Omelie 2019 di don Giorgio: SECONDA DOPO PENTECOSTE

23 giugno 2019: SECONDA DOPO PENTECOSTE
Sir 18,1-2.4-9a.10-13b; Rm 8,18-25; Mt 6,25-33
La liricità del brano evangelico
Tutti concordano nel dire che il terzo brano di questa domenica, che fa parte del famoso Discorso della Montagna, sia la pagina più lirica presente nei quattro Vangeli.
Tutto dipende da che cosa intendiamo per lirica o poesia. Ci sono ad esempio delle parabole di Gesù che contengono elementi poetici, e ci sono incontri, come quello di Gesù con la samaritana, dove lirica e misticità si armonizzano a meraviglia.
Ad ogni modo, è fuori discussione che il brano di Matteo sia particolarmente lirico: ci sono  tutti gli elementi: gli uccelli, i fiori, l’erba, la precarietà del tempo.
Un brano che ha un messaggio ben preciso
Ma attenzione: la liricità del brano non addolcisce per nulla il messaggio che è paradossalmente espresso in imperativi, sia negativi che positivi. In realtà, si tratta dello stesso verbo, in greco “merimnao”, che significa “sono in ansia”, ripetuto nel testo per tre volte. Anzitutto, vorrei dire una cosa: la liturgia ha fatto un danno, fermandosi al versetto 33, perciò trascurando l’ultimo dove è presente per la terza volta il verbo all’imperativo “merimnao”. Eccolo: «Non siate in ansia dunque per il domani, perché sarà in ansia per se stesso. A ciascun  giorno basta la sua pena».
In realtà la traduzione ufficiale italiana riporta il verbo “preoccuparsi”: “non preoccupatevi”.
Forse c’è una distinzione magari sottile tra “essere in ansia” e “preoccuparsi”. Il verbo “preoccuparsi” è composto di due parole: “pre”, che vuol dire “prima”, e “occuparsi”. Dunque, significa “mi occupo prima”, prima che avvenga una cosa, un evento, da qui nascondono le ansie. Quindi, le ansie derivano dal fatto che mi lascio prendere da previsioni eccessive riguardanti il futuro.
È invece interessante il verbo greco “merimnao, che è usato da Matteo: è una combinazione di due parole: “merizo”, che significa “dividere”, e “nous”, che significa “mente” (includendo le facoltà percettive, di comprensione, sentimento, giudizio e determinazione).
Quindi, chi è in ansia ha la mente divisa, è confuso, si lascia prendere da emozioni o sentimenti fuori controllo, che non provengono dall’intelligenza. Forse annoio dicendo ancora una volta che la parola “intelligenza” deriva da “intus”, dentro, e “legere”, leggere, interpretare. Intelligente è colui che legge gli avvenimenti nella loro interiorità, e non nella loro superficialità.
Da che cosa non bisogna avere ansia?
Gesù dice: «Non siate in ansia per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito?». E poi, poco dopo ripete: «Non siate in ansia, dunque, dicendo: “Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?”».
L’italiano traduce “vita” il termine greco “psichè”, e traduce “corpo” il termine greco “soma”. Qui troviamo, dunque, due elementi che compongono l’essere umano: corpo e psiche (anima). Manca il termine fondamentale: spirito.
Già questo fa capire come la nostra esistenza la si giochi tra i piaceri del corpo e la felicità della psiche. In ogni caso, pur con emozioni diverse, gli affanni o le ansie ci accompagnano, togliendo quella beatitudine che è solo dello spirito.
Certo, se fosse qui oggi, Gesù Cristo se la prenderebbe non solo con i responsabili della religione o della Chiesa, con parole minacciose: “Guai a voi…!”, ma anche con quei capi politici, che si dicono blasfemicamente cristiani, che hanno ridotto o stanno riducendo un popolo a una massa di ventri o di corpi affamati e assetati di cose e di cose.
Il problema oggi non è “evitare di stare in ansia”, ma di trovare le vere ragioni per cui tutto è corpo. E non si risolvono i problemi pensando solo alla psiche, se poi manca il mondo dello spirito.
“Cercate invece anzitutto il regno di Dio…!”
Ed ecco il verbo imperativo positivo: “Cercate invece, anzitutto, il regno di Dio!”.
“Cercate!”, in greco “zetèite!”. Il verbo “zetèin” in greco significa cercare, investigare…  Ma può anche significare cercare e volere, perciò bramare, desiderare.
Pensate: la prima parola che Gesù pronuncia nel Vangelo di Giovanni è una domanda che pone a bruciapelo ai due che lo stanno seguendo: “Che cosa cercate?” Τί ζητεῖτε;
È questa una domanda importante che tende a scavare le intenzioni più intime; l’evangelista la sceglie con cura e la riproporrà ancora due volte nel corso della sua narrazione: all’inizio della sua passione, Gesù chiede per due volte a coloro che sono venuti ad arrestarlo nel giardino: «Chi cercate?» (18,4.7); la stessa domanda ripete il Risorto al mattino di Pasqua, quando vuole scuotere la Maddalena piangente: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?» (20,15).
Gesù indica chiaramente ciò che bisogna cercare: il regno di Dio! E sul “regno di Dio” potremmo star qui delle ore, giornate intere, a elencare tutte le spiegazioni che se ne sono date, dimenticando che quella giusta, quella vera, l’ha data Gesù stesso che alla domanda dei farisei:; «Quando verrà il regno di Dio?», risponde: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il regno di Dio è dentro di voi! (in greco ἐντὸς ὑμῶν ἐστιν». Tutti traducono: “Il regno di Dio è in mezzo a voi, è tra di voi”. Ma l’avverbio greco “entòs” significa all’interno, dentro.
Dire che il regno di Dio è dentro di noi cambia tutto. Il regno di Dio è spirituale, è il regno dello Spirito che agisce nello spirito di ogni essere umano.
Ecco perché Gesù invita più volte a ”guardare”, “osservare”. Ma con quali occhi? Con gli occhi della carne, o con gli occhi dello spirito?
Infine, Gesù unisce al regno di Dio la giustizia. La giustizia di Dio è qualcosa che va ben oltre il concetto umano di giustizia. Non posso soffermarmi: il tempo a disposizione è trascorso.
Ma una cosa è da dire: chi cerca il regno di Dio e la sua giustizia otterrà anche tutto il resto. Gesù non l’ha detto, ma sembra chiaro: chi scopre il regno dello spirito scopre anche il segreto per la risoluzione dei problemi sociali e politici, che non troveranno una soluzione finché si rimane fuori dal proprio essere.
Chi è un alienato, vive fuori dal proprio essere, penserà, vivrà sempre da alienato.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi