Quel brutto vizio di trovare sempre un capro espiatorio

L’EDITORIALE
di don Giorgio

Quel brutto vizio di trovare sempre un capro espiatorio

Il libro del Levitico narra di un rito ebraico compiuto nel giorno dell’Espiazione (kippur), quando un capro veniva caricato dal sommo sacerdote di tutti i peccati del popolo e poi mandato a morire nel deserto (Lev. 16, 8-10; 26). Questa usanza era conosciuta anche dai Babilonesi e Assiri, e dai Greci.
In senso figurato, un “capro espiatorio” è qualcuno a cui viene attribuita tutta la responsabilità di malefatte ed errori altrui o di eventi negativi casuali, dovendo poi subire ingiustamente le conseguenze.
Si trova sempre un capro espiatorio in ogni circostanza avversa. E ciò succede anche nelle piccole cose quotidiane. Non è mai colpa nostra, ma sempre di qualcun altro, di qualcosa su cui scarichiamo ogni responsabilità. Colpa del governo, o del destino. Colpa di qualche divinità che ci vuole male. E alla fine tiriamo in ballo perfino il nostro buon Dio, che proprio così buono non sembra.
Non so se noi italiani primeggiamo anche in questo. So tuttavia che siamo famosi per il nostro facile criticare tutto e tutti, addossando le colpe sugli altri. E siamo abili nel tirarci sempre fuori da ogni responsabilità, anche quando siamo colpevoli. Ma non vogliamo mai ammetterlo, se non quando ci torna comodo per evitare guai peggiori.
Cito l’ultimo caso, quello di Genova colpita dalle recenti alluvioni. Le prime parole sono state: Colpa del Sindaco o degli amministratori, e anche del governo, non importa quale. Colpa del governo, e basta. Piove? Governo ladro!
Sono d’accordo che le colpe andrebbero divise, e che talora le inadempienze dei nostri amministratori sono gravi. Sono d’accordo che la colpa ricade anche sul governo. Ma credo che ci siano anche responsabilità che non possiamo nascondere.
Una certa responsabilità ricade anche sui cittadini. Ma nessuno ha il coraggio di dirlo. Più facile cavalcare l’onda della protesta generica, o della protesta mirata, solidarizzando con la gente, e la gente subito reclama risarcimenti, piangendo sulle proprie rovine.
E poi tutto è concentrato in pochi giorni: la tensione è altissima, così le lamentele, così le proteste, così la messinscena di spettacoli grotteschi, per non dire vergognosi: artisti che si fanno vivi solo perché così si fanno un po’ di pubblicità.
Sì, anche i cittadini sono responsabili di certe tragedie. O, meglio, sono responsabili delle conseguenze delle tragedie diciamo naturali, che poi così naturali non lo sono. Certo, non è colpa della gente se l’acqua viene giù a dirotto, non è colpa nostra se succede un terremoto, o altro. Ma è colpa nostra se abbiamo preteso di costruire case nel posto sbagliato. E così via.
Poi, passata l’emergenza, tutto torna come prima. Come al solito. I giornali tacciono, perché impegnati a riempire pagine con altre notizie più accattivanti. E la gente resta sola a leccarsi le ferite. Tutto come prima. Si ricostruirà nei punti sbagliati, mettendo i sindaci ancora con le spalle al muro.
Ci dimentichiamo facilmente del nostro brutto vizio, che è quello di votare i corruttibili, quei politici che noi “riteniamo” siano facilmente manovrabili. Questo è il senso profondamente democratico che ci caratterizza?
Una cosa comunque va riconosciuta ai genovesi, e non solo a loro. Borbottano, si lamentano, contestano, ma poi si tirano indietro le maniche e si danno subito da fare: non aspettano gli interventi divini! Speriamo che però capiscano anche la lezione: devono essere loro i primi a voler bene al loro ambiente, stimolando gli amministratori a fare politiche più coraggiose, più sagge e più preveggenti.
25 ottobre 2014
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2

 

 

1 Commento

  1. Giuseppe ha detto:

    Credo che una categoria che ricade pienamente nella tipologia di chi si lamenta a prescindere e che difficilmente si assume le proprie responsabilità, tendendo anzi spesso a scaricare sugli altri le colpe delle situazioni di crisi (istituzioni e datori di lavoro in primis) ricorrendo a pretesti e/o giustificazioni per lo più inconsistenti , sia quella delle organizzazioni sindacali. Non voglio assolutamente generalizzare, dato che ho conosciuto sindacalisti molto corretti e degni di stima, che svolgevano il loro compito con competenza ed abnegazione ma, basandomi sulla mia esperienza personale, devo ribadire (purtroppo) che si tratta di una minoranza. Ho l’impressione, infatti, che parecchi scelgano di dedicarsi all’attività sindacale per sottrarsi ad impegni di lavoro che non sopportano o che sono causa perenne di conflittualità con i superiori o, “meglio ancora”, per scegliere una occupazione meno faticosa, che gli consenta comunque di vivacchiare all’ombra di una istituzione che li tutela e rappresenta pur sempre un centro di potere molto rilevante nel mondo del lavoro. Sono il primo a riconoscere i meriti del movimento sindacale che, in anni complicati e in mezzo a situazioni di estrema difficoltà ha contribuito in maniera determinante nel passato a raggiungere conquiste sociali e civili estremamente importanti. Mi pare di poter dire però che, in modo particolare negli ultimi decenni, ci sia stata una vistosa decadenza, anche se accompagnata -ovviamente- dalle solite lamentele di rito, come se si volesse tirare a campare vivendo di rendita sulle glorie del passato. Probabilmente, in parte ciò è dovuto agli interpreti attuali dei ruoli principali, che non sono certo all’altezza dei protagonisti delle battaglie sindacali di una volta, un po’ a somiglianza di quello che sta accadendo nella odierna classe politica, ma c’è anche, secondo me, una miopia di fondo che rende incapaci di leggere correttamente la contingenza attuale, e non tiene conto di tutte le variabili che contribuiscono al perseguimento del benessere sociale, oltre che individuale.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi