Omelie 2012 di don Giorgio: Sesta domenica di Avvento – rito ambrosiano

ATTO PENITENZIALE
che può sostituire la Confessione individuale
Per le  nostre confessioni delle grandi occasioni (Natale, Pasqua o ricorrenze varie) siamo abituati, direi ormai da secoli, a confrontarci con i comandamenti biblici e con i precetti ecclesiastici. Se almeno ci avessero interpretato bene i dieci comandamenti, non nel loro aspetto negativo ma positivo in riferimento cioè all’amore di un Dio che vuole che noi viviamo! Dio non è un sadico che si diverte a mortificarci! Questo non è il volto del Padre che Cristo ci ha rivelato.
Vorrei tanto che uscissimo una buona volta dalle strettoie di una religione che predica il masochismo: io mi salvo l’anima se mi mortifico nel corpo, e più mi mortifico più mi salvo. Se devo parlare di potatura, è solo in vista di un bene migliore, già in questa vita. Mi dovrei mortificare sul superfluo, sull’inutile, o su tutto ciò che mi toglie la possibilità di vivere in pienezza.
Il miglior confronto per un serio e positivo esame di coscienza non è tanto con una serie di imposizioni morali, ma con il mondo di quei Valori che appartengono all’Umanità. Quando parlo di esame di coscienza, la parola coscienza acquista il suo autentico senso in rapporto alla Coscienza universale, di cui ciascuno di noi è uno specchio vivente.
Ci sono alcune parole che usiamo anche frequentemente, ma di cui ci sfugge il senso originario. Pensate alla parola verità, alla parola bontà, alla parola bellezza. Gli antichi dicevano che il vero, il buono e il bello appartengono alla sfera dei trascendentali. Che significa? Significa che tra di loro c’è un nesso così profondo e così armonico che il vero non può fare a meno del buono e del bello, e così via. L’uno richiama l’altro. Non posso dire la verità e fare il male, non posso fare il bene distruggendo il bello.
Concretamente, chi va contro la verità, ovvero vive di bugie, di menzogne e di sotterfugi, va contro ogni principio di bene, va contro ogni bellezza o armonia dell’essere. Proviamo a chiederci fin dove amiamo dire la verità, se siamo sinceri con la Coscienza e nei nostri rapporti con gli altri.
Chi va contro il bene comune, che è il contesto del nostro singolo bene, mette a rischio la stessa verità e la stessa bellezza. Il bene comune non consiste solo nel pagare le tasse. Il bene comune è sentirci solidali nel bene e nel male.
Chi va contro la bellezza, ovvero non rispetta il creato, l’ambiente, non dà importanza anche all’arte, alla cura estetica del proprio paese, costui non è veritiero, non è credibile, non possiamo renderlo nostro modello di vita.
Ogni nostro atto, anche il più piccolo, deve rispecchiare armonicamente il vero, il buono e il bello. Avrei dovuto anche parlare di essenzialità, di gratuità, insieme alla bellezza. Ma potrete leggere alcune riflessioni sul foglio che trovate in fondo alla chiesa. Questo esame di coscienza che vi ho invitato a fare non si limita solo all’inizio di questa Messa. Dovrebbe continuare ogni giorno, soprattutto quando veniamo alla Messa festiva.
OMELIA
23 dicembre 2012: Sesta domenica di Avvento

Is 62, 10-63,3b; Fil 4,4-9; Lc 1,26-38

La Sesta e ultima domenica di Avvento è detta: “Domenica dell’Incarnazione o della Divina Maternità della beata sempre Vergine Maria”. Questa festa risale alla più alta antichità cristiana (434 d.C.) e trae probabilmente origine dal dogma della “Divina maternità di Maria”, proclamato dal Concilio di Efeso del 431. Si tratta di una festività tipica della tradizione ambrosiana. Difatti, nel rito romano la solennità di Maria Santissima Madre di Dio viene celebrata il primo di gennaio, ottavo giorno del Natale.
Nel rito ambrosiano, come dice molto bene il foglietto della Messa, la liturgia della sesta domenica di Avvento viene a configurarsi come il grande portale d’ingresso della celebrazione natalizia: è un invito a contemplare con un unico sguardo di fede il mistero dell’incarnazione del Figlio di Dio e della Divina Maternità di Maria. Come dice l’antifona alla Comunione, si tratta di un mirabile scambio di doni: il Creatore del genere umano, nascendo dalla Vergine intatta per opera dello Spirito Santo, riceve una carne mortale e ci elargisce una vita divina.
Già qui mi verrebbe spontanea una osservazione. Maria santissima è profondamente, diciamo intrinsecamente legata al Mistero della incarnazione del Figlio Gesù. Una devozione a Maria fine a se stessa, staccata dal Mistero della nascita del Figlio di Dio, è fuorviante, errata, pericolosa. Del resto, nel brano del Vangelo di oggi Maria dice all’arcangelo Gabriele: “Ecco la serva del Signore”. Maria ci deve portare ad essere anche noi servi del Signore, e non solo devoti di lei. I santi dicevano: la devozione mariana non può essere che cristologica, il che significa: più amo Maria, più amo Gesù. Se Maria non mi fa amare di più il Vangelo, non è la vera Madre di Gesù. Ecco che cosa significa che la festa di oggi è un invito a contemplare con un unico sguardo di fede il mistero dell’incarnazione del Figlio di Dio e della divina maternità di Maria.
Detto questo, passiamo ai tre brani della Messa. Nel primo, tolto dalla terza parte del libro di Isaia, l’anonimo profeta riferisce le parole del Signore che invita il popolo eletto ad essere pronto per la venuta imminente del Salvatore. Il popolo viene chiamato “figlia di Sion”. In proposito, Giovanni Paolo II così commenta: «La Bibbia usa spesso l’espressione “figlia di Sion” per indicare gli abitanti della città di Gerusalemme, della quale il monte Sion costituisce la parte storicamente e religiosamente più significativa (cf. Mic 4,10-13; Sof 3,14-18; Zc 2,14; 9,9-10). Questa personalizzazione al femminile rende più agevole l’interpretazione sponsale delle relazioni d’amore tra Dio e Israele, indicato spesso con i termini dì «fidanzata» o di «sposa». La storia della salvezza è la storia dell’amore di Dio, ma spesso anche dell’infedeltà dell’essere umano. La Parola del Signore rimprovera sovente la sposa-popolo che infrange l’alleanza nuziale stabilita con Dio: “Come una donna è infedele al suo amante, così voi, casa di Israele, siete stati infedeli a me” (Ger 3,20), e invita i figli d’Israele ad accusare la loro madre: “Accusate vostra madre, accusatela, perché essa non è più mia moglie e io non sono più suo marito!” (Os 2,4). In che cosa consiste il peccato di infedeltà di cui si macchia Israele, la “sposa” di Iahvè? Esso consiste soprattutto nell’idolatria: secondo il testo sacro, per il Signore, il ricorso agli idoli da parte del popolo eletto equivale ad un adulterio».
Se noi non comprendiamo questo, ovvero che ci siamo resi schiavi di qualcosa o di qualcuno, come possiamo comprendere che abbiamo bisogno di un salvatore o di un redentore? Il Papa con chiarezza indica qual è stato il vero peccato d’Israele: l’idolatria, e ci fa capire l’idolatria è anche il peccato che rende schiavo l’uomo moderno. Come al solito, la Chiesa nella sua gerarchia predica bene, ci dice esattamente come stanno le cose, ci indica la strada giusta, e poi favorisce o permette tutta una serie di comportamenti o di pratiche religiose che ci allontanano dalla strada principale.
Come ad esempio si è sviluppata la tradizione delle confessioni natalizie o pasquali, che consistono in un elenco di peccati individuali che nulla hanno a che fare con il peccato di idolatria, che è il vero peccato, l’origine di ogni peccato? Ma che cos’è l’idolatria?
Qualche moderno quando pensa a questa parola, idolatria, pensa ancora agli idoli, agli oggetti che gli antichi popoli rozzamente adoravano come se fossero delle divinità. Ma che cosa è cambiato, oggi? Mai come oggi possiamo dirci idolatri! Tutto è idolo, dagli oggetti più banali al dio denaro. Tutto è feticcio! La parola feticcio significa foggiato, fabbricato. Feticcio è un termine che i primi viaggiatori portoghesi in Africa occidentale applicavano agli oggetti (idoli, amuleti) che, secondo le loro osservazioni, erano venerati dagli indigeni, e il termine è rimasto ancora oggi a indicare ogni oggetto inanimato, naturale o artificiale, cui viene tributato culto da popolazioni feticiste. Il dizionario dà anche un significato più ampio del termine feticcio:  cosa o persona esaltata oltre misura, fatta oggetto di fanatico culto, o assunta come simbolo da gruppi sociali, correnti religiose o artistiche o letterarie.
Mancano pochi giorni al Natale cristiano. Quante volte sentiremo e noi stessi useremo la parola salvezza o salvatore! Del resto il nome Gesù significa “Dio è la salvezza”. Ma quante volte ci rendiamo conto di aver bisogno di essere salvati. Salvati da che cosa? Torna la domanda. Qual è il vero peccato che ci rende schiavi? La società sembra avere la dote di esaltare tutto, anche le cose più banali, di riempirle di qualcosa di magico, di così attraente da rimanerne soggiogate. Ad ogni Natale dovremmo sentire dentro di noi questo disagio: di essere in qualche modo vittime di esaltazioni consumistiche.
Nel secondo brano della Messa l’apostolo Paolo, scrivendo ai cristiani di Filippi li invita alla gioia per l’avvicinarsi del Signore. Non sappiamo esattamente che cosa intendesse dire con la frase: Il Signore è vicino! Vicino a tornare di nuovo? Sappiamo una cosa, ovvero che tra i primi cristiani c’era una forte attesa del ritorno del Signore come imminente. Dopo più di due mila anni di cristianesimo, siamo ancora qui a dire: il Signore è vicino! Ogni Natale che torna diciamo che il Signore si fa ancora più vicino. Ma sappiamo che in realtà poi non è così. Il Signore ci sembra ancora tanto lontano. Basta un piccolo dramma familiare, ed è difficile dire che il Signore è vicino. La società di anno in anno non sembra uscire da una spirale di violenza e di morte. Ma san Paolo ci dice una cosa molto interessante: “Quello che è vero, quello che è nobile, quello che è giusto, quello che è puro, quello che è amabile, quello che è onorato, ciò che è virtù e ciò che merita lode, questo sia oggetto dei vostri pensieri”. L’apostolo sembra dirci: Dio si è fatto vicino, si è fatto uno di noi, ma siamo noi che ci allontaniamo da lui. Il problema, allora, non è Dio se è o non è vicino a noi, ma il problema siamo noi che facciamo di tutto per allontanarci da lui. Come possiamo avvicinarci a Dio? Compiendo la verità, la giustizia, la bontà, l’umanità. Questa è la strada che ci porta a Dio.
Dire verità è dire Dio, dunque il credente è colui che dice il vero. Dire giustizia è dire Dio, dunque il credente è colui che è giusto. Dire bontà è dire Dio, dunque il credente  è colui che è buono, ovvero compie il bene. Dire umanità è dire Dio, dunque il credente è colui che è umano. Il credente non è tanto il religioso, quanto colui che realizza se stesso, perché Dio ci ha fatti a sua immagine e somiglianza, ovvero assetati di verità, di giustizia, di bontà, di umanità. Il Signore è vicino nella misura in cui noi viviamo secondo il nostro essere umano. Non si tratta dunque di pratiche religiose, ma di vivere da esseri umani che cercano ogni giorno di essere veri, giusti, buoni.
Il terzo brano riporta la famosa pagina di Luca: l’arcangelo Gabriele porta il grande messaggio di Dio ad una sconosciuta ragazza di Nazaret. Se accetta, sarà la madre del Salvatore. Non è il momento di tentare una spiegazione esegetica del brano. Ogni studioso dice un po’ la sua. È evidente che ci troviamo di fronte a qualcosa di misterioso, di assolutamente fuori della nostra portata. Dio non ci chiede di capire il suo modo di agire. Sì, anche Maria ha avuto un momento di turbamento. Ma questo è umano. E questo ce la rende ancor più simpatica, senz’altro più simpatica di tanti santi che sembrano non aver mai avuto alcun dubbio su Dio. Maria però non ha preteso di capire il mistero che si stava compiendo in lei. Bisogna aver fede che aumenta di dubbio in dubbio. Bisogna pur credere al di là delle nostre miserie umane. Se i dubbi fanno parte della nostra vita, è la fede in qualcosa o in qualcuno la forza che ci spinge a continuare. Il peggior rischio che possiamo correre è quando ci lasciamo sopraffare dalle evenienze tragiche della storia. Ci sono momenti in cui perdiamo ogni fede. Non basta riprendere fiducia negli esseri umani. Bisogna credere in qualcosa di superiore. Credere che “nulla è impossibile a Dio”. E Dio tira fuori il meglio di Sé proprio quando i suoi figli ne combinano di tutti i colori. Se è vero che, come dicevo qualche domenica fa, la Storia è inarrestabile nel suo progresso umano, nella realizzazione delle sue migliori energie, è anche vero che la Storia è quella al maiuscolo. Quella di Dio. Qui non si tratta di laicità o di religiosità. Distinzione per me vuota. Dio non è né laico né religioso. È Dio, e basta. L’essere umano non è né laico né religioso. È essere umano, e basta. Ma dire essere umano è dire qualcosa di così profondo che tocca il divino. La laicità e la religiosità sono espressioni superficiali che non toccano il cuore dell’essere umano, che è per sua stessa natura sacro, che non è la stessa cosa che dire religioso.   

 

1 Commento

  1. ada ha detto:

    L’idolo è quel feticcio al quale si fanno offerte per ottenerne il soccorso nel fare la propria volontà, nello sviluppare il proprio progetto.
    Il vero culto è il fare la volontà di Dio.
    Israele è quel popolo che SEGUE Dio, il re degli eserciti che indica la strada.
    In fondo l’idolatria è il peccato di orgoglio e di disobbedienza al PROGETTO di Dio: il peccato di Lucifero, di Adamo ed Eva e di ognuno di noi.
    La salvezza portata da Gesù inizia con il FIAT di Maria che ha accettato la volontà di Dio.
    “Sia fatta non la Mia, ma la Tua Volontà” dice Cristo e questo è la sottomissione suprema e la salvezza massima.
    Anche per noi.
    Così la vedo io.
    La confessione serve non solo a gettare il proprio male in Cristo, ma anche a fare una sosta nel proprio cammino e riflettere sulla propria vita e sulle proprie scelte.

Leave a Reply

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi