: il cristianesimo di per sé non è una nuova religione. Ogni religione crea vincoli e separazioni: solo il sommo sacerdote ebraico poteva entrare nel Santo dei Santi, separato dal luogo, detto semplicemente Santo, dove potevano accedere i comuni sacerdoti.
Il Tempio era un insieme di barriere: barriere per le donne, barriere per i pagani, ecc. Pochi ricordano che alla morte di Cristo, «il velo del Tempio si squarciò in due, da cima a fondo» scrive l’evangelista Luca. Secondo gli esegeti, l’autore sacro intendeva dire che la morte di Cristo ha segnato la fine dell’antica religione ebraica: sono cadute per sempre le separazioni tra l’essere umano e Dio.
Il cristianesimo è apertura, non è un mondo di chiusure. Ma tutti sappiamo come sono andate le cose. Il cristianesimo, lungo i secoli, è tornato ad essere una religione: un mondo di separazioni. La Chiesa cattolica, in fondo, che cosa è diventata? Anche noi preti, sacerdoti della nuova alleanza, dovremmo chiederci ripetutamente se siamo ministri, ovvero al servizio di un Mistero, quello divino, che unisce e non separa: unisce nel profondo di noi stessi. Più restiamo esterni a noi, più distinguiamo, separiamo. Dio è nel profondo del nostro essere. Qui, siamo tutti fratelli, e ci sentiamo fratelli. Pensate: il Figlio di Dio, incarnandosi, è disceso dal cielo, rompendo ogni barriera. L’incarnazione è una discesa. La religione invece è una salita, con tanti gradini, con tante complicazioni, con tanti ostacoli. Cristo è venuto per togliere ogni separazione tra impuro, profano e sacro. Noi ministri non facciamo altro che separare ancora ciò che è religioso da ciò che è umano. Già la parola “sacerdozio” dovrebbe farci riflettere: deriva da sacer, sacro, tutto ciò che è divino. La parola “religioso rimanda alla religione, che invece separa il sacro da ciò che noi chiamiamo profano. Di per sé non c’è nulla di profano: il termine “profano” deriva dal latino “profanus”, ovvero ciò che è al di fuori, resta al di fuori (pro) del fanum, intendendo con quest’ultimo termine un bosco sacro, un luogo sacro, un tempio. Tutto l’universo è la casa di Dio: nulla può essere fuori.
Ne abbiamo ancora di strada da percorrere prima di arrivare a comprendere e ad accettare un mondo, dove non esistano più distinzioni tra sacro e profano. Lo stesso laicismo non avrebbe più senso.
Il brano del Vangelo ci aiuta a riflettere su un tipico atteggiamento anche di noi credenti: chiedere continuamente a Dio segni e miracoli d’ogni tipo. Come fossimo drogati. Ottenuta una grazia ne vogliamo un’altra. Non ci accontentiamo mai. Sembra che non possiamo fare a meno di interventi dall’alto.
Corriamo da un santuario all’altro per chiedere grazie materiali e spirituali. Non apriamo gli occhi abbastanza per capire che tutto è un segno di Dio, anche ciò che noi chiamiamo male. L’evangelista Giovanni non usa la parola miracolo, ma parla di “segni”: un segno nasconde qualcosa che va oltre il gesto o l’azione in sé.
Che cosa era successo? Gesù aveva compiuto il giorno prima un grandioso segno: aveva moltiplicato pani e pesci per sfamare la folla che lo stava ascoltando. Dalla domanda provocatoria che rivolge a Filippo: «Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?» appare chiaro l’intento di Gesù: compiere un “segno” che andasse oltre un pezzo di pane materiale. Ma sapeva anche che la folla sul momento non avrebbe capito il significato di quel segno. Difatti la folla lo vuole fare re. Pensate: un re che avrebbe regalato pane a tutto il regno! Ma Gesù non ci sta, e se ne va tutto solo sul monte vicino. Scesa la notte, attraversa il lago per far disperdere le proprie tracce. Ma la folla lo cerca, finché non lo trova a Cafarnao. Qui s’inserisce l’episodio della pagina del Vangelo.
Gesù subito provoca tutta quella gente accorsa per chiedere un altro miracolo: «Voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati». Gli ebrei reagiscono male. Forse noi moderni avremmo fatto di peggio. Siamo in difficoltà economica, e tu mi parli di un altro cibo? Ma di quale cibo? Noi chiediamo un lavoro onesto, un pezzo di pane per sfamare i nostri figli, e tu ci parli di vita eterna? Ma dài, sii serio e non prenderci in giro.
In due mila anni di cristianesimo che cosa abbiamo capito di Cristo? Abbiamo fatto del cristianesimo una religione taumaturgica con la pretesa che ci risolvesse tutti i problemi esistenziali. È vero: Cristo si è incarnato, ha assunto la nostra “carne”, non può non essere vicino alle nostre difficoltà quotidiane per sopravvivere. Ma la domanda è un’altra: l’essere umano di che cosa ha “veramente” bisogno? Solo di un cibo materiale, di un lavoro e di tanta salute? Perché non siamo mai contenti? Il peggior castigo per gli ebrei era quando Dio “taceva”: quando cioè faceva mancare la sua Parola di vita.
Il più grande peccato di oggi è un cuore arido, una mente atrofizzata. Anche il corpo fisico ne risente.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi