Carabinieri, la caserma tutta spaccio e tortura chiusa dalla procura

Alcuni dei militari arrestati, abbracciati a presunti spacciatori © Ansa
da Il Manifesto

Carabinieri,

la caserma tutta spaccio e tortura

chiusa dalla procura

Forze dell’ordine. A Piacenza per la prima volta una stazione dell’Arma viene posta sotto sequestro. Dieci militari sottoposti a misure cautelari varie
Eleonora Martini
23.07.2020
«Ho fatto un’associazione a delinquere ragazzi», «in poche parole abbiamo fatto una piramide», «noi siamo irraggiungibili». «Abbiamo trovato un’altra persona che sta sotto di noi. Questa persona qua va da tutti questi, gli spacciatori, e gli dice: “Guarda, da oggi in poi, se vuoi vendere la roba vendi questa qua, altrimenti non lavori!” e la roba gliela diamo noi!». E ancora: «Da uno zaino ho fatto sparire tutto e l’altro l’ho preso, ho fatto un colpo della madonna… Io l’ho arrestato per un chilo e quattro e adesso, nello scatolo, ce ne sarà la me… e quando vanno a controllare, l’ho fatto solo io! Lo sai perché? Perché l’erba, quando tu la metti nella scatola, finché non la… non la bruciano… l’erba non è come il fumo che rimane lo stesso peso… l’erba diventa sempre più leggera, quindi, con l’erba, non ti sgameranno mai, non sono mica scemo. Adesso ti devi far pagare… chi la vuole la paga».
LE INTERCETTAZIONI, SI SA, non sono una prova incontrovertibile contro l’imputato, e andranno confermate in giudizio le accuse contenute nell’ordinanza di 300 pagine emessa ieri dal Gip del Tribunale di Piacenza, Luca Milani, per autorizzare misure cautelari di varia natura nei confronti di 22 persone, tra cui 10 carabinieri dell’Arma (sei dei quali finiti in carcere) e un militare del Corpo e – per la prima volta a memoria d’uomo – per disporre il sequestro e la chiusura di un’intera caserma (nel centro di Piacenza). Ma certamente descrivono una realtà che si fatica a pensare interna proprio alle forze dell’ordine. Appartenente cioè a quel mondo che, per la gran parte, milita nelle prime fila del proibizionismo e che da sempre si spende affinché le sostanze stupefacenti continuino a rimanere soltanto a disposizione del mercato illegale.
«FACCIO FATICA A DEFINIRE questi soggetti come carabinieri, perché i loro sono stati comportamenti criminali. Non c’è stato nulla in quella caserma di lecito», sintetizza il capo della procura di Piacenza Grazia Pradella che ieri in conferenza stampa ha illustrato l’operazione «Odysseus» condotta in Emilia-Romagna e in Lombardia dalla Guardia di finanza piacentina e di Fiorenzuola d’Arda. Agli arresti domiciliari è finito anche il comandante della stazione Levante di via Caccialupo a Piacenza ma, ha spiegato la magistrata, «la figura di spicco come spacciatore era sicuramente un appuntato». Le 22 persone raggiunte dal mandato del Gip sono accusate, a vario titolo, di peculato, abuso d’ufficio, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, rivelazione e utilizzazione di segreti d’ufficio, lesioni personali aggravate, arresto illegale, perquisizioni ed ispezioni personali arbitrarie, violenza privata aggravata, tortura, estorsione, truffa ai danni dello Stato, ricettazione, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti. Tutti reati che sarebbero stati commessi dal 2017 in poi, con un picco durante i primi mesi della pandemia.
«TUTTI GLI ILLECITI più gravi sono stati commessi nel lockdown, con il più totale disprezzo dei decreti emanati dalla Presidenza del consiglio. Solo un militare della caserma non è coinvolto. Mentre la città di Piacenza contava i tanti morti del coronavirus, questi carabinieri approvvigionavano di droga gli spacciatori rimasti senza stupefacenti a casa delle norme anti Covid», ha riferito Pradella descrivendo anche sei mesi di indagini, con intercettazioni telefoniche, telematiche e ambientali, coordinate dai due pm Matteo Centini e Antonio Colonna.
Frasi raccolte anche da conversazioni avvenute tra criminali della città. Un «malavitoso – riferisce la pm – dice in un’intercettazione: “Hai presente le scene di Gomorra? Guarda che è stato uguale, tu devi vedere gli schiaffoni che gli ha dato”». Mentre l’appuntato dei carabinieri, secondo l’ordinanza del Gip, avrebbe descritto così il pestaggio di uno spacciatore nigeriano avvenuto in strada: «Quando ho visto quel sangue per terra, ho detto: “Mò l’abbiamo ucciso”». Riferiscono le agenzie che il Nucleo di polizia economico-finanziaria delle Fiamme gialle di Piacenza avrebbe trovato sul telefonino di uno dei militari anche le foto dell’uomo arrestato, ammanettato e senza scarpe, con il sangue sul volto e finito sul selciato.
È uno degli episodi contestati agli indagati, tra i quali figurano alcuni accusati di tortura. Per esempio, il Gip Milani cita l’arresto di un giovane egiziano accusato di spaccio che veniva «minacciato anche con violenze e agendo con crudeltà» «cagionandogli acute sofferenze fisiche». In un’intercettazione un carabiniere raccontava alla propria compagna: «Minchia, questo c’ha fatto penare, mamma mia quante mazzate ha pigliato, colava il sangue, il sangue gli colava da tutte le parti, sfasciato da tutte le parti, non parlava. Credimi che ne ha prese, ne ha prese». In rete circola anche l’audio del pestaggio di un arrestato: «Che fai ridi? Ti diverti?», si sente dire, e giù schiaffi. Ci sono anche foto che ritraggono alcuni carabinieri con pacchetti di marijuana e soldi, tanti soldi.
COMPORTAMENTI, quelli violenti, che purtroppo sembrano appartenere a qualcuno in più che a «un pugno di mele marce»,tra le forze dell’ordine, come è sotto i nostri occhi almeno da Genova in poi. E davanti a questa violenza – al di là della conferma delle responsabilità penali individuali – altri reati diventano peccati veniali. Per il ministro della Difesa Lorenzo Guerini si tratta di «accuse gravissime rispetto a episodi inauditi e inqualificabili». «Da subito – ha aggiunto – sia l’Arma che il Ministero della Difesa hanno dato la massima disponibilità a collaborare con la magistratura affinché si faccia completa luce sulla vicenda. Il Comandante Nistri – ha assicurato il ministro – mi ha confermato di aver immediatamente assunto tutti i provvedimenti possibili e consentiti dalla normativa vigente nei confronti del personale coinvolto». Non resta che aspettare e sperare che il caso di Stefano Cucchi abbia insegnato qualcosa.

3 Commenti

  1. Patrizia ha detto:

    Era da anni e nessuno sapeva ?
    Semplicemente allucinante.

  2. Che schifo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. antonio ha detto:

    Il capitalismo è la testa, la massoneria il sistema nervoso e la pubblica amministrazione il braccio. Pensare possano esistere ‘ambiti incorrotti’ in questo bel quadretto satanista è ipocrisia.

    I media di massa agiti dai capitalisti per mezzo dei massoni e contro i poveri… amplificano a dismisura i nanerottoli delle ‘mafie’, i soldatini di minor valore prodotti in serie usando consolidate tecniche di discriminazione e marginalizzazione, ma come tutti sanno anche se fingono di non sapere perché il mutuo bisogna pagarlo e il pane a tavola bisogna metterlo, costi quel che costi… la partita si gioca altrove e precisamente nei cuori, negli occhi, nelle mani operose e nei silenzi dei buoni padri e delle buone madri di famiglia…

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi