Natale storico/leggendario o Natale mistico/reale?

L’EDITORIALE
di don Giorgio

Natale storico/leggendario o Natale mistico/reale?

Se il Natale di Cristo è essenzialità, fino a spogliarsi di ogni orpello decorativo, di ogni convenienza rituale e di ogni sentimentalismo bonario, allora forse una speranza ci è rimasta di cogliere qualcosa di quel Mistero che già i primi cristiani avevano rivestito di miti, trasformatisi subito in leggende più o meno edificanti ed edulcorate via via sempre più superflue e di facciata.
Sinceramente non so nulla di quell’Evento chiamato “incarnazione del Figlio di Dio”, che ancora oggi la Chiesa celebra con ostinata e ostentata fastosità rituale, facendoci credere che più di duemila anni fa sia successo qualcosa di Straordinario, di cui è rimasto come traccia solo un ricordo mitico che, ogni anno che passa, si aggiudica primati su primati di formalità sociali e di legami convenzionali, tanto da chiederci: perché lo facciamo? qual è il vero movente di tutto un insieme di ipocrisie e di droghe eccitanti?
Eppure, ad ogni Natale che arriva sappiamo che saremo ancora ossessionati da un tale clima pubblicitario da toglierci perfino ogni pudore per non sentirci ridicoli.
Che poi, tolti gli orpelli inutili e i sentimentalismi bonari, ridotte all’osso le convenzioni sociali e i fottuti reciproci regali, siamo rimasti al freddo e al gelo, quasi emarginati dalla frenesia collettiva e con tanta solitudine da sentirci privati della gioia di goderci una festa più che legittima, in una società che parla solo di tasse, di sacrifici, di violenze e di morti, ciò non significa che come credente mi senta un infelice o addirittura tagliato fuori dal Mistero divino.
Anche qui i Mistici parlerebbero di distacco, e per distacco non intendevano giocare al minimo indispensabile, ma puntare a quella radicalità che mette sotto accusa, oltre l’avere, anche il volere e il sapere, in vista dell’unico intento: quello di dare all’essere tutto il suo essere, nella sua migliore purezza d’essere.
Certo, il Natale perderebbe tutto il suo apparente calore e il suo fascino consumistico, creando addirittura una aridità tale da sembrare di non vivere più il Natale, ma di sentirlo un giorno come un altro, come se quell’Evento straordinario di tanti anni fa venisse sepolto sotto la cenere. Ma è proprio così?
A parte che ogni giorno dovrebbe essere Natale nella più ordinaria normalità, il fatto è che, dando un peso eccessivo, per non dire allucinante e paranoico, ad una ricorrenza annuale che strumentalizza e usa il Natale come se fosse un oggetto magico, a cui è stata tolta l’anima, rimaniamo delusi quando la messinscena farsesca crolla all’improvviso, appena arriva la sera del 25 dicembre, lasciandoci con i nostri problemi di sempre, irrisolti anche per colpa nostra, di credenti che hanno svuotato il cuore del Mistero.
Quanto vorrei che noi cristiani la smettessimo di proporre un giorno, quello di Natale, come se fosse l’abbraccio con l’umanità più disperata, o la solita ipocrisia di aprire la porta delle nostre case confortevoli ad un poveraccio di strada. Sì, l’ipocrisia continua, e il povero il giorno dopo si sentirà ancor più povero e ancor più maledetto dalla nostra quotidiana indifferenza.
Quando sento dire: “Quest’anno non mi sembra Natale”, non angustiarti, forse sei sulla buona strada: quella della sincerità con te stesso, e quella della essenzialità, che ti porterà all’incontro con il Divino che nasce e si rigenera nell’essere, ogni giorno, lontano dal clamore di una società impazzita.
Concludo queste riflessioni citando un grande poeta mistico del ‘700, Angelus Silesius, che, nel suo capolavoro “Il pellegrino cherubico” (che vi invito a leggere!), scrive:
“Mille volte nascesse Cristo a Betlemme,
ma non in te: sei perduto in eterno”. (I, 61)
“Se lo Spirito di Dio ti tocca con la sua essenza,
in te nascerà il Figlio dell’eternità”. (II, 103)
“Davvero è generato ancor oggi il Verbo eterno!
Dove? Qui, dove in te hai perduto te stesso”. (III, 188)
“L’anima che è vergine e accoglie solo Dio
può incingersi di lui ogni qual volta lo pensa”. (IV, 216)
24 dicembre 2016
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2

5 Commenti

  1. giovanna ha detto:

    le ho scritto alla mail personale …in merito al suo scritto…grazie

  2. Luigi ha detto:

    Offro a lei don Giorgio come augurio di Natale questa bella intuizione di Giovanni Vannucci sul mistero del Natale: “Il figlio di Dio nasce libero da ogni schiavitù derivante da privilegi terreni, e questa sua condizione lo rende il dono di comunicazione offerto da Dio a tutti gli esseri, a qualunque condizione appartengano. La nascita da vergine, senza concorso umano, vuol dire anche questo: tutto è incontaminato in Cristo. Se fosse nato nella casa di un ricco non sarebbe stato in comunione con chi non ha nulla; se avesse visto la luce nella casupola del povero, il ricco lo avrebbe guardato con diffidenza. La grotta, costruita dalla natura, è di tutti e di nessuno, così il fanciullo che vi nasce è offerto a tutti gli esseri, non è proprietà esclusiva di alcuno. Accogli pensoso le indicazioni di questa nascita: il figlio di Dio non ha privilegi di sorta, è talmente spoglio di qualità vistose che suscitano il plauso umano che nasce ignorato da tutti. Il sacerdozio edotto sul tempo e sul luogo della sua nascita, al momento che questa si compie, l’ignora; il potere civile non ne sa niente; gli abitanti di Betlemme chiudono la porta delle loro case alla Madre che sta per partorire. Il figlio di Dio ha una cosa che né la carne, né il sangue, né il potere sacro, né quello civile, né il possesso di un nome famoso o di beni terreni potevano dargli: “egli” è la Parola di Dio incarnata. Approfondisci ancora: quella notte mille sogni di conquista agitavano la capitale dell’impero; sottilissime questioni di filosofia tenevano sveglie le menti dei pensatori ellenici; discussioni a non finire si facevano a Gerusalemme sul regno di Dio e sul suo messia. Ignorato da tutti nasce il figlio di Dio e, da quel punto insignificante di spazio e di tempo, l’umanità si dilata verso più vasti orizzonti di coscienza. Dunque il Figlio di Dio non ha nulla, ma è il Figlio di Dio. Ti confesso che tale verità mi fa tremar tutto, vorrei gridare a tutti i miei frati, a tutti i credenti nel mistero dell’incarnazione: a nulla serve l’avere”, il Figlio di Dio ci dice che dobbiamo “essere”, perché la gioia e la pace trovino spazi di danza nel cuore degli uomini, nella terra riconciliata. Essere e avere sono i due poli di tutta la storia dell’umanità e della chiesa.” Buon Natale e felice Anno Nuovo. Luigi

  3. GIANNI ha detto:

    Il Natale è vero, solo se ogni giorno è Natale.
    Giorno di rinascita nello spirito e rivolto almeno al bene comune, o a qualche obiettivo eticamente degno.
    In questo credo possano ritrovarsi credenti e non.
    Diversamente, è una festa come tante, terminata la quale, cosa resta?
    In tal caso è forse più festa l’attesa, che il giorno stesso, quando già si pensa al giorno dopo, come già ricordava il Leopardi.
    Del resto, fuor di ipocrisia, per molti è solo periodo per cercare di commercializzare di più, magari sfruttando luminarie
    ed effetti vari, nella speranza di generare un’atmosfera che spinga a regalare e, quindi, a commercializzare.
    Con l’occasione, i miei auguri a tutti.

  4. Carmine ha detto:

    Caro don Giorgio, condivido appieno il tuo punto di vista. Permettimi di dirti con sincerità che quando parli di spiritualità e la cali nel sociale e nel quotidiano…beh…ritrovo il don Giorgio che mi piace.

    Auguri di Natale…ogni giorno!!!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi