Caritas. Il progetto “Apri”, saranno accolti mille migranti nelle diocesi

da AVVENIRE
24 gennaio 2020

Caritas.

Il progetto “Apri”,

saranno accolti mille migranti nelle diocesi

Paolo Lambruschi
Saranno coinvolti richiedenti asilo e rifugiati più vulnerabili. Oliviero Forti: «Pronti a farci carico nelle comunità dei percorsi di ospitalità»
Dalle Caritas diocesane 1.000 posti per la buona accoglienza dei richiedenti asilo e dei rifugiati più vulnerabili. Necessaria per rimediare almeno in piccola parte alla ‘irregolarizzazione’ e alla precarietà provocata proprio dai decreti detti ‘sicurezza’. Il Capo dello Stato, per alcuni contenuti, ha chiesto al governo di cambiarli. Anche perché vanno in una direzione incomprensibile – almeno se l’obiettivo era la sicurezza – visto anche il concomitante calo degli arrivi. Eppure secondo l’analisi del ricercatore dell’Ispi Matteo Villa, per effetto della normativa promossa dall’ex ministro dell’Interno ed entrata in vigore da ottobre 2018, entro fine anno il numero degli irregolari in Italia aumenterà di almeno 140mila unità, comprendendo anche le persone che avevano la protezione umanitaria abolita dai nuovi testi. Oggi a Roma, poche ore dopo il discorso del cardinale Gualtiero Bassetti sulla necessità dell’accoglienza diffusa per vincere la paura, Caritas italiana presenterà il progetto ‘Apri’, mille posti per sei mesi nelle diocesi (finora 50) che risponderanno alla chiamata.
«L’acronimo – spiega Oliviero Forti, responsabile immigrazione dell’organismo pastorale della Chiesa italiana – richiama i famosi quattro verbi del Papa riferiti ai migranti (Accogliere, proteggere, promuovere e integrare, ndr) e il gesto di aprire loro la porta. Riprende lo schema del progetto ‘rifugiato a casa mia’, parte dello stile Caritas degli ultimi anni e che era rivolto soprattutto a chi, attraverso i corridoi umanitari, entrava in sicurezza e legalmente in Italia e veniva seguito per un anno da una comunità che se lo prendeva in carico con famiglie tutor e volontari. Ora ci rivolgiamo a chi è già in Italia, ma rischia di finire in strada nonostante sia regolare. La situazione è preoccupante sia per i beneficiari, molti dei quali non sanno più dove andare, sia per il sistema di accoglienza».
Perché? «La nuova normativa – risponde Forti – ha messo molta gente in regola in strada. Ha chiuso gli Sprar ai richiedenti asilo, i quali sono finiti nei grandi centri dove non si fa attività di integrazione. Inoltre molti centri di accoglienza sono stati chiusi con il taglio dei fondi. Molte piccole associazioni e cooperative non hanno più partecipato ai bandi e magari hanno chiuso. C’è anche il problema dei rifugiati che hanno terminato il percorso nei nuovi Siproimi e non sanno dove andare. Per tutte queste persone il rischio concreto è di non trovare alloggio e lavoro perché non hanno più ricevuto formazione e supporto adeguato ». Spesso sono rimaste solo le realtà promosse dalle Caritas a farsi carico dei richiedenti asilo e dei rifugiati sui territori in questa politica di accoglienza al ribasso che ha fatto perdere molti posti di lavoro.
«Non bisogna avere paura di affermare che per fare buona accoglienza occorrono anche figure professionali accanto ai volontari. Ad esempio i mediatori linguistici e culturali. Parliamo anche di italiani. Quindi c’è un serio allarme nelle comunità per l’aumento dell’illegalità. ‘Apri’ vuole dare alle persone la possibilità di proseguire in sicurezza i percorsi interrotti».
Cosa propone in concreto la Caritas? «Grazie a fondi della Cei e a quelle delle diocesi – risponde Forti – aiuteremo le famiglie tutor che si renderanno disponibili e i volontari a mettere a punto progetti di sei mesi per l’accoglienza e l’integrazione. Ci prenderemo in carico le situazioni dei vulnerabili in tutta Italia, quindi famiglie con bambini e singoli con fragilità. Miriamo, a livello nazionale, a dare qualche chance di integrazione in più a chi è in regola con i permessi». Il progetto utilizzerà fondi della Cei e risorse delle diocesi, non fondi pubblici. «Prevediamo di erogare con i fondi Cei un contributo di dieci euro per ciascun beneficiario mentre le Chiese locali copriranno gli altri costi. Per la riuscita del progetto servirà un grande apporto dei volontari per aumentare il livello qualitativo».

1 Commento

  1. Chi bacia il rosario,non fccio nomi per non aumentare la sua popolarità,dovrebbe prendere atto di quello che fa LA CHIESA e seguirne l,esempio.Ma so bene che questa è un’ipotesi di terzo grado:da una zucca non si puo’ estrarre del latte.Sono un italiano all’estero ed è pre questo che me la prendo tanto con chi trscura o addirittura insulta gl’immmigrati.CIAO.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi