Omelie 2019 di don Giorgio: S. FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE

27 gennaio 2019: S. FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE
Sir 44,23-45,1a.2-5; Ef 5,33-6,4; Mt 2,19-23
Non c’è confronto!
Ogni ultima domenica di gennaio, la nostra liturgia ambrosiana celebra la festa della Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe.
Da qui, siamo passati, diciamo in modo del tutto sbrigativo, a parlare della famiglia umana, prendendo come modello e ideale la stessa famiglia di Nazaret.
La prima orazione della Messa va in questo senso: “O Dio onnipotente, che hai mandato tra noi il tuo unigenito e dilettissimo Figlio a santificare i dolci affetti della famiglia umana e a donare, con la sua immacolata condotta e con le virtù di Maria e di Giuseppe, un modello sublime di vita familiare…”. Lasciamo perdere l’espressione “i dolci affetti” della famiglia umana.
Se c’è una famiglia del tutto eccezionale e unica è proprio quella di Nazaret, che perciò non ha confronto.
Quanto più enfatizziamo la famiglia di Nazaret, tanto più ce ne allontaniamo.
Forse è lo stesso nome “famiglia” a farci cadere nell’equivoco di ritenere che ci sia un qualche rapporto tra la famiglia di Nazaret e la famiglia umana. Non basta tirare in ballo un  sacramento, quello del matrimonio, per superare il divario o l’abisso.
Dunque, non è possibile alcun confronto tra la famiglia di Nazaret e la famiglia umana, anche se fosse la più santa del mondo. Non possiamo, allora, sostenere che la famiglia di Nazaret possa diventare un modello della famiglia umana: dovremmo, in tal caso, disfare in toto l’identità, che è unica, della famiglia di Nazaret.
E allora che cosa dobbiamo intendere per famiglia? Ecco la vera domanda. È una istituzione naturale o sociale, in cui ci sia un padre, una madre e dei figli? Che significa paternità, maternità e figliolanza?
Se pensiamo alla famiglia di Nazaret, cade ogni concezione umana di paternità, maternità e figliolanza. Se pensiamo a ciò che noi riteniamo per padre, madre e figlio, abbiamo qualcosa che è assolutamente lontano dalla famiglia di Nazaret, in cui c’è un padre, Giuseppe, che è solo putativo, mentre il padre reale è lo Spirito santo; in cui c’è una madre, Maria, che ha partorito Gesù in modo del tutto verginale (per opera dello Spirito Santo), e in cui c’è un Figlio unico, del tutto eccezionale, lo stesso Figlio di Dio.
Vi chiedo se sia possibile un confronto o, addirittura, prendere come modello la famiglia di Nazaret.
E allora, lasciando pure la parola “famiglia”, come dobbiamo vedere la famiglia di Nazaret: solo contemplandola nel suo Mistero divino oppure tentare di ricavare qualche opportuna provocazione?
Non solo possiamo ricavarne qualche provocazione, ma la famiglia di Nazaret è una provocazione, nel senso che può aiutarci a riscoprire quei valori che sono assenti in una società, dove prevale o la struttura diciamo sociale o la dissoluzione di ogni struttura anche naturale.
Deus caritas est
L’amore come “caritas” è l’essenza di ogni realtà divina, e anche di ogni realtà umana. Senza l’amore soprannaturale, nulla ha valore, lo dice anche san Paolo nel famoso inno, l’inno alla carità, che viene riconosciuto come il più bel trattato dell’amore del Nuovo Testamento: lo troviamo nella Prima Lettera ai Corinzi (13,1-13). Ecco i primi tre versetti: «Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sono come un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna. E se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza, e possedessi la pienezza della fede così da trasportare le montagne, ma non avessi la carità, non sono nulla. E se anche distribuissi tutte le mie sostanze e dessi il mio corpo per esser bruciato, ma non avessi la carità, niente mi giova».
“Deus caritas est” è il titolo della prima enciclica, pubblicata da papa Benedetto XVI il 25 gennaio del 2006. Solo in seguito, anni dopo, ho riscoperto il valore di questa enciclica, tutta ancora da scoprire nella sua profondità filosofica, oltre che mistica.
Il titolo è tratto dalle prime parole del testo latino che costituiscono una citazione dalla Prima lettera di Giovanni, capitolo 4, versetto 16: «Dio è amore; chi sta nell’amore dimora in Dio e Dio dimora in lui».
Sarebbe interessante spiegare e approfondire i termini con cui nella Bibbia si indica l’amore: come eros, come caritas, come agàpe.
Una cosa va detta chiaramente: ogni componendo dell’amore, anche fisico (eros), porta all’amore soprannaturale e prende luci dall’amore soprannaturale. E diciamo che è molto banale ridurre la parola “agàpe” a indicare il banchetto, eucaristico o semplicemente di fraternità, di solidarietà.
Se Dio è “agàpe”, come scrive Giovanni, vuol dire che siamo nell’essenza stessa di Dio.
L’amore come essenza divina e umana
Ancora quando ero studente di teologia, nel seminario di Venegono, anni ’60,  poco prima del Concilio Vaticano II, il professore di morale ci insegnava che il fine primario del matrimonio era la procreazione dei figli, e che l’amore era un fine secondario. Poi, con il Concilio le cose un po’ cambiarono, nel senso che si stabilì che il matrimonio aveva due fini sullo stesso piano, diciamo comprimari: l’amore e la procreazione.
In Dio la procreazione è sostituita dal termine “generazione”: siamo su un piano diverso, dove la carnalità è sostituita dallo Spirito più puro. Lo Spirito si genera nello Spirito.
Non sto dicendo che, essendo noi esseri umani, dobbiamo disincarnarci come se fossimo puri spiriti. No! Sto dicendo però che siamo sì carnali, ma anche anzitutto spirituali, e che l’amore appartiene al mondo anzitutto dello Spirito.
L’amore precede la carnalità, e casomai la divinizza. E questo dovrebbe succedere anche nel matrimonio, tanto più che noi credenti parliamo di un sacramento.
Certo fa parte dell’amore generare, ma non riduciamo tutto ad una generazione carnale. I Mistici parlavano anche di un matrimonio puramente mistico. Ma il matrimonio umano e il matrimonio mistico di per sé non sono su due piani diversi.
E poi: non basta procreare figli, occorre anche generarli nello spirito. L’amore non si ferma ad un rapporto carnale, ma l’amore vero genera amore, vita, libertà, educando i figli a scoprire il loro essere più interiore.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi