La sfida di Draghi agli intoccabili

www.huffingtonpost.it
POLITICA
22/07/2021

La sfida di Draghi agli intoccabili

Contro il populismo e la magistratura una politica che si prende le sue responsabilità
By Alessandro De Angelis
Sarà perché non ha l’assillo del consenso. Sarà perché il suo governo, dopo il default dei partiti di fronte a una straordinaria emergenza, ha una forza derivante dal fatto che l’alternativa non c’è, perché l’alternativa sarebbe il fallimento del Paese. Sarà anche perché un uomo delle istituzioni sa che, non solo i governi, ma le democrazie muoiono di non decisioni, a maggior ragione se infettate dalla pandemia e dalla crisi della politica.
Sarà per una o per tutte queste ragioni, ma la conferenza stampa di Draghi oggi è il più straordinario esempio di “decisionismo antipopulista” che si sia visto da un po’ di tempo a questa parte. Che chiama in causa il concetto più politico, non tecnico, che esista: la responsabilità, intesa come capacità di scelte sulla base di una autonoma visione dell’interesse nazionale. È questo che lega il Green Pass alla riforma della giustizia da non procrastinare o stravolgere, l’appello agli italiani a vaccinarsi e la “fiducia” su un provvedimento divisivo come la riforma Cartabia, la presenza del ministro della Salute, così contestato da Salvini, alla sua sinistra e della Guardasigilli alla sua destra, così contestata dai Cinque stelle e da pezzi rilevanti della magistratura, la fermezza di un direttore d’orchestra in grado di armonizzare solisti anche stonati.
L’idea cioè che, a un certo punto si decide, e la mediazione può essere utile, necessaria, nella misura in cui è uno strumento per arrivare all’obiettivo, ma non una prassi che si autoalimenta producendo immobilismo. E si decide sulla base di ciò che è giusto, perché il primo provvedimento serve per coniugare Pil e salute, senza vanificare gli sforzi fatti, l’altro è un pezzo del contratto da onorare con l’Europa per ottenere i fondi del Recovery.
Mai si era visto un premier che, a domanda sulle parole di un leader della sua maggioranza (Salvini), che ammicca ai no vax, contesta il Green Pass, dispensa prescrizioni su chi si dovrebbe vaccinare e chi no, risponde, icasticamente: “L’appello a non vaccinarsi è un appello a morire sostanzialmente. Se non ti vaccini, ti ammali, muori. Oppure fai morire”. Proprio così, fissa un discrimine non di opportunità, ma inconfutabile come la differenza tra la vita e la morte. Parole dentro le quali c’è un giudizio definitivo sul cinico gioco, a favor di consenso, sulla salute delle persone. Tutto l’impianto dei provvedimenti messi in campo e di quelli che saranno affrontati nelle prossime settimane con la discussione del “lasciapassare” anche sui mezzi di trasporto e sul tema della vaccinazione dei docenti è una clamorosa sconfitta del salvinismo, che questa volta non ha neanche l’appiglio semantico per rivendicare i provvedimenti come propri, come quando il leader della Lega giocava intestandosi aperture che in verità erano più graduali e prudenti di come venivano dal medesimo presentate.
E, sull’altro versante, le parole sulla giustizia non concedono nulla all’altro corno del populismo italiano, le cui critiche vengono liquidate con un richiamo alla coerenza: “C’è stato un rapido passaggio in Consiglio dei ministri, ho chiesto l’autorizzazione alla fiducia quando sarà il momento in Parlamento perché c’è un testo approvato dal Cdm”. Punto. Parla certo a Conte, ma parla anche ai veri oppositori della riforma, la cui voce, con i governi di qualunque colore, si è trasformata in un veto, in questi anni: Anm, Antimafia, Csm. Ed è complicato, con un po’ di malizia, dedurre che un’operazione di questa portata non abbia la condivisione del capo dello Stato che, evidentemente, non ravvisa nella riforma quella pericolosità denunciata da un pezzo della magistratura.
Right or wrong, è l’opposto del film della subalternità, proiettato in questi anni e in questa strampalata legislatura iniziata col governo dei populisti, la cui egemonia è stata vissuta in fondo come intoccabile, in entrambi gli schieramenti, anche da forze che dal populismo furono travolte, acconciatesi poi a sostenere (e assecondare) addirittura lo stesso premier, e lo stesso humus culturale. In fondo, la parabola della Bonafede è emblematica: approvata nel Conte 1 a furor di popolo e di procure, rimasta tale nel Conte 2, viene smontata solo ora. E accadrà col consenso di tutti. Le dure repliche della storia.

1 Commento

  1. MaM ha detto:

    Anche per questo suo modo sintetico e deciso di dire le cose: mi piace Mario Draghi. Non parla per niente come invece siamo abituati da tempo; non dice barzellette come siamo abituati da tempo; non dice stupidaggini e cattiverie come siamo abituati da tempo… Poche chiare parole perché tutti possano capire.
    Ammiro moltissimo il suo non aver un profilo facebook, istagram, twitter ecc. niente di tutto questo!! Ha tutta la mia grandissima stima. I politici dovrebbero seguire il suo esempio invece no, spendono miliardi dietro queste cose.
    Siamo un popolo sbrandellato da una politica corrotta che ha reso l’intero paese stupido e corrotto e più c’è questo più è pericoloso.
    Ciò che mi fa riflettere è come don Giorgio 10 anni fa denunciava tutto questo e nessuno c’era, ha sempre lottato da solo.
    Infine dico solo una cosa ancora: Mario Draghi sta dando l’esempio cosa che invece non lo sta facendo la Chiesa che, per esempio, stimola e sostiene a spada tratta i suoi preti a far di tutto sui social. Sembra proprio un’assurdità.
    Grazie sempre don Giorgio.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi