La carica dei cristiani senza Dio

da L’Espresso

La carica dei cristiani senza Dio

L’Europa attuale è stata costruita dai leader cattolici che volevano unire Chiesa e democrazia. Oggi vacilla di fronte all’attacco dei sovranisti
di MARCO DAMILANO   
24 settembre 2018
Uno spettro si aggira per l’Europa, la vecchia sinistra socialdemocratica, in picchiata ovunque nei consensi e in crisi di identità. La sua versione italiana, raccolta sotto le bandiere del Partito democratico, non riesce da mesi neppure a raccontare a se stessa e agli italiani le ragioni di una perdita di milioni di voti ed è arrivata a dividersi perfino sugli inviti a cena. È accaduto in occasione dell’improvvida idea di Carlo Calenda, invitare a tavola un ristretto club di primi della classe, Matteo Renzi, Marco Minniti, Paolo Gentiloni, che alla fine hanno lasciato cadere scatenando l’ira dell’ex ministro. L’opposizione continua a discutere di formule e contenitori, mentre la coalizione di governo M5S-Lega litiga, si accapiglia, si divide sulle cose da fare: misure, soldi, risorse per la legge di Bilancio. Occupa tutte le zone del campo (destra, sinistra e centro) e continua a crescere nei sondaggi, malgrado la confusione.
Ma c’è un altro fantasma, molto meno analizzato e raccontato, che spiega quanto sta succedendo in Italia e nel resto d’Europa. Attraversa i paesi che ricalcano i confini dell’antico Impero carolingio, Francia e Germania, e gli Stati oggi uniti dal patto di Visegrad e poi l’Austria e il Lombardo-Veneto, culla della Lega prima indipendentista e oggi sovranista: i territori che furono dell’Impero asburgico. È una faglia che a Ovest e a Est dell’Europa spacca i popoli che furono la culla della cristianità europea nel Medioevo, nell’età moderna e nei cinquant’anni seguiti alla fine della seconda guerra mondiale, dopo il 1945.
L’Europa unita, sognata dal laico Altiero Spinelli nell’isola di Ventotene, ben più che dalle sinistre socialiste è stata inizialmente costruita dai tre leader dei paesi fondatori: il francese dell’Alsazia-Lorena Robert Schuman, il tedesco della Renania Konrad Adenauer, l’italiano venuto dal Trentino, già deputato del Parlamento asburgico, Alcide De Gasperi. Tre leader venuti da regioni di frontiera, testimoni degli eccidi e delle tragedie del Novecento, tre cristiani interpreti di una potente idea politica: l’incontro tra i cattolici e la democrazia, dopo secoli di guerre di religione, di alleanze tra trono e altare e di separazioni sanguinose. E dunque la fine della lunga stagione aperta in Europa dalla rivoluzione francese del 1789, con la Chiesa e i cattolici relegati all’opposizione della modernità, sul fronte della restaurazione. L’Europa e la democrazia erano i due volti di un progetto ambizioso, insieme politico e religioso, perché richiedeva una Chiesa non più arroccata sul fronte della reazione, anticipava le conclusioni del Concilio Vaticano II. In Italia significava la lunga egemonia del partito-Stato dei cattolici, la Democrazia cristiana, in una logica non confessionale ma di autonomia tra le due sfere, l’ordine temporale e l’ordine spirituale. La garanzia che la democrazia italiana e l’orizzonte europeo avrebbero avuto una base di massa, popolare: contadini, operai, ceti medi, l’immenso bacino dell’elettorato cattolico.
Il processo di costruzione dell’attuale Unione europea e l’allargamento ai paesi dell’Est fu completato dagli ultimi esponenti di quella tradizione: l’italiano Romano Prodi, il tedesco Helmut Kohl, cui va aggiunto il più anziano Jacques Delors, che da giovane si era formato nella gioventù operaia cattolica e nella rivista “Témoignage Chrétien”, prima di aderire al partito socialista. Era stato il papa polacco Giovanni Paolo II a coniare lo slogan dell’Europa a due polmoni, uno orientale e uno occidentale, ben prima della caduta del Muro. E alla fine del Novecento e nei primi anni Duemila il progetto era sembrato trionfare.
Oggi, invece, c’è il vuoto. Non ci sono due polmoni, ma l’asfissia. L’Europa non respira, soffoca, ha le porte e le finestre sbarrate, all’esterno e all’interno. La stagione di quella che lo storico Timothy Snyder ha definito in “La paura e la ragione” (Rizzoli, 2018) «la politica dell’eternità»: il ritorno alla politica del suolo, della terra degli avi, contrapposto alla «politica dell’inevitabilità», il culto dei parametri economici come volto finale della liberal-democrazia. Due visioni entrambe anti-storiche, scrive Snyder: «I politici dell’inevitabilità insegnano che i dettagli del passato sono irrilevanti, perché qualunque cosa succeda è acqua per il mulino del progresso. I politici dell’eternità saltano da un momento all’altro, tra i decenni e i secoli, per costruire un mito di innocenza e di pericolo». Oggi l’Economist si interroga sul superamento di un liberalismo inteso come puro vincolo e austerità. Ma intanto il vuoto si è aperto, nel cuore dell’Europa, e nel vuoto tornano di moda parole antiche: Patria, Nazione, Identità. Radici. E il cattolicesimo democratico e europeista è stato spazzato via.
Al suo posto c’è un’ideologia, cristianista più che cristiana, che si candida a guidare culturalmente il fronte del sovranismo alle prossime elezioni europee, in Polonia, Ungheria, Austria, Italia. Con un doppio obiettivo: abbattere non solo l’Europa di Maastricht e di Schengen, ma anche l’Europa dei diritti, che è stata una sorta di virtuoso vincolo esterno. In nome della rivincita sulla modernità, la restaurazione, il ripristino della Tradizione immutabile, contro quello che viene considerato un interminabile catalogo di errori. L’Ungheria di Viktor Orbán è l’apripista. Il premier ospitato nel vecchio Ppe, i democristiani europei, in questi anni ha stravolto la Costituzione del suo paese inserendo riferimenti continui al re Santo Stefano, all’identità cristiana della Nazione, alla famiglia «basata sull’unione volontaria tra uomo e donna», con il divieto di aborto e la difesa del feto «fin dal concepimento». È la politica dell’eternità, che aggredisce un’Europa svuotata dai suoi valori fondativi.
L’Espresso racconta come sta avvenendo questa metamorfosi anche in Italia. Può far sorridere o inquietare, o entrambe le cose. Di certo è uno dei motori del sovranismo italiano. Un movimento che raccoglie un partito, la Lega, un gruppo trasversale di 150 parlamentari, il gruppo Famiglia e Vita appena nato, un ministro, Lorenzo Fontana, per cui è stato appositamente creato un ministero della Famiglia, di nessuna capacità di spesa ma di ampio potere declamatorio, il leader Salvini che ha sventolato una copia del Vangelo e una corona del rosario nel comizio finale della sua campagna elettorale in piazza Duomo, nel silenzio imbarazzato della gerarchie ecclesiastiche. Il movimento conta su potentissimi appoggi in Vaticano, nell’ala curiale anti-Bergoglio, e su quella rete internazionale che ruota attorno all’enigmatico ex consigliere di Trump Steve Bannon.
C’è una storia italiana che ci porta qui. La fine del partito dei cattolici, la Democrazia cristiana, che raccoglieva la gran parte dell’elettorato dei credenti e dei praticanti alla messa domenicale, ma aveva combattuto ogni deriva clericale o sanfedista. La chiusura della Dc, avvenuta esattamente un quarto di secolo fa, avrebbe dovuto lasciare spazio, nella speranza dei sostenitori del bipolarismo, alla presenza di cattolici in entrambi gli schieramenti, a far da lievito con la loro cultura. Era questo il senso più profondo dell’operazione Ulivo: un patto tra laici e cattolici pensanti, come li chiamava il cardinale Carlo Maria Martini. Cattolici aperti alla modernità, laici curiosi del fatto religioso. Quel patto è saltato quasi subito. Perché la gerarchia ecclesiastica italiana, guidata con il pugno di ferro dal cardinale Camillo Ruini, preferì puntare sullo schema opposto: la trasformazione della Chiesa in una lobby, con l’inserimento in Parlamento e nei nuovi partiti della Seconda Repubblica, da Forza Italia alla Margherita, di figure politicamente sbiadite ma docili ai disegni della Conferenza episcopale. Paola Binetti e Eugenia Roccella, per dire.
Un disegno che presupponeva la riduzione del mondo cattolico a pura massa di manovra, da spingere in piazza come nel caso del primo Family Day del 2007 contro il disegno di legge sulle unioni civili del governo presieduto dal cattolico Prodi, e da rispedire a casa a piacimento se il momento richiedeva trattative lontane dai riflettori. Il bilancio finale è stato disastroso: l’episcopato, finita l’era Ruini, si è presentato senza leadership e capacità di lettura della nuova realtà italiana, oscillante tra un populismo pasticciato e le buone intenzioni, incapace di proporre nei conclavi del 2005 e del 2013 un candidato all’altezza del papato. Il serbatoio dell’associazionismo, dei movimenti, del sindacato (la Cisl) che forniva i quadri di una classe dirigente diffusa e popolare, con i suoi personaggi di spicco nell’establishment, i Bazoli, gli Andreatta, i Prodi, e gli intellettuali ascoltati dalla cultura laica come Pietro Scoppola, si è esaurito nel conformismo, nella ripetizione delle formule astratte (ieri i principi non negoziabili, la vita e la famiglia, oggi un certo appoggio di comodo alle indicazioni di papa Francesco di cui si coglie l’aspetto più edulcorato, il meno impegnativo), nella distanza dalla sfera della politica, considerata nella stagione precedente lo sbocco privilegiato dell’impegno nella storia, forse obbligato, di certo il più nobile.
E, quel che è peggio dal punto di vista della ragione sociale della Chiesa, l’annuncio del messaggio cristiano nel mondo, c’è stato un arretramento vistoso: le chiese vuote, l’ignoranza religiosa, l’incredulità pratica, il silenzio di Dio. La riduzione del cattolicesimo dalla dimensione del mistero della vita, del dolore e della Resurrezione alla estenuante difesa quotidiana sui preti pedofili, le beghe curiali che trasforma la Chiesa in una multinazionale corrotta e in disarmo.
In questo vuoto si è compiuta la secolarizzazione, «il salto nel vuoto etico», come l’ha definita Scoppola. Quell’attitudine contemporanea a non credere in un dio o in una religione che è finita per capovolgersi nel nichilismo, ovvero nell’impossibilità o nell’incapacità di credere a qualcosa. E, sul fronte opposto, la crescita della reazione. Un cristianesimo dell’eternità, ben rappresentato dal ministro Fontana e dalla sua guida spirituale don Wilmar Pavesi, raccontato da Elena Testi. Un’eternità, però, che ignora il trascendente, perché la partita si gioca tutta qui e ora, su questa terra, in questa Europa e in questa Italia, nella politica, una sfera non più distinta dalla religione. Un processo lungo: già all’inizio degli anni Novanta il Centro Lepanto attaccava il Trattato di Maastricht, «la più grave minaccia contro gli Stati nazionali europei, e dunque contro la stessa Europa, in questo dopoguerra», lo definiva il professor Roberto De Mattei, animatore del centro che aveva promosso l’attacco contro la moschea di Roma e la veglia di preghiera contro il Gay Pride del Duemila: «L’omosessualità è un vizio infame. Ci auguriamo che Sodoma, la città della depravazione, non sia il modello del Parlamento europeo». Già allora il Centro Lepanto aveva intrecciato una serie di importanti relazioni con l’Heritage Foundation, una delle culle del pensiero neo-conservatore Usa, ma restava minoritario e isolato.
Oggi, invece, tra i fedeli solo il 33 per cento è critico con Salvini, il 57 per cento è d’accordo con il capo della Leg a, nonostante la predicazione di papa Francesco e le ripetute prese di posizione del quotidiano Cei, Avvenire. E concetti fino a poco tempo fa impresentabili risuonano dalla bocca di un prete che un ministro della Repubblica frequenta ogni mattina. C’è una semplice domanda per il ministro Fontana che ha giurato fedeltà alla Costituzione repubblicana: condivide quanto ha detto all’Espresso il suo consigliere spirituale e politico, perché per i neo-reazionari la distinzione tra le due sfere non esiste? Se sì, Fontana sarebbe un ministro che considera le donne incapaci di studio, l’omosessualità un frutto del diavolo e l’alleanza trono-altare un progetto possibile. Un caso unico in Occidente, almeno per ora.
All’interno della Chiesa si muove una lobby potente di mezzi e di relazioni, spara i suoi cannoni dalla stampa di destra o da siti influenti e militanti. Nell’indifferenza della cultura laica, ormai insensibile al fatto religioso. Ma è un errore, perché è da questa nuova frattura tra cristianesimo e modernità, tra cattolici e democrazia che nasce il più feroce attacco ai diritti di tutti. Quelle chiese deserte rappresentano un vuoto più profondo che riguarda tutti. In cui avanza un cristianesimo in fondo ateo. Senza Dio perché senza l’uomo, senza l’altro.

 

3 Commenti

  1. diogene ha detto:

    analisi lucida e sconcertante… mentre leggevo pensavo: “forse i cosiddetti millenium ci salveranno? Ma!!!

  2. luciano ha detto:

    Don Giorgio,
    la preoccupazione del dove andremo a finire monta sempre più; non vedo nessuna figura in grado di raccogliere attorno a se le istanze di quanti sono disgustati dell’attuale politica italiana e dei suoi gerenti. Di questo passo anche le pochissime voci che si elevano da questo miasma non riusciranno a farsi sentire perchè il “baccano” che gli attuali politici scatenano soverchia ogni voce ed in particolare ogni voce “LIBERA”. Di questo passo stiamo capitombolando verso un nuovo “ventennio” che però avrà dalla sua parte i mezzi di comunicazione e con facilità potrà attuare la propaganda. Le nostre menti ormai decadenti e obnubilate saranno facile preda di questi “gerarchi” che ci condurranno verso tempi bui e tempestosi dai quali forse potremmo riemergere con l’offerta di sangue innocente. In questa situazione ci sguazza la Chiesa e in particolare quella Ambrosiana alla cui guida è stato posto un nuovo “don Abbondio”. Sono seriamente preoccupato soprattutto perchè di questo stato il prezzo sarà pagato dai miei figli e da quanti giovani la pensano come loro, critici verso l’attuale situazione.

  3. Giuseppe ha detto:

    Da sempre l’uomo si è costruito un’idea di Dio a propria immagine e somiglianza, interpretando a modo suo la parola delle sacre scritture comuni alle tre principali religioni monoteistiche. Per questo pur professando la “fede” in un unico Essere supremo (che è lo stesso a prescindere dal nome usato per indicarlo) non c’è identità di vedute sulla sua natura e sugli insegnamenti che da Lui provengono. Non solo, ma perfino in seno alle religioni stesse si verificano divisioni, anche laceranti, nel modo di professarle, basate per lo più sulle proprie opinioni e sui convincimenti personali, che poco o nulla hanno a che fare con la fede.
    Per quanto riguarda la chiesa cattolica poi, per alcuni sembra che il Concilio Vaticano II non sia mai stato celebrato o quanto meno venga ritenuto semplicemente come un incidente di percorso dal quale è necessario prendere le distanze. E questa “corrente di pensiero” non è diffusa solo tra laici ignoranti e pressapochisti che hanno una infarinatura di religiosità limitata a segni esteriori, ma anche in alcune frange del clero conservatore, ancorate a visioni arcaiche che rifiutano come un segno del maligno qualsiasi novità o apertura che possa contraddire le loro convinzioni e, come se non bastasse, hanno un immagine della donna come di una creatura subalterna, da prendere in considerazione quasi esclusivamente in funzione della sua attitudine a procreare.
    Da un punto di vista politico, sembra quasi di essere tornati indietro di duecento anni all’epoca del Congresso di Vienna successivo alla caduta di Napoleone, quando i sovrani europei dettero vita alla restaurazione degli stati nazionali, in nome di una sovranità considerata sacra in quanto emanazione della regalità di Dio stesso, opportunamente evocata per rafforzare la legittimità della propria egemonia e dare un colpo di spugna alle spinte di libertà nate a seguito della rivoluzione francese. Una commistione blasfema tra sacro e profano che rispecchia, facendo salve le ovvie differenze, quella attuale.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi