L’imbecillità senza precedenti di un prete milanese diocesano, con il consenso di una diocesi al collasso totale

L’imbecillità senza precedenti

di un prete milanese diocesano,

con il consenso di una diocesi al collasso totale

di don Giorgio De Capitani
Mi ero ripromesso di non parlare più di don Alberto Ravagnani, prete diocesano milanese, ma, se torno a parlarne, è solo per denunciare una gerarchia milanese che vede e tace, anzi stupidamente approva. D’altronde, i vuoti si cercano e si uniscono in un amplesso carnale.
Il vuoto della carne, ovvero di una alienazione abissale, è tale che vive di se stessa e dei suoi figli, partoriti nel vuoto che non è solo esistenziale, ma ontologico: un vuoto d’essere, che è la peggiore “ostinazione” all’Essere supremo.
È sotto gli occhi di tutti che la società di oggi è radicalmente carnale, priva di quello spirito che è l’essenza dell’essere umano. Una società castrata nello spirito, e che produce figli solo carnalmente: alienati dalla nascita alla morte.
I primi ad esserne vittime sono i piccoli, che crescono alienati, e da giovani si compiacciono della loro alienazione, godendola in nome del “carpe diem”, e da adulti non fanno nulla per evitare una resa da coglioni: rassegnati anche al peggio, ma godendosi anch’essi il “carpe… noctem”.
I giovani preti di oggi sono figli del loro tempo, ovvero di una società alienata, castrata nello spirito, ed eccoli uscire dal seminario, ancor più vuoti di quando erano entrati.
Mi chiedo se almeno non ci sia un Superiore che si renda conto del fallimento di una educazione seminaristica, che sforna ogni anno recipienti vuoti.
Questi giovani entrano alienati nei seminari, ed escono ancor più alienati, perché ricoperti non solo di una esteriorità di pelle, ma di una apparente sacralità, che è di un tale formalismo come vecchiume stomachevole, o, al contrario, così sembra, di un tale stupido e ridicolo modernismo da offrire solo grappoli di illusioni che rasentano la bestemmia.
La bestemmia non è contro il loro dio, che è adorato in tutta la sua carnalità accattivante, ma è contro quella Divinità, che è purissimo Spirito, l’Eterno Sconosciuto, tenuto chiuso in cantina o in soffitta da una religione che impone se stessa nella sua carnalità, servendosi di schiavi e di schiavetti, sempre pronti a servirla, con metodi e con mezzi che più efficacemente ottengano effetti strabilianti, come i preti pazzerelli sanno benissimo fare.
Questo prete, don Alberto, è un esempio di stupidità servile, benedetto dalla curia milanese, anch’essa serva di una religione alienata, in una società alienata.
Non condanno il prete in sé, ma la brutta vergognosa deprimente immagine che dà di una Fede che avrebbe bisogno di ben altri testimoni: Testimoni dello Spirito, e non della imbecillità di credenze religiose che non stanno in piedi se non puntellandole con formalismi carnali.
I giovani d’oggi di che cosa hanno veramente bisogno? Ecco la domanda, che dovrebbe far seriamente riflettere.

1 Commento

  1. simone ha detto:

    A me sinceramente non stupisce.
    Più che far “pirlate” cosa fanno oggi i preti giovani?
    Questa continua progressione nel mostrarsi moderni o al passo coi tempi, per poi ricoprirsi di pizzi e vesti del 1800 quando debbono celebrare.
    E’ chiaro come interpretano il ministero: far di tuto per essere al centro dell’attenzione. Per far parlare sempre e solo di sé.
    Io non trovo altra ragione.
    Lo dica al vicario mons. Agnesi, don Alberto è il prototipo del prete giovane ambrosiano medio. Proiettato ad attirare tutte le attenzioni su di sé; mi permetto di dire, ma potrei sbagliarmi è solo una sensazione personale, che la sua aria da saputello, del “so tutto io” nasconda anche un pò di superbia.

    In questi giorni stavo riguardando alcuni filmati su San Giovanni XXIII e il card. Comastri in un’intervista definiva i tratti necessari in un prete per attirare a Dio gli uomini: umiltà e bontà.

    Questi preti giovani non hanno ne arte ne parte.

    Mi preme anche sottolineare una cosa: aderire a certe mode, sdoganare una certa confidenza con la mondanità è proprio la strada peggiore per edificare la chiesa del futuro.
    San Giovanni Paolo II, che abbiamo ricordato in settimana, nella veglia della GMG del 2000 definì i giovani “la primavera del Vangelo”.
    Ma non questi giovani; non questi finti modernisti che vorrebbero tornare a celebrare di spalle. Che fanno tanto i moderni e voglio ricostruire la chiesa sulla teologia pre-conciliare. Questi sono “l’inverno della Chiesa”, il declino inarrestabile!

    Io continuo a ripeterlo: don Alberto ha bisogno di 5 anni come fidei donum in missione! Può solo fargli bene!
    Togliere un pò o tutto quel benessere che lo adorna e scontrarsi coi problemi essenziali. L’aria da saputello presuntuoso vedrai che sparisce in pochi giorni!
    I vicari dovrebbero anzitutto conoscere i preti ed essere preoccupati della loro crescita UMANA e spirituale. Non semplicemente di coprire i buchi spostando pedine. Se un prete giovane ha bisogno di confrontarsi con problemi essenziali e realtà complesse per maturare, lo si faccia. Mandiamolo nell’hinterland, ad Affori a Cormano, dove il 60% della gente è straniera e la convivenza è quasi impossibile. Che muovano un pò il culo e si sporchino le mani. Magari capiscono che dei suoi video sui massimi sistemi non frega niente a nessuno. Vada a curare le ferite, a medicare le piaghe di questa umanità malata. Questa è la missione del prete.
    Ma oggi i preti sono pochi, molti lasciano dopo pochi anni e allora i superiori li crescono come tanti bambini vizziati.
    Non li mettono in difficoltà ritardando la loro maturazione; sì una massa di bamboccioni, immaturi e tutti impegnati nelle cose inutili. Sempre impegnati in cose esteriori e inutili!

    Umili e buoni, Umili e buoni, Umili e buoni!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi