Omelie 2018 di don Giorgio: NATALE DEL SIGNORE

25 dicembre 2018: NATALE DEL SIGNORE
Is 8,23b-9,6a; Eb 1,1-8a; Lc 2,1-14
Un Evento unico, del tutto straordinario
Credo che non ci sia un’altra festa liturgica, come il Natale, in cui sia quasi impossibile uscire da qualsiasi distrazione per raccogliersi a contemplare, in una assoluta purità di spirito, il Mistero di un Dio che dall’Eternità è venuto nel tempo.
Ecco l’Evento: parola che etimologicamente significa “venuto da”, “uscito da”; in questo caso: “venuto o uscito dall’Alto”, ovvero dal Mistero trinitario.
Saremmo del tutto sciocchi se, dopo aver meditato per diverse settimane in senso profondamente mistico sui brani scritturistici proposti dalla Liturgia, ci facessimo ora prendere da quel sentimentalismo, come una melassa, di questi giorni che ci fa sentire come degli estranei alla Realtà del Mistero divino.
Lo stupìto o il meravigliato
Se mi mettessi anche oggi, anche questa sera, giorno di Natale, a proporvi riflessioni di una certa levatura mistica, vi sembrerei come quella statuina del presepe, un tempo conosciuta come quella dello stupìto o meravigliato che, mentre gli altri personaggi erano carichi di doni, se ne stava appartato, con le mani nude, a contemplare il fascino di quel Mistero proveniente da una grotta, illuminata a giorno da un Bimbo nudo, deposto in una culla di fieno.
Lo stupìto, ovvero colui che si fa prendere intensamente dalla meraviglia, è l’unico essere umano ad aver colto il Mistero della nascita del Figlio di Dio nel grembo di una ragazza di Nazaret, di nome Maria.
Lo stupìto è il nostro essere, quando, fuori da ogni banalità di presepi che sembrano una sfilata di belle statuine in atteggiamento di offerenti di beni materiali, si dona nella sua nudità, ovvero nella realtà pura del proprio spirito interiore, a un Dio che non vuole ricevere nulla, ma solo donare se stesso nel suo spirito d’Amore.
Lo stupìto offre la sua meraviglia, che è pura contemplazione, non perciò contaminata da quel dare cose per avere in contraccambio altre cose: la contemplazione, che si esprime anche nella meraviglia del volto quasi estraniato, è un atto puro di spogliamento esteriore per lasciarsi invadere dalla Realtà dello Spirito divino.
Nel nostro rapporto con il mondo del Divino, non si dà qualcosa per ricevere qualcosa: davanti a Dio occorre sentirci nulla, se vogliamo ricevere il Tutto. E il Tutto che si riceve è così sovrabbondante da effondersi ovunque.
Perché il Natale è così sterile?
Se ad ogni Natale rimaniamo ancora sterili, ovvero come vasi vuoti della Bontà divina, allora dovremmo chiederci: ogni anno che passa, non siamo forse come la solita bella statuina che compare al sopraggiungere del Natale, per poi, finita la festa, essere di nuovo incartata e, l’anno successivo, di nuovo scartata, e così per tutta la nostra esistenza? E poi ci lamentiamo del perché questo nostro mondo sia sempre il medesimo, ovvero una mostra dei nostri più brutali istinti, che neppure davanti al Mistero dell’Amore di Dio incarnato si convertono in atti di Umanità.
La realtà ci insegna che, se in questi ultimi duemila anni, l’uomo avesse fatto almeno un passo in più verso una umanizzazione del proprio essere, forse non ci troveremmo ancora in una società di bruti, sempre pronti a scannarsi per un piccolo avere, che oggi c’è e domani sarà falciato dal tempo che passa.
Dovrei aggiungere che in realtà il Figlio di Dio non è venuto solo per renderci più umani, in tal caso non capirei la necessità dell’Incarnazione: egli si è incarnato per rivelarci che siamo figli di Dio.
Qui dovremmo porci tante domande, anzitutto ad una Chiesa che da secoli ha cessato di parlarci di quella Realtà spirituale, che è la nostra divinizzazione interiore.
Tra i vari sentimentalismi edulcorati, di cui parlavo all’inizio, c’è purtroppo quello che ancora oggi la Chiesa sembra accarezzare, ovvero quel buonismo umanitario che serve per salvare un po’ la faccia di una religione che teme di parlare di cose grandi e di ben più profonde. Il buonismo, in fondo, è ancora qualcosa di esteriore: riguarda i nostri atteggiamenti, senza scalfire la realtà più interiore dell’essere umano.
Questo non è ancora il Mistero natalizio, ovvero di un Dio che si è fatto carne per divinizzare il nostro essere.
La cosa più strepitosa non è il fatto che possiamo diventare più buoni o più generosi, e l’ipocrisia sta soprattutto nell’esserlo per un solo giorno o quasi, ma che riscopriamo ciò che veramente siamo o, meglio, riscopriamo “chi siamo”.
Il buonismo può essere come una infarinatura. È la scoperta della presenza del Divino in noi che potrà cambiare non solo noi stessi, ma il mondo intero.
Ecco perché il Mistero natalizio andrebbe riscoperto, ma come la sorgente della rigenerazione divina che avviene ogni giorno, nel nostro spirito interiore, al di là del giorno liturgico del Natale.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi