Omelie 2018 di don Giorgio: DOMENICA DELLE PALME

25 marzo 2018: DOMENICA DELLE PALME
Is 52,13-53; Eb 12,1b-3; Gv 11,55-12,11
Il quarto canto del servo del Signore
Il primo brano è una delle pagine più celebri dell’intero Antico Testamento: è il quarto canto del servo del Signore, dopo gli altri tre che si trovano nei capitoli 42, 49 e 50.
Il quadro che l’anonimo profeta descrive è terribile, desolante. Il servo è sfigurato e talmente inguardabile che sarà riscoperto dai popoli con orrore e raccapriccio e si meraviglieranno di questa impotenza e desolazione. Egli è l’uomo dei dolori, nato e cresciuto nel rifiuto e nel disprezzo.
La figura del servo rappresenta il popolo in esilio, ma ricapitola in sé anche tutte le caratteristiche degli eroi e dei profeti del Vecchio Testamento. Però le sorpassa tutte e diventa una figura che si proietta sul futuro con impressionante somiglianza con Gesù. Gesù stesso (lo si rileva dagli scritti del Nuovo Testamento), interpreta la sua opera e la sua morte alla luce di questo testo.
Il brano di Giovanni: un anticipo della risurrezione
Il brano del Vangelo, invece, pur inserito già nel contesto della passione di Gesù, nei suoi inizi, è un quadro stupendo di delicatezza femminile, che esprime un gesto di gratitudine reso da Maria al Maestro che aveva ridato la vita al fratello Lazzaro. L’evangelista Giovanni, insieme alla sua comunità, legge e interpreta l’episodio alla luce della fede mistica, in contrapposizione alla lettura e interpretazione banale e venale di Giuda.
Quel generoso profumo di costoso unguento versato sui piedi di Cristo è un anticipo della sua risurrezione: un profumo di vita nuova che riempirà col suo aroma spirituale il mondo intero.
L’ulivo ai bambini, le palme agli adulti
Con questa domenica è iniziata la Settimana Santa, che per i cristiani anticamente era chiamata “autentica”, nel senso di eccellenza, ma soprattutto perché modello di tutte le altre settimane.
A introdurre la Settimana Santa è la festa detta dell’ulivo o delle palme.
Già qui potrei fare tutta un serie di riflessioni. Parlando di cristiani, distinguerei i cristiani autentici dai cristiani della Messa di mezzanotte e dai cristiani dell’ulivo.
Le chiese si riempiono alla mezzanotte di Natale anche di gente che di solito non va mai a Messa. Così, alla domenica delle Palme, tantissimi, anche poco credenti e per nulla praticanti, vanno in chiesa a prendere un ramoscello di ulivo, magari senza poi partecipare alla Messa. Quanto ero a Sesto San Giovanni mi ricordo la lunga fila per prendere l’ulivo, e c’era anche (allora non c’erano ancora gli extracomunitari) c’era chi lo vendeva sul piazzale della chiesa.
Quando ero prete di parrocchia, mi commuoveva vedere i bambini tenere in mano con tanta gioia un ramoscello di ulivo, mentre dall’oratorio si procedeva verso la chiesa per la Messa. Sceglievano il ramoscello più grande, talora più grande della loro persona. Gli adulti erano invece preoccupati di portarlo a casa, distribuendolo anche tra amici e parenti. Pura superstizione?
Perché l’ulivo?
Perché l’ulivo? I cristiani rispondono: per ricordare il gesto degli abitanti di Gerusalemme che, come dicono i Vangeli, avevano accolto trionfalmente Gesù, mentre entrava nella città santa, pochi giorni prima che venisse condannato e messo su una croce.
In realtà, gli evangelisti non parlano di rami di ulivo, ma di rami tagliati dagli alberi o di fronde tagliate nei campi. Solo il quarto evangelista parla di rami di palme.
Certo, gli ebrei non potevano dimenticare il mito del diluvio, quando Noè, dopo quaranta giorni di piogge ininterrotte, per sapere se la terra fosse vicina, aveva lasciato uscire dall’arca prima un corvo, senza ottenere alcun risultato, e poi una colomba, la quale, poco dopo, era tornata con “una tenera foglia di ulivo” nel becco.
Dunque, l’ulivo simbolo di una nuova umanità. Ma forse a noi moderni non interessano molto i simboli. Ci è rimasto ben poco del mondo dei segni. Viviamo di talismani, di amuleti, di magie, di superstizioni, e di tanto altro ancora.
Un evangelista, precisamente Matteo, parla anche della presenza dei piccoli, durante l’ingresso di Gesù. Gridano con tale entusiasmo che i caporioni tentano di farli zittire. Ma Gesù risponde che la loro voce è la migliore lode di Dio.
I piccoli del giorno d’oggi hanno forse perso la voce? Mi sembra che i ragazzi moderni manchino di spontaneità, di quel loro fascino d’essere che, quando esce allo scoperto, sa ancora incantare.
Ma a noi adulti preme solo il nostro io, che da tempo ha distrutto quel “fanciullino” di pascoliana memoria che, comunque lo si voglia intendere, può ancora ricordarci qualcosa di quella semplicità più volte richiamata dallo stesso Gesù Cristo.
Se per un bambino ha ancora senso un ramoscello di ulivo, per gli adulti dovrebbe invece avere più senso un ramoscello di palma.
Non sto qui a elencare tutta la simbologia presente nella palma. Dico solo che già presso i primi cristiani la palma era simbolo di vittoria, ma attenzione: nell’iconografia cristiana la palma era spesso associata ai martiri. Motivo? I martiri erano ritenuti i veri vincitori, e non tanto vittime delle persecuzioni del potere.
Palma e martirio, ovvero testimonianza, come dice l’etimologia della parola “martirio”. Altro che pace, come serenità o tranquillità o comodità o pacifismo e via di seguito. Ogni giorno è un martirio, ovvero una testimonianza di Umanità.
Anche i bambini imparano ben presto che l’ulivo è destinato a trasformarsi in una palma. Spetterà a noi adulti prepararli alla lotta, e non invece viziarli, lasciandoli in un mondo di bambagia. Un passo alla volta, certo, ma bisognerà pur favorire in loro la realtà spirituale, ovvero lo spirito vitale dell’essere umano.
Se la società non ha vergogna di parlare loro di un mondo di cose, perché noi dovremmo aver vergogna di parlare loro di spirito?
Non ci accorgiamo che queste fragili creature man mano che crescono, vengono mortificate nel loro essere interiore, e che perciò sono destinate ad una morte precoce, prima della loro morte fisica?

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi