I vescovi della Calabria: è necessario liberare i territori dai caporali

Immigrati africani durante la raccolta delle arance a Rosarno, Reggio Calabria – Foto d’archivio, Ansa
da AVVENIRE
23 maggio 2020
Lavoro.

I vescovi della Calabria:

è necessario liberare i territori dai caporali

Raffaele Iaria, Catanzaro
L’intervento il giorno dopo lo “sciopero degli invisibili” nella Piana di Gioia Tauro: lo sfruttamento è una via di adorazione del male. La regolarizzazione? Passo avanti, ma si può fare di più
No a ogni forma di caporalato e sfruttamento. I vescovi della Calabria scendono in campo alzando la voce e condannando tutte le situazioni di sfruttamento nella filiera agroalimentare e soprattutto del fenomeno del caporalato che definiscono «un male antico e sempre presente, magari sotto forme diverse nel tempo e spesso ignorato pur di non prendere la giusta posizione, la corretta scelta tra il bene e il male».
Oltretutto – spiegano – il caporalato è «nelle mani delle organizzazioni criminali» che utilizzano «metodi mafiosi per il controllo del territorio». Un’«autentica opera di conversione e di liberazione» dei territori dalle mafie passa anche dal “superamento” di questa piaga che rappresenta «una delle vie di adorazione del male», di cui ha parlato papa Francesco a Cassano allo Jonio nel 2014.
La nota è stata diffusa il giorno dopo lo “sciopero degli invisibili” promosso anche in Calabria nei campi della Piana di Gioia Tauro dove vivono centinaia di migranti impiegati nei lavori agricoli. E, proprio in riferimento ai migranti, si dicono convinti che il governo, dando spazio ad essi nel “decreto Rilancio” «segna un passo avanti nella definizione della problematica, sotto il profilo della tutela della salute e della lotta all’illegalità». «Limitazioni delle misure a determinate categorie, procedure non sempre semplificate e la breve durata dei permessi – scrivono – rendono evidenti la necessità di una svolta ancor più radicale», come ha testimoniato lo sciopero.
La Chiesa calabrese intende ribadire la «necessità dell’affermazione dei principi della dignità della persona umana e della sacralità del lavoro per liberare tanti uomini e donne dalla loro condizione di sostanziale schiavitù, condannando ogni forma di sfruttamento come attentato alla dignità dell’uomo, che, in quanto peccato sociale, grida vendetta al Cielo». «Resta la fiduciosa speranza – scrivono i vescovi – che il cammino intrapreso possa essere irreversibile, sostenuto in chiave locale dai segnali di attenzione lanciati anche dalla Regione, attraverso l’attivazione di progetti dedicati alla definizione dell’emergenza sanitaria e di quella abitativa».
I presuli calabri sottolineano anche come la crisi sanitaria che ha colpito l’economia reale del Paese ha fatto «riesplodere nodi cruciali e problematiche che si trascinano da anni». Una crisi – dice il direttore di Migrantes regionale, Pino Fabiano – che «lede la dignità delle persone nel solco di una situazione preesistete». Basta pensare ai lavoratori in tanti settori, «senza tutela e che in questo momento di emergenza stanno toccando il fondo».
«La nostra percezione – spiega don Antonino Pangallo, delegato regionale Caritas – è che la Calabria sia stata risparmiata dall’emergenza sanitaria, ma probabilmente non sarà risparmiata da un’emergenza economica e sociale, anche perchè questa si inserisce in un contesto problematico già cronico». Oggi, rileva ancora don Pangallo «non è facile avere numeri precisi, certo è che abbiamo registrato un raddoppio nelle richieste di beni primari, richieste provenienti anche da categorie che finora non vedevamo ai nostri sportelli: penso ad esempio ai filippini, caduti nella crisi non potendo lavorare nelle case». Don Pangallo va oltre la fase 2 nella quale il bisogno alimentare «non sarà l’unico, perché a rischio – dice – c’è il diritto alla salute, e poi la povertà educativa, il lavoro che non ci sarà, e qui poi è già scarso, precario e spesso in nero». E inoltre c’ è il «grande rischio dell’usura».

8 Commenti

  1. Palumbo Bartolomeo ha detto:

    Hai perfettamente ragione:cerchiamo di cominciare da noi stessi perchè il consumismo sfrenato è una malattia difficile da combattere.Ciao e speriamo bene.

  2. Giorgio Ferrari ha detto:

    Sono più di quarant’anni che sento parlare di caporalato e le autorità sanno della loro esistenza da sempre.
    Bisogna quindi chiedersi: perché lo hanno tollerato e lo tollerano? La risposta è semplice: fa risparmiare sui prezzi della frutta/verdura e quindi fa comodo.
    Ma sono tante le cose che vengono tollerate per il quieto vivere. Siete mai stati a Napoli (e lo dico per esempio, non perché non mi piacciono i napoletani; mio nonno lo era)? Ebbene quanti in moto portano il casco? Quanti allacciano le cinture in auto? Quanti fissano i bambini sui sedili posteriori?
    La risposta è sempre la stessa: Poco impegno e, appunto, tanto quieto vivere.

    • Giorgio Ferrari ha detto:

      Lasciatemi aggiungere un’altra domanda: Quanti preti conoscendo benissimo tutti, e dico tutti, i caporali sono andati dai carabinieri a fare delle denunce?

    • Don Giorgio ha detto:

      E al nord (varesotto e lecchese, e milanese, ecc) non si succede la stessa cosa, o hai gli occhi chiusi dalla tua ideologia leghista?

    • antonio ha detto:

      Hanno tollerato e tollerano per gli stessi motivi che hanno portato servizi segreti, tecnici regionali e comunali, nuclei speciali dell’esercito, la polizia, le agenzie regionali, intere legioni di amministratori pubblici di decine di regioni… a tollerare, solo per citare uno dei milioni di esempi possibili, il pellegrinaggio di tir stracolmi di rifiuti chimici e scorie radioattive diretti a sud.

      Chiunque occupi un posticino nella catena di montaggio del capitalismo… deve tollerare, altrimenti avanti un altro.

      Come può un sistema così violento e immorale, costruito sul rovesciamento dei diritti umani fondamentali ed una negazione punto su punto dei valori cristiani… creare ordine, pace, moralità e giustizia?

      Il paradigma del capitalismo è addirittura elementare, nel suo essere satanismo applicato: per sperare di prosperare devi affamare gli affamati, assetare gli assetati, strappare dalle spalle il mantello ai piccoli e perseguitare i perseguitati.

      Qualcuno potrebbe obiettare… ma queste cose si vedono solo in Italia… la Svizzera, ad esempio, paese tenebroso fondato dai contrabbandieri ed oggi ingrassato dai capitali più intrisi di sangue innocente del pianeta, non scandalizza i suoi cittadini con queste scene di ordinario capitalismo!

      L’esportazione dei sacrifici a satana nei paesi terzi non cambia i termini della questione, perché oggi tutti gli apostati , idolatri del consumismo materialistico lo sanno… e nessuno potrà un giorno dire, io non sapevo.

    • Palumbo Bartolomeo ha detto:

      E soprattutto molto menefreghismo:disgraziatamente noi ITALIANI siamo i campioni della strafottenza.Ciao a tutti dall’estero.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi