Omelie 2017 di don Giorgio: QUARTA DI QUARESIMA

26 marzo 2017: QUARTA DI QUARESIMA
Es 34,27-35; 2Cor 3,7-18; Gv 9,1-38b
I due temi, della vita e della luce, sono anticipati nel famoso Prologo del quarto Vangelo, e poi sviluppati da Giovanni, in particolare con il racconto della risurrezione di Lazzaro (tema della vita) e il racconto della guarigione del cieco nato (tema della luce). La liturgia invita oggi a soffermarci sul tema della luce.
Tema della luce
Vorrei anzitutto far capire quanto sia importante la presenza della luce presso ogni religione, e perciò anche presso la religiosità ebraica. Basti pensare che il termine stesso “Dio” significa etimologicamente “cielo luminoso” (latino “dies”, in italiano “giorno”). Alla luce sono infatti connessi immediatamente significati di chiarezza, verità, bene, gioia, vita, che hanno indubbiamente la loro radice nella nostra natura: infatti il greco “phos”, luce, è legato a “physis”, natura, dal momento che la vita è legata alla luce.
Allora possiamo capire le parole del Prologo di Giovanni: “In lui (Logos) era la vita e la vita era la luce degli uomini” (1,4). E poi: “Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo” (1,9).
Anche presso il mondo dei Mistici la luce è fondamentale. L’”essere stesso è luce”, “vivere ed essere sono luce”, ovvero luce è la realtà stessa sia in senso fisico che in senso metafisico.
La festa delle Capanne
Per comprendere il miracolo della guarigione dell’uomo cieco dalla nascita, dobbiamo inquadrarlo nel contesto della Festa delle Capanne, una delle più grandi solennità giudaiche: gli ebrei commemorano i gesti prodigiosi compiuti un tempo da Dio nel deserto in favore del suo popolo. Anticamente, era la festa agricola della raccolta dei frutti in autunno, con riferimento alla vendemmia e al raccolto delle olive: si soggiornava in abitazioni provvisorie sistemate nei campi. In seguito, tale abitudine fu vista come la commemorazione della vita degli ebrei in tende e capanne durante il soggiorno nel deserto. Ai tempi di Gesù le tende, fatte di foglie di palma, erano poste sui tetti delle case, nei cortili e nei giardini, e la gente vi andava ad abitare per una settimana. Due processioni sacerdotali partivano ogni mattina dal Tempio: una andava a raccogliere rami frondosi e l’altra si dirigeva verso la piscina di Silone. Al ritorno si versava acqua sui gradini del Tempio in modo che essa scorresse scendendo in direzione del mondo esterno, a simboleggiare la fede ebraica che avrebbe inondato il mondo. Durante i giorni della festa, nel cortile delle Donne si disponevano quattro grossi candelieri, con grandi lampade piene di olio; dalla città tutti potevano vederne la luce, e sotto, tenendo in mano torce ardenti, si eseguivano musiche e danze. Festa, dunque, di gioia: festa delle luci in ricordo della “luce” della divina Torah.
Guarigione del cieco nato
L’evangelista Giovanni, dal capitolo 7 all’inizio del capitolo 10, inserisce diversi fatti di Gesù, proprio durante la Festa delle Capanne, anche in un contesto di scontri tra la luce e le tenebre. Sempre nel Prologo, troviamo: “La luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l’hanno vinta… venne tra i suoi ma i suoi non l’hanno accolto” (1,5.11). Ed è proprio in un clima di tensioni che Gesù, sempre nell’ambito della festa delle luci, dichiara: “Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita” (8,12). Come vedete, anche Gesù collega la luce alla vita.
È in questo ambito che Giovanni inserisce anche la guarigione del cieco nato, che ora possiamo meglio cogliere in tutto il suo significato simbolico di luce fisica e di luce metafisica o mistica: Gesù non si è accontentato di ridare la vista degli occhi fisici, ma anche la vista della fede, intesa nella sua realtà più spirituale.
Non mi soffermerò sulla polemica riguardante la legge del sabato, sulla quale ci siamo già più volte soffermati, anche recentemente, e neppure mi soffermerò sulle reazioni negative da parte dei farisei, dei genitori, della gente comune: chi per un motivo chi per l’altro, non ha capito il gesto liberatorio di Gesù.
A parte Gesù, l’unico vero protagonista di tutto l’episodio, narrato anche nei minimi particolari, è proprio l’uomo cieco dalla nascita che mette nel sacco, a modo suo, i caporioni che, sentitesi offesi, lo buttano fuori dalla sinagoga, ovvero dalla comunità ebraica. Questa è sempre stata la tattica della Chiesa ufficiale che, non sapendo fare altro, ha usato condanne e scomuniche per eliminare i dissidenti. E anche la Chiesa non  ha capito che, facendo così, ha permesso loro di incontrare il Cristo mistico.
Solo fuori della struttura, avviene il vero incontro con il Divino
Per fare questo incontro, dunque, il cieco, a cui era stata ridata la vista fisica, ha dovuto farsi buttar fuori dalle strutture, e, fuori dalle strutture, ha incontrato il Cristo interiore, il quale a sua volta si era fatto buttar fuori dalla sinagoga. Morirà, fuori dall’ebraismo. Sul Calvario, fuori da Gerusalemme.
Ancora oggi siamo legati al concetto che la salvezza è qualcosa che avviene fuori del nostro essere più profondo: si pensa che avvenga ad opera delle opere, delle strutture, dei sacramenti, dei riti, delle formalità religiose. Non dico che tutto è solo merito della grazia di Dio, ma il nostro impegno parte dal di dentro, non è anzitutto qualcosa di esterno a noi. Sì, non possiamo fare a meno anche dei riti, dei sacramenti, dei mezzi della Chiesa, ma questi resteranno vuoti, privi di salvezza, se non saranno animati o spiritualizzati dal Divino che è in noi.
Dunque, il vero incontro con il Cristo della fede o il Cristo Mistico avviene dentro di noi e, perché sia sincero, efficace, il nostro spirito interiore deve essere libero da ogni impedimento.
In fondo, siamo schietti: ci costa poco, pochissimo praticare la nostra fede, visto poi tutto il mondo folcloristico che la circonda. Ci costa di più rientrare dentro di noi e confrontarci con il Divino, che non si accontenta di darci qualche briciola, ma ci chiede tutto.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi