Omelie 2016 di don Giorgio: TERZA DOPO L’EPIFANIA

24 gennaio 2016: Terza dopo l’Epifania
Nm 13,1-2.17-27; 2Cor 9,7-14; Mt 15,32-38
Una terra dove scorre latte e miele
Le parole con cui si conclude il primo brano della Messa, tolto dal libro dei Numeri, contengono un’espressione diventata famosa: “una terra dove scorre latte e miele”, che sta a indicare abbondanza. L’espressione è frequente nei primi cinque libri della Bibbia per indicare la Terra promessa. Non dimentichiamo che la Palestina faceva parte della cosiddetta “mezzaluna fertile”.
A questo proposito, il brano di oggi riporta un fatto emblematico. Era successo che Mosè aveva inviato alcuni esploratori a perlustrare la regione promessa da Dio a Israele verso la quale le tribù erano in marcia, così da vederne la qualità e conoscerne la popolazione. È il tempio della vendemmia, ed ecco che gli esploratori scoprono una valle con grappoli d’uva iperbolici: due persone li devono portare a spalla con una spranga. È evidente l’intenzione dell’autore sacro di esagerare per dare impressione agli israeliti di andare ad abitare in una specie di paradiso terrestre.
Mistificazione di personaggi e di eventi
Qui vorrei allargare il discorso. Solitamente, quando faccio esegesi, cioè spiego un brano della Bibbia, cerco di contestualizzarlo dal punto di vista cronologico o temporale, e dal punto di vista geografico o spaziale. Ma non basta. C’è un altro contesto, che è fondamentale da evidenziare, ed è quello simbolico o allegorico o mistico.
Fermarsi solo al senso puramente letterale, ovvero prendere le parole come sono, alla lettera, conduce inevitabilmente al fondamentalismo oppure, all’opposto, ci porta ad odiare la Bibbia stessa, quando narra fatti o eventi che oggi farebbero accapponare la pelle. Ed è per questo che, ad esempio, i mistici avevano una particolare antipatia verso l’Antico Testamento, dove l’immagine di Dio era distorta da una religione che ne aveva fatto un idolo alla stregua degli idoli dei popoli pagani. Se non altro, presso i popoli pagani gli dei erano molteplici, e quindi c’era pluralismo, ma il Dio ebraico, essendo unico, rappresentava un pericolo maggiore.
Sinceramente, è difficile leggere la Bibbia, se non usiamo un particolare occhio, che è quello della fede, per scoprire le verità eterne. E non basta neppure dire che la Bibbia usa simbologie o allegorie. I fatti sono fatti, a meno di non mettere in discussione tutta la storicità dei personaggi e degli eventi. Anche senza arrivare a ritenere tutto mitico, è certo ormai che certi personaggi ed eventi sono stati rivestiti di mistificazioni varie, tanto da risultare complesso cogliere il nucleo storico. Cito un solo esempio: che cosa c’è di storico di tutte le vicende narrate su Mosè? Non è facile rispondere. Una cosa è sicura: Mosè è diventato un personaggio mitico, anche nei suoi difetti. Il popolo ebraico, a un certo punto della sua storia, ha sentito il bisogno di ricostruire le sue origini, creando personaggi mitici, proprio per dare più lustro al suo passato. In realtà, questa operazione mitica l’hanno fatta tutti i popoli antichi.
Il brano di oggi è un altro caso emblematico di come la Terra promessa fosse miticizzata o enfatizzata: una terra dove appunto scorreva latte e miele, una terra da sogno, un paradiso terrestre.
Ma che cosa è successo? Ed è qui un’altra prova della contraddizione della Bibbia. La Terra promessa era sì qualcosa di ideale, ma per attirare l’interesse degli ebrei, tanto da spingerli a conquistarla con il sangue. Questo, ai nostri occhi, risulta inaccettabile.
Poniamoci ora due domande: qual è la verità da cogliere dietro una descrizione iperbolica (cioè esagerata o mitica) della Terra promessa? Inoltre: il comportamento di appropriazione violenta del popolo ebraico non è ancora presente nella società di oggi?
Mi sembra, anzitutto, di cogliere questa verità: il mondo in cui viviamo è ricco di grandi possibilità e di tali energie che basterebbero a far vivere tutti i suoi abitanti, senza dover creare disuguaglianze e ingiustizie. Eppure, ancora oggi esistono gli accumuli, i capitali nelle mani di pochi, le multinazionali, gli imperi, i blocchi intercontinentali. E, per stare nel nostro piccolo, che cosa vediamo? C’è chi si crea un piccolo paradiso terrestre, e chi non ha neppure un’abitazione decente, c’è chi ha lavorato una vita per avere il diritto ad una propria casa, e ci sono assessori comunali che rubano tale diritto a un proprio cittadino, con l’intenzione poi di fare investimenti immobiliari. Ed ecco la domanda: dov’è la terra, promessa da Dio a tutti i suoi figli? Perché è stata concentrata nelle mani di pochi?
Condivisione sì, ma di che?
Mi aggancio al brano del Vangelo, dove Gesù con il miracolo dei pani e pesci ha voluto farci capire qual è la legge “naturale”, che Dio ha impresso nella sua creazione. Già dire “naturale” indica che tale legge è da sottrarre alle leggi convenzionali sociali.
Attenzione: evitiamo di parlare di moltiplicazione dei pani e dei pesci, perché anche i ricchi sanno moltiplicarli, ma a danno dei poveri. Parliamo invece di spezzare il pane, ma per condividerlo. Chi deve, anzitutto, condividerlo è colui che possiede di più: deve condividere il di più, di cui si è appropriato a danno della destinazione universale dei beni.
È una questione di giustizia, perché ogni di più è un furto, ma è anche una questione di carità. Mentre la giustizia dà a ciascuno ciò che gli spetta per diritto, la carità va oltre, arrivando al punto di spogliarsi dei propri diritti di avere, per far prevalere i doveri dell’essere. La giustizia viene collegata con il mondo dei diritti, e sarà sempre difficile stabilire per ciascuno i propri. La carità, invece, rinunciando ai propri diritti di avere, allarga il proprio cuore dando precedenza ai più bisognosi.
Comunque, non c’è solo una condivisione di beni materiali, ma anche di beni spirituali, che, ripeto per l’ennesima volta, non corrispondono a quelli religiosi. Oggi, nel nostro mondo occidentale, non so chi sia il vero povero: chi manca del pane materiale o chi manca del pane dello spirito. Nel mondo dello spirito, i diritti scompaiono per lasciare il posto ai doveri dell’essere: la carità rientra tra questi doveri.
Questo servizio liturgico
Ho lasciato per ultimo il brano di San Paolo. Per comprenderlo bisogna tornare al capitolo precedente, dove leggiamo che l’Apostolo aveva lanciato una colletta, ovvero una raccolta di fondi presso le varie comunità cristiane disseminate un po’ ovunque, per sostenere alcuni fratelli in difficoltà  della Comunità di Gerusalemme. Ma c’era anche un altro scopo: quello di attestare una profonda comunione tra i cristiani di origine ebraica e cristiani di matrice pagana. C’è di più. L’Apostolo usa termini particolari per indicare la colletta: grazia, benedizione e servizio liturgico.
Don Angelo Casati commenta: «San Paolo chiama la colletta ”questo servizio liturgico”, nel testo greco “questo servizio della Liturgia”. Dunque, la liturgia che fa salire a Dio la nostra benedizione e accoglie su di noi la sua benedizione, non si compie solo qui in chiesa. Divina liturgia è venire in soccorso ai poveri. È gesto sacro quanto una Messa, è divina liturgia».
I nostri vecchi quanto erano profondamente cristiani! A quei tempi guai a perdere anche una sola Messa festiva, ma succedeva che, di fronte ad un’emergenza, come ad esempio assistere ad un malato in famiglia, non ci si ponesse tanti scrupoli, restando a casa. I nostri vecchi avevano una grande fede che puntava al cuore dell’amore.
A parte il fatto che oggi si perde Messa anche per sciocchezze, ma mi chiedo se quando si va a Messa, comprendiamo che la Messa deve continuare nella vita quotidiana. Messa è, come scrive san Paolo, servizio liturgico. Che significa “servizio”?

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi