Metamorfosi di un premier da «burattino» a primattore

Dall’impaccio al discorso programmatico al negoziato a muso duro in Europa Al rientro subito ricevuto al Colle da Mattarella, che esorta: «Ora presto un concreto ed efficace piano d’interventi utilizzando le condizioni proficue» ottenute – Lapresse
da AVVENIRE
22 luglio 2020
La svolta sui Recovery Fund.

Metamorfosi di un premier

da «burattino» a primattore

Angelo Picariello
Da ex ‘burattino’, ostaggio dei due vicepremier, a protagonista assoluto di un’estenuante trattativa in un Consiglio Europeo tra i più difficili, che assegna alla fine all’Italia più di 200 miliardi
Da ex ‘burattino’, ostaggio dei due vicepremier, a protagonista assoluto di un’estenuante trattativa in un Consiglio Europeo tra i più difficili, che assegna alla fine all’Italia più di 200 miliardi, fra prestiti e aiuti diretti, per fronteggiare l’emergenza Covid. Quasi non sembra lo stesso Giuseppe Conte che, nel prendere la parola alla Camera per le dichiarazioni programmatiche, s’impappina con i fogli, con Luigi Di Maio che lo soccorre non prima di aver apportato qualche aggiunta e qualche tagliolast minute al testo. Sembra un secolo fa, invece sono passati solo due anni. Conte 2, la vendetta. Un processo iniziato molto prima dell’avvento del “bis” a Palazzo Chigi. Con un elemento di continuità dato dai rapporti sempre saldi mantenuti con Sergio Mattarella che ieri mattina si è affrettato a riceverlo al Quirinale, appena rientrato da Bruxelles. Mattarella non si è mai stancato di ricordargli le sue prerogative costituzionali, in grado di affrancarlo dalla pressione speculare e concorrente di Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Ma accade nel calcio, a volte, che atleti i quali non eccellono nelle squadre di appartenenza, se – per intuizione del selezionatore – hanno modo di vestire la maglia azzurra, poi acquistino una nuova sicurezza che si riverbera anche nella compagine di provenienza. Così, un anno e mezzo fa, nella sua visita a Berlino, Mattarella potette toccare con mano la credibilità che l’ancora incerto premier italiano stava iniziando a conquistare presso le cancellerie europee. Angela Merkel gli disse con chiarezza che con Conte era scattata una buona intesa, tanto da relegare, ai suoi occhi, i continui strattoni dei due vice a mera ‘grana’ interna dell’Italia. Un processo di accreditamento al quale il “selezionatore” Mattarella ha contribuito con discrezione, che ha visto poi svolgere un ruolo importante anche da Emmanuel Macron.
Così, quando in pieno agosto 2019 Salvini ha deciso di volersi riprendere la quota di consenso che il successo alle Europee sembrava promettergli, ha commesso il fatale errore di sottovalutare la nuova fase di Conte, che il premier gli ha sbattuto letteralmente in faccia nel discorso al Senato che sancì la rottura, regalando dei siparietti incredibili. Il mese prima un solco profondo fra i due l’aveva scavato già l’operazione che aveva portato in dote a Ursula Von der Leyen i decisivi voti degli eurodeputati M5s, con un chiaro contributo all’operazione venuto proprio dal premier. Scoppiata la “pazza” crisi estiva, anche il Pd finì per sottovalutare il nuovo ruolo assunto da Conte. Poi, trovata l’intesa con il M5s, Nicola Zingaretti ha capito che la continuità nella guida poteva costituire un valore aggiunto in Europa, da accettare, al di là della richiesta di discontinuità programmatica. Il resto è storia recente. Se con la crisi del Covid l’Italia è diventata il problema dell’Europa, Conte sempre più è diventato, per l’asse Merkel– Macron, la soluzione. Il ‘Recovery fund’ è stata l’ultima idea geniale della statista tedesca, proposta a Macron e poi finita sul tavolo della Von der Leyen. Un vestito su misura per l’Italia, da poter meglio far digerire, rispetto agli Eurobond, ai ‘falchi’ tedeschi, decisi a far pagare all’Italia in un colpo solo gli 80 euro di Renzi, il reddito di cittadinanza di Di Maio e “Quota 100” di Salvini. Quest’ultima, soprattutto, ha indotto Mark Rutte ad alzare la voce: «Perché ci dovremmo fidare di te, se solo un anno fa hai permesso agli italiani di andare in pensione 7-8 anni prima degli olandesi?», gli ha detto a brutto muso, con tanti ad annuire, ben oltre i Paesi “frugali”.
Ma Conte ha tenuto duro, replicando con la forte invettiva sulle responsabilità che l’Olanda si sarebbe andata a prendere. A sbrogliare la matassa è stato ancora una volta l’asse “filo-Italia” fra Berlino, Parigi e Bruxelles: Merkel e Von Der Leyen hanno garantito per noi, con la trovata del “freno di emergenza”, ma anche ricordando la durata triennale di “Quota 100”, in scadenza nel 2021. Poco dopo il previsto arrivo degli aiuti europei. Nel frattempo la montagna per Conte è ancora dura da scalare, con le resistenze dei commercialisti a onorare le scadenze fiscali, e quelle del M5s ad accedere ai miliardi subito disponibili del Mes. Intanto l’Italia rischia una grave crisi di liquidità. E dal Quirinale trapela «apprezzamento e soddisfazione », ma anche l’invito, che suona come monito, a sfruttare le «condizioni proficue» per «predisporre rapidamente» un «concreto ed efficace » piano di interventi.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi