Irene Pivetti, l’indagine per riciclaggio e le tre Ferrari: sequestro da 4 milioni di euro

da Il Corriere della Sera

Irene Pivetti,

l’indagine per riciclaggio e le tre Ferrari:

sequestro da 4 milioni di euro

di Redazione Milano
Lo ha eseguito giovedì mattina la Guardia di Finanza a Milano: «L’ex presidente della Camera poteva moltiplicare gli affari illeciti». Tra gli indagati anche il pilota Leonardo «Leo» Isolani, la moglie, la figlia, un notaio e due imprenditori. L’indagine ipotizza il ruolo di intermediazione del gruppo Only Italia
Sequestrati 4 milioni di euro a Irene Pivetti e a un suo consulente, Pier Domenico Peirone. Il blitz, giovedì mattina, della Guardia di Finanza a Milano. L’ex presidente della Camera è tra gli indagati per riciclaggio e frode fiscale in un’indagine del pm Giovanni Tarzia su una serie di operazioni commerciali, in particolare la compravendita di tre Ferrari Gran Turismo, che sarebbero servite per «ripulire» i proventi di un’evasione fiscale. Sono contestati due reati tributari: il riciclaggio e l’autoriciclaggio. Pivetti, scrive il pm nel decreto di sequestro, avrebbe avuto ancora la «concreta possibilità di spostare il denaro sui conti correnti accesi all’estero ed intestati alle società del cosiddetto Gruppo Only Italia, ovvero su conti di altri prestanome o di cosiddette tesorerie fiduciarie» per «moltiplicare» gli affari «illeciti» che «tale opaco reticolato di società è in grado di realizzare». Queste operazioni sporche, scrive ancora il pm Tarzia, hanno già «permesso» all’ex presidente della Camera di «ottenere, in modo occulto, una significativa somma di denaro, successivamente spostata su differenti conti ed infine reimpiegata nella propria attività economica» (in questo articolo la galassia di società di Irene Pivetti).
Il pilota Leo Isolani e le vendite simulate
Le stesse accuse rivolte a Irene Pivetti sono contestate, tra gli altri, anche all’ex pilota di rally e gran turismo Leonardo «Leo» Isolani, alla moglie di Isolani, Emanuela Mascoli, e alla figlia Giorgia Giovannelli . La somma sequestrata coincide con il profitto dei reati ipotizzati. L’indagine ipotizza il ruolo di intermediazione del gruppo Only Italia, presieduto da Pivetti, in operazioni delle società di Isolani per nascondere al fisco alcuni beni, tra cui le Ferrari. I fatti risalirebbero al 2016. Isolani, che ha un suo «team racing», avrebbe venduto tutti i beni (attrezzature, marchio e sito web) di una sua società indebitata con l’erario per diversi milioni di euro al fine di svuotarla. Quei beni sarebbero poi finiti a un’altra sua società con base a San Marino, la quale avrebbe rivenduto gli stessi beni, e in più le tre Ferrari, a una società di Hong Kong riferibile a Pivetti. Una lavatrice contabile? Cessioni fantasma? Quest’ultima società avrebbe poi voluto cedere nuovamente gli asset al Gruppo Daohe del magnate Zhou Xi Jian, ma le auto non sarebbero tuttavia mai arrivate «nella disponibilità del gruppo cinese»: sarebbero state trasferite in Spagna, dove Isolani «tentò di venderle». Le «compravendite» dell’aprile 2016 appaiono dunque come «simulate» e «il reale soggetto che ha simulato l’acquisto della scuderia Isolani», si legge nel decreto di sequestro, «è Irene Pivetti». L’unico «bene effettivamente ceduto», e «passato nella disponibilità del gruppo cinese, sarebbe il logo della Scuderia Isolani «abbinato al logo Ferrari». Se lo scopo di «Isolani e Mascoli», sua moglie (entrambi si trasferirono alle Canarie), è stato quello «di dissimulare la proprietà dei beni e sottrarli» al Fisco, «l’obiettivo perseguito da Pivetti è stato quello di acquistare il logo Isolani-Ferrari per cederlo a un prezzo dieci volte superiore al gruppo Daohe, senza comparire in prima persona come contraente». Attraverso la «complessa contrattazione» Isolani e la moglie, «simulando la vendita dell’intera scuderia», avrebbero di fatto ceduto «soltanto il logo», mentre Pivetti avrebbe comprato il marchio a 1,2 milioni di euro e lo avrebbe rivenduto al gruppo cinese per «10 milioni» di euro.
Gli avvisi di conclusione delle indagini
In tutto gli indagati sono sette. Pivetti, Isolani, la moglie e la figlia dell’ex pilota, il notaio e due imprenditori (di cui uno cinese). Gli avvisi di conclusione dell’indagine sono stati notificati in vista della richiesta di rinvio a giudizio. Le tre auto Ferrari da competizione, del valore complessivo di oltre 1 milione di euro, sono sottoposte a sequestro preventivo. Il provvedimento è stato emesso in via d’urgenza: 3,5 milioni di euro come «profitto della frode fiscale» e 500mila euro «quale profitto delle condotte di riciclaggio dei proventi» dell’evasione. Dagli accertamenti sono emersi ricavi per «circa 8 milioni» realizzati attraverso la compravendita in particolare delle Ferrari e «sottratti a tassazione in Italia attraverso la fittizia interposizione di veicoli societari esteri».
La rotta Italia-Hong Kong
Oltre a dirottare a Hong Kong «proventi imponibili» in Italia, spiegano gli investigatori, il patrimonio della società automobilistica di Isolani sarebbe stato sottratto alle «procedure di riscossione coattiva per debiti tributari insoluti, pari a oltre 5 milioni di euro». Le indagini sono state estese, negli ultimi mesi, a «decine di giurisdizioni estere» attraverso rogatorie (verso Hong Kong, Cina, Macao, Svizzera, San Marino, Malta, Monaco, Gran Bretagna, Polonia e Spagna). È emerso che «parte del profitto della frode fiscale» era stato movimentato «sempre estero su estero».
Chi è Irene Pivetti
Ex politica, conduttrice televisiva e giornalista, sorella maggiore dell’attrice Veronica, Irene Pivetti è stata eletta deputata con la Lega e presidente della Camera nel 1994 (al quarto scrutinio). Poi è passata all’Udeur ed è rimasta in Parlamento fino al 2001. È figlia del regista Paolo Pivetti e dell’attrice e doppiatrice Grazia Gabrielli. Laureata con lode in Lettere (indirizzo filosofico) alla Cattolica di Milano, dopo l’università ha lavorato come consulente editoriale per Motta Editore, Selezione, Mondadori, Club degli Editori e De Agostini. Oggi cura un blog e lavora come imprenditrice.
Il caso mascherine
Nell’aprile 2020, durante la prima ondata Covid, la Guardia di Finanza aveva sequestrato circa mezzo milione di mascherine importate dalla Cina dalla Only Logistic, l’azienda di Irene Pivetti. Erano state ritenute non idonee e di scarsa qualità. Gli inquirenti erano risaliti a quattro fatture emesse dalla sua società alla Protezione Civile per la cessione di 15 milioni di mascherine (valore totale: 25 milioni di euro). Sulla base di quest’inchiesta erano stati bloccati 1,5 milioni di euro sui conti correnti della società e Pivetti era stata indagata — assieme ad altre quattro persone — con l’accusa di frode in commercio, falso ideologico, uso di atto falso, ricettazione, fornitura di prodotti non conformi, violazione di dazi doganali e reati fiscali. Un procedimento era stato aperto anche dalla Corte dei conti a Roma. Sul caso mascherine indaga anche la Procura di Milano.

***

Per conoscere meglio il personaggio Irene Pivetti

quando era segretario della Lega Nord

 

Per il testo in pdf
clicca

qui

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi