Omelie 2013 di don Giorgio: Festa di S. Stefano, martire

26 dicembre 2013: Festa di S. Stefano

At 6,8-72a; 7,51-8,4; 2Tm 3,16; 4,1-8; Mt 17,24-27

Non so quando, come e perché la liturgia della Chiesa abbia messo la festa di S. Stefano il giorno dopo il Santo Natale. Prima addirittura della festa di San Giovanni, l’autore del quarto Vangelo. Sembra quasi che la liturgia voglia rovinarci subito la gioia di questi giorni. Non è che sia bello immaginare la scena della lapidazione di questo primo martire. E poi è stato veramente il primo martire? Fra qualche giorno festeggeremo i santi innocenti, i bambini fatti trucidare da Erode. Altra violenza, altro sangue versato sul bianco Natale. E ancor prima c’era stato un altro martire: Giovanni Battista.

Non dimentichiamo che, quando i primi cristiani hanno iniziato a festeggiare la Nascita di Gesù, erano già in vigore le persecuzioni. La Chiesa sentì il bisogno di proporre dei testimoni, perché i credenti non cedessero alle minacce. È per questa ragione che la Chiesa primitiva onorava i martiri, prima ancora di permettere il culto dei santi, che avevano professato la loro fede, ma senza aver dato il loro sangue. In breve, nei primi tre secoli l’unico culto permesso dalla Chiesa è stato per i martiri.

Il martirio di Stefano divenne allora il modello per eccellenza per ogni cristiano, messo a dura prova nella sua fede. Ma c’è un altro motivo: tenendo ancora oggi la festa di Santo Stefano, la Chiesa intende farci capire che il Natale è una cosa seria, da non essere ridotta solo a puro sentimentalismo. Fa bene un po’ di poesia, fa bene un po’ di sentimento, ma il Natale di Cristo va ben oltre.

Il martirio di Stefano diventa allora una catechesi, che può aiutarci a comprendere il cristianesimo. Stefano che cosa dice al cristiano di oggi. Dice che vale la pena dare la propria vita per la causa di Cristo. Notiamo: Stefano ha dato la sua stessa esistenza, non ha dato solo un po’ del suo tempo, qualche perditempo, una frazione della sua fede.

Per quanti cristiani moderni vale la pena sacrificarsi per la causa del Vangelo?

Quando uno è disposto a dare la vita per una causa, vuol dire che la causa sta in primo piano e che tutto il resto conta relativamente. Oggi la causa per cui viviamo o per cui lottiamo non è forse un insieme di tante banalità? Ed è per queste banalità che siamo disposti a sacrificare il nostro tempo, la nostra stessa vita, ovvero, per essere chiari, siamo disposti a fare della nostra vita una banalità. Sacrifichiamo magari un’intera esistenza nella rincorsa di illusioni. E tutto questo chiamiamo causa per cui vale la pena di vivere?

Santo Stefano non è morto da disperato, ma davanti a lui si sono spalancati i cieli. Ecco: i cieli si aprono! Questa è la visione del martire, di colui che si sacrifica per una grande causa, per una causa nobile. Quante persone muoiono su un mondo che si chiude davanti a loro. Tutto il castello che si sono costruiti si sgretola di colpo.

Stefano “vide i cieli aperti”. Qui possiamo notare tutta quella apertura che il Cristianesimo porterà nel mondo ebraico e nel mondo pagano. Ma la religione è sempre tentata di chiudere i cieli, mentre lo Spirito della Profezia li vuole aprire.

C’è una invocazione, fatta propria dalla liturgia dell’Avvento, che troviamo nel libro di Isaia, capitolo 63, versetto 19: “Se tu squarciassi i cieli…”. Quando dopo giornate e giornate di pioggia, un angolino di cielo si apre, ci viene spontaneo esclamare: Finalmente! Basterebbe uno squarcio di cielo che si apre a ridarci speranza.

Non penso che Santo Stefano abbia goduto solo per sé l’aprirsi dei cieli, ma credo che il suo martirio abbia contribuito a farlo gustare al primi cristiani. E non solo. Ogni testimonianza di fede è un pezzo di cielo che si apre sopra di noi, e dentro di noi. Sopra di noi il cielo è sempre aperto, anche se è coperto da fitte nubi. È dentro di noi che si accumulano così dense tenebre da sentire prima o poi il bisogno di diradarle.

Nessuno può rubarci il cielo che è sopra di noi, e quel cielo che è dentro di noi. Mi piace qui citare le parole di una giovane donna olandese, Etty Hillesum, di origini ebraiche, vittima della Shoah: morì (aveva 29 anni) a Auschwitz il 30 novembre 1943. Il prossimo 15 gennaio ricorrerà il centenario della sua nascita. Ci ha lasciato un Diario, scritto tra il ’41 e il ’43, che è rimasto sconosciuto al pubblico fino a quando, nel 1981, verrà stampato, prima in una riduzione ridotta, ora finalmente nella sua versione integrale. Anche in lingua italiana.

Quando le restrizioni dei nazisti nei confronti degli ebrei cominciano a farsi più severe, Etty Hillesum scrive: «Ci è stato proibito di passeggiare sul Wandelweg. Ogni misero gruppetto di due o tre alberi è dichiarato bosco e allora sulle piante è inchiodato un cartello con la scritta “vietato agli ebrei”. Questi cartelli diventano sempre più numerosi, dappertutto. E ciononostante, quanto spazio in cui si può ancora stare ed essere lieti e far musica e volersi bene… Sopra quell’unico pezzetto di strada che ci rimane, c’è pur sempre il cielo, tutto quanto. Non possono farci niente. Possono renderci la vita un po’ spiacevole; possono privarci di qualche bene materiale o di un po’ di libertà di movimento. Ma siamo noi stessi a privarci delle nostre forze migliori col nostro atteggiamento sbagliato: col nostro sentirci perseguitati, umiliati e oppressi, col nostro odio e con la nostra millanteria che maschera la paura. Certo che ogni tanto si può essere tristi e abbattuti per quel che ci fanno; è umano e comprensibile che sia così. E tuttavia: siamo soprattutto noi stessi a derubarci da soli». E conclude con un invito a se stessa e ai suoi fratelli ebrei a dilatare il cuore per volgere al positivo anche quella situazione dolorosa: «Se tutto questo dolore non allarga i nostri orizzonti e non ci rende più umani, liberandoci dalle piccolezze e dalle cose superflue di questa vita, è stato inutile». E ancora: «Trovo bella la vita, e mi sento libera. I cieli si stendono dentro di me come sopra di me. Credo in Dio e negli uomini e oso dirlo senza falso pudore. La vita è difficile, ma non è grave. Dobbiamo cominciare a prendere sul serio il nostro lato serio, il resto verrà allora da sé: e “lavorare a se stessi” non è proprio una forma di individualismo malaticcio».

Mi ha sempre impressionato l’urlo satanico dei lapidatori, e l’urlo di perdono di Stefano. Due voci che urlano e che si contrappongono: l’uno di odio, l’altro di compassione. Ho detto di contrapposizione: in realtà, la compassione fende l’odio. Ad assistere un ragazzo, di nome Saulo, il futuro san Paolo. Partecipava in quel momento all’urlo dell’odio. Poi passerà alla misericordia di Cristo. L’odio ha le sue catene, catene che si possono spezzare mediante l’amore.

Tornando al suo Diario, ecco che cosa scrive Etty Hillesum: «Una pace futura potrà essere veramente tale solo se prima sarà stata trovata da ognuno in se stesso – se ogni uomo si sarà liberato dall’odio contro il prossimo, di qualunque razza o popolo, se avrà superato quest’odio e l’avrà trasformato in qualcosa di diverso, forse alla lunga in amore se non è chiedere troppo. È l’unica soluzione possibile. È quel pezzettino d’eternità che ci portiamo dentro». E ancora: «A ogni nuovo crimine o orrore dovremo opporre un nuovo pezzettino di amore e di bontà che avremo conquistato in noi stessi. Possiamo soffrire ma non dobbiamo soccombere. E se sopravvivremo intatti a questo tempo, corpo e anima ma soprattutto anima, senza amarezza, senza odio, allora avremo anche il diritto di dire la nostra parola a guerra finita”. Infine: «So che quelli che odiano hanno le loro buone ragioni. Ma perché dovremmo sempre scegliere la via più facile? Nel Lager, ho sentito con tutta me stessa che il minimo atomo di odio aggiunto a questo mondo lo rende ancor più inospitale».

Perché ho accostato questi due martiri: Stefano e Etty Hillesum? Sembra paradossale: Stefano era un cristiano che è stato ucciso da ebrei fanatici, Etty Hillesum era un’ebrea uccisa da cristiani fanatici. La fede nell’umanità è al di fuori di ogni razza e religione. Anche il fanatismo. Ambedue, Stefano e la donna olandese hanno saputo vedere il cielo aprirsi, dentro di loro e sopra di loro.

Il fanatismo e l’odio vorrebbero chiuderci i cieli. Ancora oggi. Tocca a noi non farcelo derubare. Ma i cieli talora si spengono anche per colpa nostra. E ciò succede quando spegniamo l’entusiasmo per una causa nobile. Forse sta qui il venir meno della vera democrazia, e forse sta qui il venir meno di una Chiesa che ha perso il vero contatto con il Divino.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi