Coronavirus: Trump ha scelto la barbarie

raiawadunia.com

Coronavirus:

Trump ha scelto la barbarie

BY RAIAWADUNIA • MAR 25, 2020
Inizialmente, il presidente Trump ha ignorato il coronavirus, respingendo la sua minaccia per il pubblico. Poi, per un brevissimo tempo, lo ha preso un po’ sul serio. Ha dato le sue indicazioni dall’Ufficio Ovale, seguite da una delle conferenze stampa più sobrie della sua amministrazione. Il giorno dopo, è tornato alle sue solite buffonate, attaccando la stampa e diffondendo disinformazione. Ha persino promesso una cura “miracolosa”.
Ora, quando diventa chiaro che questa non è una crisi momentanea – che l’economia potrebbe doversi fermare per impedire alla malattia di sopraffare il paese – Trump sembra deciso a far finta di nulla, anche se ciò costerebbe migliaia e migliaia di vite americane .
“Non possiamo lasciare che la cura sia peggiore del problema stesso”, ha detto (o urlato) il presidente su Twitter domenica sera. “Alla fine del periodo di 15 giorni, prenderemo una decisione su in quale modo vogliamo andare avanti!”
I rapporti successivi di Jonathan Swan di Axios hanno confermato che l’amministrazione sta cercando di allentare le linee guida per le riunioni pubbliche, al fine di riportare l’economia online: “Tra previsioni terribili per l’occupazione e l’economia, la Casa Bianca sta iniziando a inviare segnali che c’è luce alla fine del tunnel – che la compressione dalla distanza sociale nazionale non sarà infinita. “
Se gli Stati Uniti avessero il rigoroso regime di controlli della Corea del Sud o di Taiwan – se conoscessero l’intera portata dell’epidemia e avessero le risorse per mettere in quarantena selettivamente i malati e i contagiosi – allora potresti immaginare un ritorno alla normalità nel prossimo mese o poco più, con la maggior parte delle persone che torna al lavoro e i vulnerabili che restano a casa. Ma questo è uno scenario improbabile, per non dir peggio, un sogno più che una realtà.
Quello che sta realmente accadendo è che non sappiamo quanti americani sono malati o quanti sono asintomatici. Quello che sappiamo è che abbiamo un carico di lavoro in rapida crescita che implica che ci sono molte più infezioni rispetto a quelle dei numeri ufficiali finora registrati. Rilassare le restrizioni in questo ambiente è garantire una maggiore diffusione della malattia e un aumento del numero di vittime
Con un tasso di mortalità dell’1 percento, possiamo aspettarci quasi 1 milione di decessi se il 30 percento degli americani prende il virus. Ed è bene chiarire che il tasso di mortalità è ancora incerto e legato a tante variabili. Tra le altre cose, dipende dalla capacità del sistema sanitario. Se gli ospedali locali non sono in grado di gestire un’inondazione di pazienti affetti da coronavirus – se non sono in grado di curare tutti – il tasso di mortalità aumenterà. In Italia, dove gli ospedali si stanno sforzando di curare i malati, il tasso di mortalità tra i casi confermati è vicino al 9 percento…
L’economia crollerà sotto un lungo blocco sociale. Crollerà anche di fronte a un milione o più di decessi per coronavirus, poiché le persone si rifiuteranno di lavorare o trascorrere del tempo in spazi pubblici per non rischiare l’infezione. Entrambe le scelte sono difficili e complesse, ma una salverà delle vite mentre l’altra le sacrificherà sull’altare di guadagni illusori. Ecco perché gli esperti dell’amministrazione hanno sollecitato la Casa Bianca a proseguire il distanziamento sociale e altre misure di protezione.
Ma né Trump né molti dei suoi alleati sembrano preoccuparsi così tanto del bilancio umano. O almeno si sono convinti che un blocco prolungato è più dannoso di qualsiasi cosa il virus possa fare. Trump, riferisce il Washington Post, è “fissato sul crollo della borsa, si sta irritando all’idea che il paese rimanga chiuso fino all’estate e che si continui a parlare solo del coronavirus”. Funzionari chiave all’interno dell’amministrazione – come Steven Mnuchin, il segretario del Tesoro – stanno spingendo il presidente a riportare l’economia sulla buona strada. “Il presidente ha ragione. La cura non può essere peggiore della malattia “, ha detto lunedì su Fox News Larry Kudlow, direttore del Consiglio economico nazionale della Casa Bianca. “E dovremo fare alcuni compromessi difficili”.
Suppongo sia possibile che quando Trump e Kudlow dicono queste cose, pensino ai colletti blu e agli operai, alle persone che vivono da stipendio a stipendio. Ma la loro reciproca fissazione sul mercato azionario – il passaggio di Trump dall’apatia sul coronavirus all’attenzione è arrivato sulla scia di un crollo di borsa – rende questo improbabile. Il loro “compromesso” non è la vita per la prosperità , tanto più che il coronavirus smorza l’attività economica con o senza il distanziamento sociale . Ciò che propongono è sacrificare vite per salvare le ricchezze degli azionisti.
C’è anche un altro problema. L’unico modo per sostenere un’economia in blocco è il sostegno incondizionato del governo a individui, famiglie e comunità. È socialdemocrazia, anche se solo per un po ‘. E questa sacrosanta quantità di ridistribuzione – dall’alto verso il basso, dai creditori ai debitori – è inaccettabile per il presidente e i suoi alleati. E’ bene ricordare che l’amministrazione Trump sta ancora cercando di abrogare l’Affordable Care Act e porre fine all’assistenza alimentare per 700.000 americani.
I marxisti hanno un giro di parole che risale alla fine del XIX secolo: “socialismo o barbarie”. Viene dal giornalista e filosofo tedesco Karl Kautsky, che nel 1892 scrisse: “Allo stato attuale, la civiltà capitalista non può continuare. Dobbiamo andare velocemente verso il socialismo o cadremo nella barbarie “.
Due decenni dopo, in un opuscolo del 1915, “La crisi della socialdemocrazia tedesca”, la rivoluzionaria polacca Rosa Luxemburg ricapitolò l’idea, attribuendola all’amico e collaboratore di lunga data di Karl Marx, cioè Friedrich Engels. “La società borghese si trova al crocevia”, scrisse mentre una generazione di uomini europei marciava verso il proprio tristissimo destino nella prima guerra mondiale, “o transizione al socialismo o regressione alla barbarie”.
Non devi essere un socialista rivoluzionario per capire il sentimento. Di fronte al disastro, l’unica strada da percorrere è la solidarietà e la reciproca preoccupazione. Rifiuta questa idea e tutto ciò che rimane è un freddo ed egoistico disprezzo per la vita umana.
“L’America sarà di nuovo – e presto – aperta agli affari”, ha detto il presidente lunedì. “Molto presto, molto prima di tre o quattro mesi che qualcuno sta dicendo. Molto prima. “
In altre parole, Trump sacrificherà gli americani al coronavirus se questo salverà il mercato finanziario e le sue prospettive di rielezione. Vale a dire che, nella scelta tra solidarietà e barbarie, Trump sceglierà la barbarie. Vedremo, a novembre, il paese ne terrà conto.
Jamelle Bouie per NEW YORK TIMES

4 Commenti

  1. Giorgio Ferrari ha detto:

    Ho scritto un commento che è stato censurato, forse perché era troppo polemico con l’articolo. Tuttavia vorrei riproporre il seguente quesito: Perché non si parla di Putin e Xi Jinping che sono dei dittatori contro cui la popolazione non può obbiettare pena severe sanzioni? In Cina c’è anche la morte per i dissidenti.

  2. Luigi ha detto:

    Una premessa: negli USA c’è un forte senso religioso che favorisce le organizzazioni religiose esentate dalle tasse. Nascono come funghi le confessioni religiose. Nel 2015 Trump è stato benedetto dai neo-pentecostali della teologia della prosperità. Hanno una concezione neoliberista e meritocratica secondo la quale la ricchezza, la salute … siano il segno della benedizione divina. E’ ovvio che il suo contrario la povertà, la malattia … siano il segno della maledizione divina. Nei vari stati a chi va la priorità secondo le direttive di Trump? Ai ricchi e ai sani a danno dei poveri e malati. Non è un caso, ma una scelta quella adottata per i disabili. Per me non è barbarie (dal termine greco che indica nei barbari i balbuzienti, gli stranieri che non conoscono la cultura greca) ma lucida consapevolezza che esclude i più deboli ritenuti inutili come i disabili. Non ha fatto lo stesso Hitler con gli zingari ritenuti inutili? Il guaio per Trump, per Bolsonaro, per Salvini e i suoi amici europei padroni a casa nostra è che il coronavirus non risparmia nessuno vedi i principi di Monaco e d’Inghilterra. Cosa se ne faranno del loro Dio cattolico, anglicano o protestante calvinista, neo-pentecostale … i vari Trump, Salvini, Meloni … se verranno colpiti e per l’auspicio di alcuni affondati? Concordo con don Giorgio: la morte rende uguali tutti. Le cerimonie, le prefiche, le sceneggiate … dei funerali sono maschere che mettiamo perchè la temiamo. Io non la temo. Nel vangelo di Luca che inizia con Gesù circondato dai pastori, emarginati e temuti come ladri, e spira accanto ai ladroni c’è l’inno alla misericordia di Dio. E’ questo il Dio nel quale vale la pena credere. Gli altri sono tutte divinità fasulle nelle quali non vale la pena credere. Ti riempiono la pancia, ma ti svuotano lo spirito o ti riempiono di una spiritualità mefitica.

  3. Giuseppe ha detto:

    Trump: il Salvini americano!

  4. Palumbo Bartolomeo ha detto:

    TRUMP!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!e dire che l’economia mondiale è nelle mani di simili arnesi.Meglio non commendare per non straripare in improperi!!!!!!!!!!!!!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi