Trump è il più inadeguato di sempre. E, a differenza del 2016, oggi tutti sanno chi è”

da L’Espresso
INTERVISTA

“Trump è il più inadeguato di sempre.

E, a differenza del 2016, oggi tutti sanno chi è”

Le due Americhe che si confrontano alle urne, il pericolo che Donald non accetti il risultato del voto, il peso del Black Lives Matter e del Covid. Parla Brian Klaas, editorialista del Washington Post e professore di Politica globale presso l’University College di Londra
CLAUDIA CHIEPPA
22 ottobre 2020
Ci sono due Americhe. La gente di Manhattan o di San Francisco e chi vive nell’Alabama o nel Montana rurale: Ma le elezioni sono decise da chi sta nel mezzo». Brian Klaas, professore associato di Politica globale presso l’University College di Londra ed editorialista per il Washington Post. Esperto di democrazia, autoritarismo, elezioni e politica estera statunitense, sarà ospite venerdì 23 ottobre all’XI edizione del Festival della Diplomazia 2020 con un panel dal titolo: “US Presidential Elections: who is likely to win and what effect on US foreign policy?” .
Cos’hanno di diverso queste elezioni rispetto a quelle del 2016?
«Nel 2016 Trump era in gran parte un’incognita. Oggi sappiamo tutti chi è. Ci sono due differenze principali. La prima è che l’elettorato è iper-polarizzato. A meno che non vivi in una caverna è probabile che tu abbia un’opinione ben precisa su Donald Trump. Questo significa che ci sono pochi elettori indecisi. Nel 2016, gli indecisi hanno ceduto per Trump all’ultimo minuto, consegnandogli la vittoria. Quest’anno la corsa è più stabile e ci sono state a stento variazioni nell’ultimo anno. La seconda è che Biden non è la Clinton. È più benvoluto (il che in parte è dovuto alla misoginia della politica americana), ma i principali attacchi di Trump ai democratici – genere, razza, e l’etichettamento come “socialisti” – semplicemente non funzionano quando si corre contro un centrista maschio, anziano e bianco».
Gli americani hanno votato per Obama nel 2008 e nel 2012, poi hanno votato per Trump nel 2016 e ora i sondaggi danno Biden in testa… Da un punto di vista esterno sembra che, in questi anni, gli americani abbiano cambiato idea in maniera repentina, è così?
«No, non particolarmente. Ci sono due Americhe. La gente di Manhattan o di San Francisco ha poco in comune culturalmente con chi vive nell’Alabama o nel Montana rurale. Queste due Americhe esistono da molto tempo, ma le elezioni sono decise da persone che si trovano nel mezzo: per lo più elettori di periferia che sono il ponte tra i due estremi. Un piccolo cambiamento in questi elettori è spesso decisivo nelle elezioni presidenziali. E si tenga presente che Obama nel 2008, Obama nel 2012 e Clinton nel 2016 hanno tutti ricevuto più voti del candidato repubblicano. Infatti, l’unico candidato repubblicano alle presidenziali a vincere il voto popolare negli ultimi 20 anni è stato George W. Bush nel 2004 (ma ha perso il voto popolare contro Al Gore nel 2000). In altre parole, i candidati democratici hanno ricevuto più voti nel 2000, 2008, 2012 e 2016, ma hanno vinto la presidenza solo due volte in quel periodo per via del sistema elettorale».
Quali sono i principali punti di forza e di debolezza di ciascuno dei due candidati?
«Ci vorrebbe un libro per descrivere nel dettaglio le debolezze di Trump (e in effetti l’ho scritto, s’intitola “The Despot’s Apprentice”). Tuttavia, basta dire che è il candidato alla presidenza più inadeguato della storia d’America. È un demagogo sessista, razzista, e autoritario che si circonda di criminali. Ha conflitti d’interesse straordinariamente compromettenti, un passato di corruzione e frode fiscale, promuove false teorie cospirative, ha mentito letteralmente migliaia di volte in veste di presidente, assume amici e familiari per consigliarlo, e cerca di abusare della sua carica per un guadagno personale e politico. E mi fermo qui. Per quanto riguarda Biden i suoi principali punti di forza sono che è sano di mente, compassionevole e ha esperienza».
È davvero possibile che Trump possa rifiutarsi di accettare il risultato delle elezioni, come ha già ribadito in varie occasioni?
Trump potrebbe respingere il risultato delle elezioni e rifiutarsi di accettarlo. Ciò crea due potenziali problemi. Il primo è che, nelle democrazie, la legittimità conta. Se Trump afferma, falsamente, che l’elezione è stata truccata a suo svantaggio (cosa di cui non c’è nessuna prova e le sue affermazioni sui brogli elettorali sono menzogne), avrà comunque un impatto. All’incirca 4 americani su 10 appoggiano Trump e gli danno ascolto. Di conseguenza, si potrebbe far credere al 40% del Paese che le elezioni non sono state corrette. Anche se non è vero, questa percezione è dannosa per la democrazia. Trump potrebbe anche mettere in piedi una lunga battaglia legale per contestare i risultati; prospettiva resa ancora più pericolosa dal fatto che ha nominato centinaia di giudici in grado di favorirlo e che è molto probabile che Amy Coney Barrett venga confermata come nuovo giudice alla Corte Suprema. Tuttavia, le procedure per il conteggio dei voti negli Stati Uniti sono ragionevolmente solide per cui è probabile che i voti vengano contati con precisione. E, se Trump perde, non può rimanere alla Casa Bianca. Una volta che il risultato sarà certificato, o se ne andrà o sarà rimosso. Se non viene rieletto, il suo mandato termina il 20 gennaio 2021. Ovviamente, tutto ciò è tanto più preoccupante quanto più il margine tra i due sfidanti sarà ristretto».
Che tipo di elettori ha bisogno di mobilizzare Biden per vincere queste elezioni?
«Biden è in testa soprattutto grazie a tre grandi gruppi: gli elettori non bianchi, le donne dei sobborghi e gli over 65. Ha un vantaggio storico tra le donne – il divario tra i sessi è enorme – con gli uomini più equamente divisi tra Trump/Biden e le donne che favoriscono fortemente Biden. Nel 2016 Trump vinse grazie al supporto degli over 65; ora li sta perdendo, in parte perché agli elettori più anziani piaceva già Biden e in parte perché i tentativi sistematici di Trump di sminuire un virus che tende a uccidere le persone avanti con l’età gli ha fatto perdere il sostegno dei più anziani».
Quale sarà, secondo lei, l’impatto del movimento “Black Lives Matter”?
«È probabile che avrà un impatto contenuto. Le persone più infastidite dalle proteste BLM tendono già ad amare Trump. Quelli più entusiasti tendono invece ad amare già Biden. Dato il predominio di temi come la pandemia e l’economia, le proteste non avranno un ruolo decisivo in queste elezioni».
Cosa ne pensa di Kamala Harris come vice-presidente?
«È un’abile politica che bilancia Biden non solo in termini di stile, ma anche in termini demografici. È stata una scelta intelligente, anche se è improbabile che quest’anno si dimostri un fattore decisivo. Questa elezione riguarda Trump».
Passando alla politica estera, alcuni analisti dicono che la presidenza Trump abbia minato il multilateralismo e la cooperazione in campo internazionale grazie alle sue posizioni isolazioniste. Come cambierebbe lo scenario con una presidenza Biden?
«Biden è sicuramente un internazionalista che crede che l’America sia più forte quando agisce con gli alleati. Mi aspetterei che rientrasse immediatamente negli Accordi sul clima di Parigi, viaggiando anche nei Paesi alleati per rassicurarli che l’America vuole tornare a essere un partner affidabile e un Paese che apprezza la democrazia».

1 Commento

  1. Giuseppe ha detto:

    Mai vendere la pelle dell’orso prima di averlo abbattuto. Son dell’opinione che l’americano medio della provincia e dei centri rurali imbevuto “america first” e cose simili sia orientato a confermare Trump, perché non riesce a vedere le colossali gaffes e minimizza le dichiarazione del presidente di cui, invece apprezza la coreografia usata come specchietto per le allodole. Nelle grandi metropoli, invece, c’è più spirito critico e l’esibizionismo di Trump ha meno presa. In fine il complesso sistema elettorale può stravolgere il voto popolare e incidere in maniera determinante sull’esito delle votazioni.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi