Come salvare la Chiesa da un clero, la cui stupidità è in-finita?

Come salvare la Chiesa da un clero,

la cui stupidità è in-finita?

di don Giorgio De Capitani
Quel prete milanese youtubista che sta catturando grande consenso tra gli allocchi non ha ancora toccato il fondo, forse perché il male ha un fondo, da cui poter eventualmente risalire, ma la stupidità, come ha scritto Albert Einstein, è infinita.
E se c’è uno che s’intende di Infinito tanto da parlarne anche a vanvera, questi è proprio il prete, ma in tal caso la parola “infinito” è da intendere come “non-finito”, “non terminato”, “ancora da compiere”.
Noi preti, in quanto amanti dell’”in-finito”, siamo insuperabili, quando si tratta di porre sul tappeto di una palestra ultra attrezzata o di un finto ring dei problemi, e di porli poi male, per poi darne qualche spiegazione, lasciata in bilico tra il grottesco e l’irrazionale o, meglio, quella faciloneria che pretende, con battute da cabaret tali da irritare ogni buon senso di sopportabilità, di indicare una via per uscire da un groviglio di malessere che si complica man mano lo si sbroglia nella sua complessità.
Almeno quel prete milanese youtubista  parlasse di politica e di politici, così potrei anche conoscere su quale sponda sta registrando, e se voglia rischiare qualcosa della sua pelle, toccando qualche filo scoperto di corrente elettrica.
No! Se ne guarda bene!
Almeno contestasse quel qualcosa che c’è sempre da contestare anche nelle migliori famiglie!
– Ma scherziamo?!, mi risponderebbe.
E così quel tizio preferisce scherzare anche sulle cose più serie, fingendo o presupponendo che tutto vada per il meglio, tra i ranghi di una gerarchia da onorare in ginocchio e una cattedrale di dogmi da incensare in piedi.
Salva la gerarchia e salvi i dogmi, quel prete milanese youtubista può permettersi, con il benestare dei superiori, di scherzare su tutto, purché porti un po’ di consenso alla causa di una religione, specialmente quella cattolica, che, essendo oramai in mutande, richiederebbe solo qualche pizzo in più, qualche frangia decorativa, per evitare che le cosiddette ”vergogne bibliche” appaiano a tutti come due grosse palle di inganni.
Almeno parlasse di qualche scandalo sessuale, come quando qualche prete di troppo, anche milanese, ha il vizietto, perdonabile tramite una veloce confessione sacramentaria, di toccare le parti più intime di bambine e di bambini.
No! Non è suo compito denudare una diocesi col vizio di coprire gli scandali sessuali e di far marcire, invece, preti dissidenti tra quattro mura di una solitudine redentivamente all’infinito. 
Quel prete milanese youtubista scherza su tutto, dimenticando che alla fine si troverà anche lui in mutande, e basterà poco perché la massa dei suoi allocchi, prima consenzienti, passerà ad amare altri giocolieri, le cui balle divertiranno di più.
Il problema è sempre di fondo: noi preti abbiamo la presunzione di spiegare cose difficili e troppo serie, senza leggere i libri giusti, ovvero quei testi di autori che possano aprire cervelli orlati con pizzi o frange, che odorano di chiesa tradizionalista, oramai consolidata sul vuoto assoluto, che si vorrebbe coprire con quattro battute da cabaret.
I preti giovani poi, forse fascistelli figli di un regime veterotestamentario, escono da seminari fallimentari, tanto più che sono entrati provenienti da una società radicalmente fallimentare.
E allora eccoli, gasati al massimo con il vento della vacuità, che restano all’esterno di un Eterno a loro sconosciuto, proprio perché l’Eterno è in loro, ma loro sono alieni, estranei a se stessi.
Immaginate una Chiesa, a cui venga a mancare perfino quel filo diventato sottilissimo di una tradizione secolare di Bontà e di Bellezza pastorale, e che perciò sia costretta a camminare tra solchi di nullità d’essere, senza alcuna possibilità che spunti almeno un filo di speranza?
Questi giovani preti milanesi, educati sul nulla e da nullità educative, sarebbero forse fiori promettenti un nuovo futuro di Chiesa, già deserta per colpa di se stessa per aver tradito da secoli quel Cristo, che non è venuto per dare origine ad una nuova religione, ma a quel Cristianesimo come Via di ritorno alle radici del proprio essere interiore?
“Guai a voi!”, direbbe ancora Cristo, “guide cieche e ipocrite”, che vi abbeverate a pozzi screpolati, da cui esce solo qualche gas maleodorante.
Cosa fare, allora?
Con la stupidità in-finita non c’è alcun rimedio.
Solo il tempo sarà giudice implacabile e sistemerà ogni cosa. Ma il tempo non ha fretta, e nel frattempo altre nuove generazioni cadranno in depressione, o si suicideranno nel loro essere, ingannando così la massa di ossa inaridite, in attesa della risurrezione.
Ci sarà un altro Ezechiele pronto a soffiare l’alito di vita? O non succederà che lo Spirito si incazzerà, spazzando via le ossa inaridite e lasciando il deserto senza più speranza di rinascita?
Vogliamo salvare la Chiesa? E allora purifichiamola, ma ci vorrà un oceano di Grazia divina!
Vogliamo salvare la Chiesa? E allora immergiamola nella radicale Mistica medievale!
Vogliamo salvare la Chiesa? E allora convertiamo il suo clero, a partire dal papa, dai vescovi, dai preti e dalle suore!
Vogliamo salvare la Chiesa? E allora sgrossiamola, riducendola all’essenziale o a quel minimo indispensabile perché lo Spirito possa agire in libertà.
E i laici? Liberiamoli dai loro complessi di inferiorità o dalle loro pretese assurde, copie perfette di un clero autoritarista, che ora ha perso anche l’ultimo vincastro.
Ma chi farà tutto questo?
Solo la Grazia divina? No! Solo lo Spirito santo? No!
A loro però basterebbe poco: una fessura; e tutto salterà in aria, per ripartire a rifare la terra e il cielo.

 

Per vedere un video di don Alberto clicca qui sotto
Studiare FILOSOFIA ti fa perdere la fede? Cosa avrebbero dovuto dirmi al liceo

 

2 Commenti

  1. Luigi ha detto:

    Don Giorgio, la Chiesa milanese sta tornando al periodo preconciliare e questo pretino cretino ne è la dimostrazione. La conferma l’ho avuta oggi aprendo il sito di merate online dove c’è scritto del trasferimento di don Marco Albertoni. a Firenze. Non conosco don Marco, ma so cosa ha fatto per mio nipote. Mio nipote non va a messa come non ci vado più neanch’io e penso non ci andrò mai più. La mia fede in Cristo non ne ha bisogno. Si sta tornando a spostare il centro da Cristo alla Chiesa e spero che porti al fallimento della Chiesa. Dal libro “Oscar Arnulfo Romero. Un vescovo fatto popolo” di don Abramo Levi ho trovato che perfino la rivista gesuita “Civiltà cattolica” quando Giovanni Paolo II commentò la sua prima enciclica “Redemptor Hominis” denunziò questa tentazione: “La chiesa non potrà mai sostituirsi a Cristo; non potrà diventare essa il centro, anche se nell’economia della salvezza essa occuperà sempre un posto centrale”. “La luce viene da Roma”, ha pressappoco lo stesso senso di “la salvezza viene dai Giudei”, che Gesù disse alla samaritana. La salvezza viene dai Giudei (ossia da Gerusalemme). Ma viene in modo tale che la salvezza sarà universale quando di Gerusalemme non resterà più “pietra su pietra”. Roma è avvertita. Se vuol salvarsi dovrà essere “Pietra e non pietre” (Mazzolari). Se a Roma sostituiamo Milano, la diocesi milanese è avvertita.

  2. simone ha detto:

    Mi sono imbattuto anch’io nei video di questo prete. Ho visto il primo e devo dire che a prima vista ha un effetto seducente direi che ti ammalia. Però mi sono subito accorto che dopo 10 minuti non mi era rimasto niente. E’ coinvolgente, calamita l’attenzione (forse per la durata di uno o due video) ma non lascia nessuna traccia, non fa riflettere, pensare.
    E’ una modalità che ha un solo risultato: la sua popolarità.

    Mi spingo oltre, per un popolo di imbecilli che vogliono unicamente rispettare precetti e sentirsi a posto con la coscienza è certamente il paradiso.
    Lui non fa altro che questo e la gerarchia ne è felice perchè attualizza il suo imperativo: staccare il cervello alla gente e inscatolarli in pareti di regole. Peraltro lo fa con uno stile giovanile ed è un genio per loro.

    Ma io mi chiedo, che cos’è oggi il prete? Un giocoliere? Un creativo? Un animatore? Un funzionario? Un bravo amministratore?
    Me lo chiedo ripetutamente.
    Oppure cosa chiediamo ad un prete?

    Perchè tutte le cose sopra, le può fare anche un non-prete…molte volte riesce anche a farle molto meglio.

    Ma nei disastri delle nostre esistenze voi andreste da un gioppino del genere?

    Certo se vivessimo tutti nel rispetto dei precetti senza guardarci dentro, come dei robot asettici certo che non avremo mai momenti di crisi.

    Ma davanti ad una frattura difficile da ricostruire con la moglie andreste da lui?
    In una crisi reale di fede vi affidereste a lui?
    Davanti alla malattia di un caro? Davanti alla morte improvvisa?

    Vogliamo banalizzare tutto ok, ma non è questa la missione di un prete.
    Mi dispiace…non è raccogliere consensi o attualizzare qualche precetto.
    C’è un cammino interiore che deve essere guidato non da quattro pirlate..

    Un seminarista amico mi ha detto che è un prete profondo, spirituale. Mi son messo le mani nei capelli.
    A me sembra che escano solo ragazzetti dal seminario; certo la vita ti fa maturare ma questi son acerbi…inadeguati.
    Bambinetti che fanno ridere ma non riflettere.
    Che fan dimenticare la vera missione di ogni uomo, il vero scopo dello scorrere del tempo.
    Gente immatura….non mi permetto di giudicarli ma io non darei mai un lavoro a gente così.

    Non so….inquadrati, senza capacità di pensare fuori dagli schemi. Funzionari affidabili nel rispettare la gerarchia ma vuoti nell’interno.
    Organizzatori, animatori, amministratori…magari anche bravi ma non preti!
    Gli chiederei di tutto tranne che di parlare di fede.

    Un disastro…

    Questo è il segno di una crisi irreversibile.
    Siam passati

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi