Paura e comunità: il mito della prova che ci riduce a individui egoisti

da AVVENIRE
19 marzo 2020
Società.

Paura e comunità:

il mito della prova che ci riduce

a individui egoisti

Raul Gabriel
La paura può essere una lampada che illumina i pericoli permettendo di affrontarli ma anche diventare blocco e strumento di controllo da parte del potere. E può creare falsa solidarietà
La paura è ambigua per natura. Da un lato senza paura la nostra sopravvivenza sarebbe più complicata. Come per il dolore, la sua assenza rischia di non farci accorgere dei pericoli veri, mortali o potenzialmente tali, con conseguenze fatali. La paura ci dà una chance di sopravvivenza. Esiste una neuropatia, definita con l’acronimo CIPA, che determina l’impossibilità di percepire il dolore. In apparenza una panacea. Non sentire il dolore. Invece è una sindrome estremamente pericolosa. Chi non avverte il dolore non è in grado di percepire i segni premonitori che lo avvisano di un potenziale disastro. Se non senti che il fuoco scotta ti brucerai sicuramente. Così la paura, almeno in parte. I pochi che sottoposti al poligrafo non fanno rilevare alcun sintomo di paura, anche minimo, sono individui con forti problematiche psichiche, scissi e spesso confinati in qualche braccio della morte.
La paura in sé non è un freno all’agire. È come una lampada che illumina i pericoli di un sentiero buio permettendo di affrontarli con cognizione di causa. Ma la paura può diventare anche blocco e strumento di controllo. Adolf Hitler, senza essere in questo particolarmente originale ma certamente esperto nel tema, definisce paura e forza come gli strumenti di controllo più efficaci al servizio del potere. Storicamente la Gestapo non aveva i numeri per controllare il popolo tedesco, quello indeterminato e non particolarmente entusiasta del nazismo. Quello della provincia rurale, quello per cui un potente vale l’altro purchè il quotidiano sia assicurato. Riuscì ad avere un potere assoluto su quel popolo proprio a causa della sua capacità di terrorizzare, favorendo la delazione, il collaborazionismo, l’infamia.
Gli aspetti della paura sono tanti e difficili da elencare tutti. Più facile è dire cosa la paura non è. La paura non è collante sociale. La paura non genera solidarietà vera. La paura non rende migliori. Il potere in generale, individuale, di gruppo o di stato, tende invece a dimostrare il contrario. Quando il terrore avvolge le popolazioni ecco che si innalza la retorica della solidarietà umana, molto diversa dalla solidarietà autentica. Il mito della forgia che temprerà tutti per dar vita a una umanità migliore.
Ciò che avviene per effetto della paura è dettato per la quasi totalità da un interesse personale, vero o percepito, non dalla tensione amorevole dell’uno verso l’altro. La paura è come una coltre pesante e ottusa che copre tutto il resto. Sotto la sua protezione prolifera tutto il carosello dei difetti umani, pronto a riprendere centralità non appena il motivo scatenante della paura diviene ricordo. Siamo fatti di carne e per la carne. Proprio per questo la paura, anche se astratta, riferita a un evento naturale, tende inevitabilmente nelle sue fasi altalenanti a personalizzarsi.
La reazione iniziale, nel dedalo della psiche umana mai risolta, tende via via a identificare i suoi effetti nefasti nelle persone. La paura trasforma l’altro in nemico, inevitabilmente e fatalmente. Fa coincidere la causa dei propri mali con l’altro. E genera un conflitto sordo e ingravescente che non di rado trova sfogo in comportamenti simbolo della miseria umana come delazione e distruzione. I tanti pogrom del ventesimo secolo ne sono un esempio molto evidente.
La paura agisce ovviamente anche sul piano individuale. La sua dissimulazione collettiva, quasi sempre retorica e moralistica, non protegge nessuno dagli effetti che ha sul piano personale. Non importa quali belle parole si usino per tentare di addomesticarla. Solo l’acquisizione di una profonda coscienza interiore può contrastare gli effetti nefasti della paura, in termini di negazione dell’altro. Ma è un processo quasi sempre in ritardo rispetto alla manifestazione dei sintomi.
La retorica del controllo tende a mostrare tutto questo come un percorso rigenerativo e terapeutico, passaggio necessario per accedere a un nuovo e più compiuto stadio di evoluzione. È ovviamente una distorsione strumentale. La paura coltivata e accudita non è altro che un fertile humus del male. Un male la cui relazione con il nostro quotidiano non ha soluzione di continuità. Un male profondo, autosufficiente e diffuso, sordo come la vera sofferenza, cui ogni accento retorico suona come profonda offesa.
Risposte la storia non ne dà. Perché non ce ne sono. La unica possibilità per l’uomo è il primato di autenticità ed empatia che, come sempre, divide l’umanità in grandi famiglie. Chi pur avendo paura combatte la tendenza a incolpare gli altri cercando in se stessi origine e soluzione, e chi invece alimenta il terrore in sé e negli altri perché vuole trarne un profitto, in termini di potere o mercato, distribuendo frutti di odio e separazione.

1 Commento

  1. Palumbo Bartolomeo ha detto:

    Articolo da leggere,studiare ed assimillare.GRAZIE.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi