Omelie 2018 di don Giorgio: SECONDA DI AVVENTO

25 novembre 2018: SECONDA DI AVVENTO
Is 19,18-24; Ef 3,8-13; Mc 1,1-8
Nel terzo brano della Messa di questa seconda domenica di Avvento – sono i primi otto versetti con cui Marco dà inizio al suo Vangelo – troviamo due parole che possono aiutarci a riflettere in questo periodo di preparazione al Mistero natalizio.
Deserto
Anzitutto, incontriamo la parola “deserto”. Etimologicamente significa: luogo abbandonato, solitario, trascurato. Nella Bibbia il deserto assume significati diversi. Al di là del suo aspetto fisico o, meglio, proprio per il suo aspetto fisico, il deserto è il luogo della rivelazione, della prova e della purificazione. Non mi posso soffermare sui numerosi episodi che hanno come protagonista il deserto. Basterebbe pensare al deserto che il popolo ebraico ha dovuto attraversare durante il cammino verso la Terra Promessa. Basterebbe pensare al profeta Elia: proprio nel deserto incontra la presenza di Dio al passare di una brezza leggerissima. Basterebbe pensare ai quaranta giorni di Gesù nel deserto. Basterebbe pensare ai luoghi solitari scelti dai primi anacoreti, eremiti, monaci cristiani.
Soffermiamoci al brano di oggi. Giovanni il Precursore va nel deserto, ma non per fare una vita eremitica, ma per condurvi gli israeliti ad ascoltare la sua parola: la voce di una parola che invita a riprendere il cammino di Dio.
Dal punto di vista della Mistica, che cosa può rappresentare il deserto? Tra le molteplici simbologie, per la Mistica il deserto rappresenta il luogo della essenzialità, del silenzio e della gratuità: nel deserto l’uomo non fa nulla di suo, è nelle mani della provvidenza divina. Il deserto è solo un dono da accogliere. Non c’è nulla di artefatto.
Per i Mistici il deserto è il luogo dello Spirito che soffia dove e come vuole, senza incontrare ostacoli: non ci sono barriere architettoniche di nessun genere.
La parola del Precursore Giovanni, allora, potrebbe sembrare assurda: come si può, in un deserto, raddrizzare i sentieri, preparare una strada per il Signore che viene?
In un deserto-deserto non ci sono di per sé sentieri o strade; se ci sono è perché il deserto è stato in parte contaminato dalla presenza umana.
In senso mistico, il deserto è il luogo senza sentieri e senza strade, poiché lo Spirito segue le sue strade, imprevedibili e sempre nuove. Le traccia con traiettorie sono del tutto misteriose, ma sono le uniche che portano alla libertà interiore.
Il vento anche fisico segue forse strade stabilite dalle leggi umane? Può mutare in intensità da un momento all’altro, e cambiare improvvisamente direzione. Così lo Spirito interiore.
Il deserto, anche in senso fisico, è quanto ci sia di più paradossale, in rapporto al progresso economico. Forse che all’uomo moderno si possa parlare di essenzialità, di radicalità, di gratuità? Queste sono parole che fanno a pugni con quel concetto di progresso, che consiste nell’aggiungere e mai nel togliere, nel ricevere e mai nel dare, nel guadagnare e mai nel perdere, il tutto nel campo dell’avere che rifiuta a priori ciò che appartiene all’essere, visto solo come la chimera o la fissazione di qualche buontempone.
Conversione
L’altra parola che troviamo nel brano di Marco è “conversione”. Pensando alla conversione ci viene facile pensare a quell’intento, tipico di ogni religione, di fare proseliti, ovvero di convertire più gente possibile alla fede nel proprio dio e nella propria struttura religiosa. Non era assolutamente in questo senso che il Precursore invitava i suoi compaesani a convertirsi: la sua missione era quella di scuotere la loro coscienza assopita, in vista di una maggiore consapevolezza del fatto di essere un popolo legato a Dio mediante una speciale Alleanza. Ma di per sé il proselitismo non era molto diffuso tra gli ebrei, anche se ci sono dure parole di condanne da parte di Cristo nei riguardi dell’ipocrisia: «Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che percorrete il mare e la terra per fare un solo proselito e, quando lo è diventato, lo rendete degno della Geenna due volte più di voi» (Mt 23,15). Israele era un popolo chiuso, poco propenso ad aprirsi agli estranei.
Ma il proselitismo sarà la caratteristica del cristianesimo, convinto di convertire alla propria causa il mondo intero. Poi arriverà il momento di crisi, quando subirà all’interno, tra i propri seguaci, un arresto di fede. Forse è giunto il momento di chiederci, non come diffondere il cristianesimo, ma come viverlo nella sua autenticità, a partire dall’interno della Chiesa, che sembra aver perso l’anima evangelica.
Ma vorrei allargare il discorso al di là della fede strettamente religiosa. In altre parole, che significa in realtà “conversione”? Do solo qualche  spunto, da approfondire.
Conversione, dal latino “conversio”, significa “volgersi verso qualcuno o qualche cosa”, “cambiare direzione” o “strada”. Nel Nuovo Testamento c’è un termine caratteristico connesso a questo concetto: μετάνοια (dal verbo μετανοέω, “cambio mentalità”). Adesso possiamo anche capire le parole di Giovanni: occorre raddrizzare i propri sentieri.
I Mistici parlano di due “uomini”: quello esteriore e quello interiore, e della necessità che l’uomo esteriore “torni” nell’uomo interiore. Ecco il significato di “conversione”: un’opera di interiorizzazione, di spiritualizzazione.
Altro spunto. Qualcuno parla di fuga, come se, rientrando nel nostro essere, ovvero spiritualizzandoci, fuggissimo dalla realtà del mondo in cui viviamo. Si fugge sì, ma per estraniarci da tutto ciò che è inessenziale, superfluo, per concentrarci nella propria interiorità, e diventare così più presenti a se stessi e poter poi assumere uno sguardo più nitido sul mondo, uno sguardo contemplativo, che significa: vedere le cose come stanno, nella loro realtà, senza farci ingannare dalle apparenze.
Conversione, dunque, significa tornare alle nostre origini da cui proveniamo, ovvero il Sommo Bene, che è Dio, che è Uno, e qui trovare la fonte dell’unificazione e della semplicità, mentre distogliere lo sguardo dall’unico Uno, il Sommo Bene, da cui proveniamo, vorrebbe dire disperderci nel molteplice, frammentarci. Non dimentichiamo che la parola “universo” non significa l’insieme di tutto ciò esiste, ma deriva da uni-verso, ovvero: tutto tende verso l’uno.
Anche la parola “semplicità” andrebbe riscoperta. Per semplicità s’intende la capacità di arrivare all’essenza della realtà, senza girarci attorno complicandoci la vita. Come vedete, tornare in noi stessi, là dove lo spirito è la realtà più semplice, ci rende più lucidi nella mente, nel cuore e nella vita.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi