Omelie 2019 di don Giorgio: TERZA DI QUARESIMA

24 marzo 2019: TERZA DI QUARESIMA
Dt 6,4a; 18,9-22; Rm 3,21-26; Gv 8,31-59
Primo brano: parola e parole
Nel primo brano della Messa si parla di parola e di parole: della Parola di Dio (la Parola) che i suoi profeti annunciano, e di parole (frammentarie e vuote) dei falsi profeti.
Mi piace ricordare la bellissima distinzione fatta dal filosofo francese Merleau-Ponty tra “parole parlate” e “parole parlanti”. Le prime sono vuote di contenuto e usate per non dire nulla; le seconde, invece, sono quelle che trasmettono qualcosa, le sole autentiche e costruttive. L’unica vera parola parlante è quella divina. Le nostre parole sono dispersive, confusionarie, anche menzognere: allontanano dalla Verità eterna.
Il mio esame di coscienza di prete consiste in una domanda che mi perseguita ogni giorno: quante parole vuote dico alla gente che mi ascolta? Pensate poi ai documenti, quanti!, della Chiesa: un fiume di parole talora inutili, sterili, noiose, senza mordente!
Perché Carlo Maria Martini affascinava, quando parlava? Le sue erano parole “parlanti”! Quanta nostalgia di un vescovo che non parlava a vuoto! E oggi? Come non soffrire per il vuoto di parole di un pastore che parla come un motore senza benzina?
La gente di oggi, che ha svuotato la testa per riempirsi la pancia, ha bisogno della Parola che nutre lo spirito dell’essere umano.
Secondo brano: la Legge e la Giustizia di Dio in Cristo
Nel secondo brano si parla della Legge e della Giustizia di Dio. La Legge per gli ebrei era la Torah, che indicava normalmente i primi cinque libri dell’Antico Testamento (Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio); perciò, un insieme di numerose norme da rispettare. Norme che al tempo di Cristo erano diventate così disumane da dar prevalere la legge sulla persona. Cristo dirà: “Il sabato è per l’uomo, e non l’uomo per il sabato”. Parole che verranno subito dimenticate anche dalla Chiesa, in nome di quel dogmatismo che uccide lo spirito della legge divina.
San Paolo parla di Giustizia divina, intendendo quel disegno di Dio che è stato in parte disatteso dalla cattiveria umana, e che Cristo è venuto per ripristinare nella sua originalità.
Terzo brano: verità e libertà
Nel terzo brano si parla di libertà e di verità e, di conseguenza, di salvezza e di schiavitù. Il confronto tra Gesù e quegli ebrei (tra parentesi, erano suoi simpatizzanti!) è drammatico, anche violento. Più che un dialogo, è uno durissimo scontro. Volano parole grosse, come “tu sei indemoniato, omicida, menzognero, ecc.”.
I temi in gioco sono caldi e vitali. Come non litigare sulla verità e sulla libertà? Se dovessimo sintetizzare tutta la storia bimillenaria della Chiesa potremmo dire che si è svolta attorno alla verità e alla libertà, ma senza mai riuscire a decollare.
Vorrei ora allargare il discorso sul piano del rapporto tra il bene e il male.
Il Bene e il male
Non so se riuscirò a chiarire il mio pensiero, che, tra l’altro, non è un mio pensiero.
Parlare di bene e di male si finisce sempre in un certa posizione manichea, per cui ci sarebbero come due entità distinte tra loro e in netta opposizione: appunto, il bene da una parte, e il male dall’altra.
Vorrei fare alcune riflessioni che potrebbero anche sconvolgere certe convinzioni o, meglio, ciò che abbiamo sempre sentito a proposito del bene e del male.
Prima ho parlato di parola parlante e di parole parlate, di verità e di falsità, di giustizia e di legge, di libertà e di schiavitù. Tutto questo sembra un groviglio inestricabile e anche drammatico, che è la conseguenza della lotta tra il bene e il male. Non basterà a salvarci la buona fede, ma il primato che daremo a quel Bene Sommo, che è la Verità assoluta, e solo questa ci renderà veramente liberi.
La parola “assoluto” (dal latino “ab-solutus”) significa “sciolto da”. Da che cosa? Da ogni vincolo o legame, da ogni determinazione o condizionamento, ovvero da ogni forma di schiavitù.
Il Bene divino è il Bene sciolto da ogni legame. Ecco perché è Assoluto. Il Bene assoluto è libertà. Qualcuno dirà che questi concetti sono strettamente filosofici. Tutto dipende da che cosa s’intende per filosofia.
Procediamo. Che cosa è il bene? È tutto ciò che è una emanazione del Bene Sommo, che è Dio. Più ci avviciniamo al Bene Sommo, più ci avviciniamo alla libertà. E per avvicinarci alla libertà occorre eliminare tutto ciò che ci condiziona.
E allora il male che cos’è? Basta dire che è tutto ciò che ci condiziona, impedendoci di avvicinarci al Sommo Bene, che è Dio?
Vorrei dire qualcosa di più. Il male è un bene mancato, un aborto di bene, o semplicemente è un bene mancante di qualcosa di bene. In altre parole, il male è un bene a cui manca tutto o manca qualcosa di bene. Possiamo anche dire che il male è un bene meno bene. Se esiste il Bene sommo, non esiste in contrapposizione il Male sommo. Non esistono due entità, quella del Bene e quella del Male. In altre parole, non esiste il male come entità a se stante. Il male esiste perché esiste il bene. Se non ci fosse il bene, non esisterebbe neppure il male. In parole più semplici: il male è un bene che non ha ancora raggiunto la pienezza del Bene Sommo.
Di conseguenza, possiamo dire che tutto in un certo senso è male, nel senso che, finché viviamo su questa terra, nessuno è perfetto, siamo in ricerca del Bene Sommo.
Ma attenzione: non è questa una visione pessimistica della realtà; anzi, definendo il male un bene non ancora del tutto realizzato, togliamo al male ogni sua sussistenza. Il male in sé non esiste, esiste solo il bene che deve essere realizzato.
E allora, più che combattere il male, bisogna realizzare il bene mancante.
Sta qui il segreto della lotta per vincere il male. E allora non è sbagliato di dire che si vince il male con il bene.
Noi, credenti, abbiamo sbagliato tutto nella nostra opera educativa. Abbiamo troppo insistito nel presentare il male in tutte le sue forme più diaboliche, dimenticando di dire che bisogna puntare al meglio, e più agisco per il meglio, più tolgo al bene la sua parte mancante, che è il male.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi