«Inquinamento in Italia, 60 mila morti l’anno. Ma oggi non c’è alcun nesso certo col virus»

da espresso.repubblica.it
INTERVISTA

«Inquinamento in Italia,

60 mila morti l’anno.

Ma oggi non c’è alcun nesso certo col virus»

Parla Fabrizio Bianchi, epidemiologo dell’ambiente del Cnr. «L’associazione tra smog e Covid 19 è ipotesi ancora non verificata. L’aria della pianura padana è certamente insalubre. Ma oggi vediamo che ci sono aree più pulite in cui l’incidenza del patogeno è comunque elevata. E zone molto inquinate dove il coronavirus circola poco»
dI EMILIANO FITTIPALDI
23 marzo 2020
«No, non c’è ancora alcuno studio verificato su un rapporto stretto tra smog e Covid 19. È necessario che gli scienziati non parlino a vanvera». Fabrizio Bianchi, direttore di epidemiologia ambientale dell’Istituto Fisiologia Clinica del Cnr, entra nel dibattito sull’eventuale associazione tra diffusione virulenta del coronavirus in zone del mondo (come la Cina e la Pianura padana) particolarmente colpite.
Ci sono scienziati che ipotizzano invece un nesso strettissimo.
«Io ragiono in tre mosse: 1) La relazione tra inquinamento atmosferico e malattie tumorali, cardiovascolari, respiratorie e altre, è provata da tempo in modo inequivocabile; 2) c’è una plausibilità generale che la popolazione che respira da tempo aria inquinata sia anche più suscettibile all’azione di virus che aggrediscono le vie respiratorie 3) l’associazione tra smog e Sars-Cov2 è un’ipotesi non verificata. E quindi, al massimo, uno stimolo di lavoro per dimostrarla».
Perché alcuni esperti scrivono di un nesso come fosse già dimostrato?
«Valutazioni descrittive, come quella svolta da alcuni ricercatori, in maggioranza chimici, di varie università con la Società Italiana di Medicina Ambientale, danno una fotografia su macro-scala, e generano o rafforzano ipotesi. Tuttavia per approfondire il legame tra smog e Covid-19 occorrono studi in grado di osservare nel tempo e nello spazio l’andamento sia dell’inquinamento sia dell’epidemia, tenendo conto di molte altre caratteristiche che possono influire sia sull’inquinamento che sull’epidemia. Occorre cioè un filmato e non una singola fotografia. Bisogna essere scrupolosi»
Che difetti vede negli studi citati?
«L’osservazione è stata svolta non su valori di inquinamento misurati o modellati, ma sul numero di superamenti del limite di legge del PM10 (50 μg/m3), rapportato al numero di centraline attive per Provincia, su dati giornalieri in breve periodo di tempo (19-24 febbraio). E’ stato considerato il numero assoluto di casi di Covid-19 per provincia, senza tener conto della dimensione della popolazione residente. Emerge una correlazione che può dipendere da molti fattori non considerati e che non è in grado di spiegare fenomeni ben visibili: in molte aree inquinate dentro e fuori la pianura padana l’evoluzione del Covid-19 è stata diversa e differenziata».
Dunque una correlazione chiara finora è impossibile da definire?
«Esatto. Ci sono aree inquinate in cui l’incidenza di Covid-19 è elevata, ma ci sono anche aree non particolarmente inquinate in cui si registra una notevole incidenza di Covid-19, così come ci sono aree molto inquinate in cui Covid-19 è cresciuto recentemente mentre l’inquinamento è calato. In una situazione così complessa studi di correlazione su base provinciale, come quello che in questi giorni fa discutere, sono utili a supportare ipotesi di lavoro, come d’altra parte sostengono gli stessi autori che usano il condizionale a proposito di una azione del particolato come vettore di trasporto e impulso alla diffusione virulenta».
L‘Agenzia regionale per la protezione ambientale del Veneto, quella dell’Emilia Romagna, e una settantina di scienziati di varie università italiane, hanno firmato un documento che critica duramente chi fa nessi diretti tra inquinamento e diffusione del coronavirus. Dicono che le ipotesi «sono stati proposti prematuramente alla stampa», e che si sono «scatenati dibattiti improvvisati». È d’accordo?
«Si. In una fase così critica come questa per il nostro Paese, bisogna dare ai cittadini informazioni incentrate su ricerche accurate, e non suggestive e/o incomplete. Può darsi che alla fine un rapporto tra smog e virus esista davvero, ma ad ora non possiamo affermarlo con certezza come fa qualcuno. Come epidemiologi ambientali stiamo lavorando a pianificare studi in grado di indagare in modo affidabile la relazione causa-effetto, utilizzando dati sulla evoluzione dell’inquinamento, delle condizioni meteo, e sulle malattia a livello individuale, che potremo avere nei prossimi mesi».
Non è che le Arpa si difendono perché , dovendo controllare il livello di smog a livello regionale, si sentono attaccate?
«Guardi, questo non lo so. So che sul tema bisogna fare ricerca e analisi accurate senza steccati, necessariamente avvalendoci della collaborazione multi e interdisciplinare. Sicuramente l’inquinamento deve essere contenuto maggiomente da tempo immemore, e non bisogna dimenticare il carico di malati e morti che genera. Solo in Italia, ce ne sono circa 60 mila l’anno. Numeri che dovrebbero fare impressione e che riproporremo presto, ma ora occorre il massimo sforzo per contrastare Covid-19. Aderendo scrupolosamente alle misure tese ad evitare i contatti sociali».

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi