Vigevano, il Papa affida a Tettamanzi la reggenza della diocesi di Vigevano

 
 
 
 
Stavo pensando male. Nei giorni scorsi più volte avevo invitato il cardinale Dionigi Tettamanzi, ex arcivescovo di Milano, a venire nella mia piccola comunità di Monte per celebrare la Santa Messa, prendendo come occasione l’inaugurazione della Chiesa, recentemente restaurata. Come risposta all’invito, mi era sempre stato detto che il cardinale aveva mille impegni. Ciò mi sembrava strano, anche perché le date che proponevo erano abbastanza elastiche. Oramai qualche dubbio l’avevo: che non volesse venire per le vicende che mi avevano coinvolto quando Tettamanzi era arcivescovo di Milano, e soprattutto perché non volesse interferire con il nuovo cardinale, sapendo come la penso su Angelo Scola. Oggi, all’ennesima richiesta, il segretario mi risponde che sua Eminenza non può accettare il mio invito perché è stato nominato Amministratore apostolico della Diocesi di Vigevano. Per sapere qualcosa sulla Diocesi di Vigevano, leggete l’articolo del Corriere.
Non entro nel merito delle dimissioni di monsignor Vincenzo Di Mauro. Le vere motivazioni di certi provvedimenti ecclesiastici non le conosceremo mai. Pongo invece qualche domanda sul nuovo incarico affidato al cardinale Dionigi Tettamanzi. Perché hanno scelto proprio lui come amministratore apostolico in una situazione particolarmente difficile che richiede anche una certa capacità di conoscenza nel campo amministrativo? È vero che il nome di Tettamanzi potrà soddisfare o far tacere qualche malumore in quella Diocesi martoriata. Ma c’è un’altra domanda altrettanto  provocatoria: non è che la presenza fisica di Tettamanzi nella diocesi milanese – risiede attualmente nella Villa S. Cuore di Triuggio (Monza-Brianza) – dava fastidio al cardinale Scola? Quante domande! Ma non sono legittime?
don Giorgio
 

dal Corriere della Sera

Vigevano, il Papa affida a Tettamanzi
la reggenza della diocesi di Vigevano

La nomina dopo l'improvviso congedo del vescovo Di Mauro, contestato per gli happy hour e Facebook

VIGEVANO (Pavia) – A 78 anni compiuti il cardinale Dionigi Tettamanzi è stato «richiamato in servizio» dalla Chiesa: l'ex arcivescovo di Milano dovrà riportare pace e serenità nella piccola diocesi di Vigevano, scossa negli ultimi due anni da una serie di misteri, ultimo dei quali l'improvviso congedo del capo della comunità, il vescovo Vincenzo Di Mauro, 61 anni. Il monsignore ufficialmente è stato collocato a riposo per motivi di salute, ma la versione non convince nessuno.

IL CONGEDO DEL VESCOVO – «Monsignor Di Mauro non ha mai nascosto di avere problemi di diabete – racconta don Emilio Pastormerlo, portavoce della Curia di Vigevano e stretto collaboratore del vescovo – ma noi per primi siamo stati sorpresi dal suo repentino abbandono; nella sua missione in città non aveva mai risparmiato energie, tutt'altro». Il predecessore monsignor Claudio Baggini, del resto, a lungo aveva convissuto con problemi di salute, al punto da dover girare con la bombola d'ossigeno al seguito. Cosa può aver determinato dunque la brusca interruzione del mandato di Di Mauro? Il prelato era approdato nel dicembre del 2010 nella piccola diocesi lombarda (118 mila fedeli) con credenziali d'eccezione: ex stretto collaboratore di Carlo Maria Martini, ottime referenze nella cerchia di papa Benedetto XVI, un master in gestione aziendale conseguito all'università di Salerno, prefetto per gli affari economici della Santa Sede. Insomma, un vescovo manager con un cursus honorum che pare esagerato per la piccola Vigevano.

IL MISTERO DELLA MORTE DELL'ECONOMO – Ma quando monsignor Di Mauro arriva nella città del romanzo di Mastronardi, il clero locale vive un periodo a dir poco di apprensione. A metà del 2011 viene scoperto un ammanco nelle casse della Curia di poco inferiore al milione di euro; nessuno sporge denuncia, ma pochi giorni dopo viene rimosso dal suo incarico l'economo don Elio Caspani. Passano pochi giorni e don Caspani viene trovato morto nella sua casa, precipitato dalle scale. L'episodio è archiviato come incidente domestico, ma i «Vigevano leaks» si mettono in moto: arrivano telefonate nelle redazioni dei giornali locali che alludono a una lettera lasciata da don Elio con dettagli riguardanti l'ammanco, ma la missiva non viene mai trovata. Nel frattempo al vescovo Baggini – il cui addio era da tempo annunciato – subentra Di Mauro e per la pacifica chiesa vigevanese è uno tsunami. Il nuovo pastore sprona tutti i parroci a dare l'anima nella loro missione, sostituisce gli uomini della Curia in enti e associazioni, prende le redini dell'ex collegio Negroni, un'istituzione prestigiosa ma da anni in uso a privati e la trasforma nel più grande e attivo oratorio della città.

IL VENTO NUOVO – Spira un vento di novità anche nel linguaggio: il monsignore apre un profilo facebook personale (quanti suoi colleghi ce l'hanno?), inventa gli «happy hour» in Curia dedicati ai giovani, nelle omelie in Duomo usa spesso metafore calcistiche (è supertifoso del Milan). Insomma, il personaggio è travolgente al punto che diversi parroci restano un po' perplessi di fronte ai modi del loro superiore. Finché venerdì scorso, con un provvedimento che cita un articolo poco usato dal codice canonico, il Vaticano comunica che monsignor Di Mauro non è più il vescovo di Vigevano. Lui scrive una breve lettera in cui dice di gettare la spugna per motivi di salute, non celebra nemmeno una messa di congedo. «Ma giovedì aveva partecipato a un dibattito pubblico sulla mafia organizzato dalla Cgil» riferiscono testimoni.

IL SUCCESSORE – La comunità è disorientata e incredula, finché ieri dalla Santa Sede arriva la novità: la reggenza della diocesi viene affidata al cardinale Dionigi Tettamanzi. Non un personaggio qualsiasi, nel mondo ecclesiale. E la missione, dunque, deve essere di quelle delicate.

Claudio Del Frate

7 Commenti

  1. Pierino ha detto:

    Complimenti Don Giorgio dimostri uno spirito….sportivo.
    Non mi sarei aspettato che avresti pubblicato lamia riflessione piuttosto….irridente.

  2. Pierino ha detto:

    Io penso che stai sulle scatole pure al Cardinale Tettamanzi.

  3. Marco Maggese ha detto:

    Boh, forse non c’è questa grande dietrologia… mons. Tettamanzi è un gigante, per cui perchè lasciarlo “a riposo” e sprecarne le potenzialità?

  4. lina ha detto:

    Perchè succedono certe cose? Forse perchè la Chiesa negli anni ha sempre guardato severamente ai peccati dalla cintola in giù, dimenticandosi dei peccati legati ai soldi ed al potere ? Basterebbe soffermarsi sulle parole del Magnificat “ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote”. Ma dove hanno la testa questi prelati quando al mattino nella liturgia delle ore recitano ogni giorno questa preghiera? Comunque il cardinal Tettamanzi mi sembra la persona giusta per mettere ordine in questa confusione.

  5. Giuseppe ha detto:

    Le vie del signore sono infinite e imperscrutabili i suoi sentieri, quelle della curia vaticana invece sono ingarbugliate e capricciose. Segreti, giochi di potere, intrighi e trame ordite da mani potenti e nascoste: insomma, tutti gli ingredienti più succulenti per alimentare misteri, leggende e luoghi comuni. Tutto così politico, tutto così “terra-terra”… che fine hanno fatto il primato spirituale e l’aspetto trascendentale della missione degli eredi degli apostoli?

  6. Gianni ha detto:

    Beh, visto che c’è pure una morte di mezzo, la questione è delicata.
    Potrebbe anche essere che abbiano voluto mandare qualcuno considerato più in gamba,nell’affrontare certe questioni, in questo caso questioni penali.
    E sotto questo profilo, Tettamanzi poteva parere a molti più idoneo al ruolo, che il precedente vescovo.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi