«Modello Lombardo» sotto accusa, parlano i testimoni del Covid

da Il Manifesto

«Modello Lombardo» sotto accusa,

parlano i testimoni del Covid

Milano. In migliaia a piazza Duomo chiedono il commissariamento della sanità dopo la gestione fallimentare dell’emergenza virus. Un’infermiera dal palco: «Non basta curare, bisogna prendersi cura delle persone. Per farlo va cambiata radicalmente la sanità lombarda»
Roberto Maggioni MILANO
21.06.2020
In piazza Duomo dietro allo striscione «Salviamo la Lombardia» l’appartenenza politica si è mischiata alla vita delle persone che hanno subito la gestione lombarda del Covid. La commozione si è mischiata alla richiesta di cambiamento, la rabbia alla consapevolezza che non è ancora finita. In migliaia, tutti con la mascherina, distanziati, sfidando un sole cocente, hanno ascoltato per un’ora e mezza i racconti e le testimonianze di diverse figure che da angolazioni diverse hanno portato in piazza il loro punto di vista. Tutte accomunate da una cosa: chi ha sbagliato deve andare a casa.
QUESTA PIAZZA NON NE PUÒ più del centro destra che governa la Lombardia da 25 anni, anche se rabbia e voglia di cambiamento devono misurarsi con il senso di impotenza e la paura che nulla cambi neanche dopo quanto successo in questi tre mesi. «Il Covid è stata la prova del loro fallimento che però arriva da lontano» dice un signore over 60. «Ma non so in quanti cambieranno idea sul governo di questa regione. Me lo auguro, ma non ne sono certo». Questo è uno dei temi che le piazze di Milano si portano dietro: quanto consenso c’è attorno a questa voglia di cambiamento nel resto della regione? «Ci sarà tempo per rispondere a questa domanda» è la considerazione più comune.
A TENERE PIAZZA DUOMO ordinata e in sicurezza ci hanno pensato oltre 100 volontari mobilitati dalle associazioni che hanno convocato la manifestazione: Milano 2030, Arci, Acli, I Sentinelli, Casa Comune, Medicina Democratica, Cittadini Reattivi, iCoinvolti. Con loro oltre 60 associazioni hanno aderito e in piazza si sono viste con bandiere, striscioni e cartelli autoprodotti. Prima degli interventi la piazza a omaggiato con un minuto di silenzio George Floyd inginocchiandosi come stanno facendo simbolicamente solidali in tutto il mondo.
AD APRIRE GLI INTERVENTI Cecilia Strada che ha ricordato che la metà dei morti Covid in Italia sono stati in Lombardia, da questa regione bisogna partire per capire le responsabilità della politica». Una signora ha raccontato della sua famiglia alle prese col Covid per oltre due mesi. «Ci siamo dovuti autogestire, ci siamo sentiti abbandonati dalla Regione». In tanti hanno raccontato delle ricadute psicologiche che ancora si fanno sentire. «È faticoso tornare alla normalità, quanto successo lascerà traccia».
UN ALTRO INTERVENTO ricorda che Milano «ha dimostrato senso di solidarietà, ad esempio con le brigate di giovani che hanno consegnato spesa e pacchi alimentari alle famiglie in difficoltà come la mia». Le brigate però erano negli stessi minuti nell’altra piazza milanese, quella convocata fuori dal palazzo della Regione Lombardia. Una divisone che ha lasciato perplessi molti, qualcuno la butta sull’anagrafe: «i genitori sono qui in Duomo, i figli sono sotto la Regione». E in parte è così.
«TUTTO QUELLO CHE È SUCCESSO in questi mesi necessitava una risposta popolare» dice Luca Paladini dei Sentinelli, tra i promotori ma che come altre figure che hanno promosso questa manifestazione ha scelto di non parlare dal palchetto per lasciare spazio ad altre storie. «Si parla di seconda ondata ma il rischio in Lombardia è che ci sia un’unica onda», dice ai giornalisti. Il parlamentare di Leu Francesco Laforgia porterà la richiesta di commissariamento della sanità lombarda a Roma, anche perché entro agosto si vota il rinnovo della legge Maroni sulla sanità lombarda. «Da parlamentare voglio discuterne in parlamento, voglio sapere se quello lombardo è un modello oppure qualcosa da cambiare radicalmente».
IL TESTO CON LA RACCOLTA firme per il commissariamento promosso da Milano 2030 è già arrivato sul tavolo del ministro della Salute Speranza, anche lui di Leu. «Non basta curare, bisogna prendersi cura delle persone», ricorda un’infermiera nel suo intervento. «Per farlo va cambiata radicalmente la sanità lombarda». L’intervento più applaudito è quello di Vittorio Agnoletto, medico e attivista. «Dobbiamo trasformare la sofferenza in forza. Siamo qui per chiedere una cosa semplice: Fontana e Gallera se ne devono andare, la sanità deve essere commissariata». È l’applauso più forte anche se la richiesta di commissariamento non mette d’accordo tutti, tra i critici il Pd lombardo. La battaglia politica, dopo questo assolato pomeriggio in piazza Duomo, si sposterà sulla riforma della legge Maroni che entro agosto dovrà essere revisionata. Sarà quello lo strumento per riportare il pubblico al centro della sanità lombarda, si augurano i manifestanti di piazza Duomo. E proveranno a fare pressione sulla giunta Fontana per arrivare a questo cambio radicale. La prima mossa di Fontana però è stata richiamare Cl a dirigere le operazioni, cosa che non fa ben sperare chi è sceso in piazza.
IL PRESIDENTE LOMBARDO ieri non era a Milano, insieme a una delegazione lombarda ha incontrato Papa Francesco in Vaticano, il Papa più insultato dalla base leghista. Fontana lo ha invitato in Lombardia: «Una sua visita per noi sarebbe luce contro le tenebre».

2 Commenti

  1. antonio ha detto:

    Votando sfruttatori di ogni forma di prostituzione e vandali assassini, peraltro tutti a piede libero o a godersi il bottino in qualche ‘paradiso’ fiscale in attesa della prossima vendemmia, la prossima tornata elettorale… l’esercito di papponi e mignotte alla sequela dei sistemi criminali arcore e legnano , dopo numerosissime battaglie vinte, ha infine vinto anche la guerra contro i propri corregionali e connazionali, ipotecando il futuro di tutti quelli e quelle meno disposti e disposte ad andare in giro con le mutandine al ginocchio… ma non al punto da affrontare alla ‘hammurabi’ un simile tsunami di assassini e feccia umana, che è ha ‘amministrato’ e dal primo giorno con i piedi di porco in mano…

    Speriamo solo firmando l’altrui condanna temporale, la pena capitale per chiunque osi anche solo evocare istanze etiche e morali, questa puzzolente e indemoniata rozza razza stomaco-genitale, dai musoni tumefatti e zigomi rigonfi, questi ‘cumuli di merda inutilizzabili in agricoltura’… sia soddisfatta e non proceda oltre, trascinando con sé all’inferno il popolo apostata e corrotto fino al midollo.

    Una nota sul vitello d’oro… è l’unica statua a non essere stata sfiorata, né in Italia né all’estero…

    Considerando la ‘risposta’ del popolo alle fosse comuni, necessarie quando il costo unitario della vita umana si abbassa al di sotto dello zero virgola utile a produrre una mascherina, bisogna affermare questa prima ondata sia stata il più grande plebiscito per satana della storia umana.

  2. simone ha detto:

    Da Lombardo penso che la nostra regione stia pagando il prezzo del malgoverno di cialtroni che per anni hanno occupato poltrone. In primis il sig. Roberto Formigoni caro amico di Comunione e Liberazione e del card. Angelo Scola.

    Giusta la stanchezza e la protesta.
    Già che ci siete chiedete anche le dimissioni del vescovo Mario e la pulizia di tutta la curia milanese.
    Anche loro sono responsabili della crescente immoralità della nostra terra.
    Perchè tra i furbi, i più furbi son quelli che si difendono dietro l’abito talare.

    Fontana, Delpini…è tempo di lasciare il passo.
    State costruendo un futuro chiuso, privo di valori…

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi