Milano, sì alle unioni civili

da Lettera 43

Milano, sì alle unioni civili

Dopo una lunga lotta e un difficile lavoro di mediazione in Consiglio comunale tra l'ala cattolica del Pd e quella laica del Pdl, é stata approvata la delibera che istituisce il registro delle unioni civili del Comune di Milano.
Il provvedimento è passato nella notte del 27 luglio con 27 voti favorevoli, 7 contrari e 4 astenuti dopo una seduta fiume durata 11 ore e 30 minuti.

«Abbiamo ridotto lo spread sull’Europa dei diritti civili», 
 ha commentato il sindaco di Milano Giuliano Pisapia.
APPROVATO IL REGISTRO DELLE COPPIE DI FATTO. La delibera istituisce un registro a cui le coppie, sia etero sia omosessuali, possono iscriversi contestualmente alla registrazione della famiglia anagrafica.
Nel testo, però, il termine «famiglia anagrafica» è stato sostituito con «unione civile», per «rimarcare la differenza tra coppie di fatto e famiglia tradizionale».
E, nel definire le unioni civili, il passaggio «insieme di persone legate da vincoli affettivi» è stato sostituito con «due persone legate da vincoli affettivi», per «evitare il rischio di poligamia».
POSSIBILE IL CERTIFICATO DI UNIONE CIVILE. Si è arrivati così alla
creazione di un registro 
«diverso da quello della famiglia anagrafica ma collegato», che consente di ottenere un attestato di unione civile e al quale le coppie di fatto potranno iscriversi dopo aver ottenuto il certificato di famiglia anagrafica.
Con l'obiettivo, espresso nel testo della delibera, di «superare situazioni di discriminazione e favorire l'integrazione delle unioni civili nel contesto sociale, culturale ed economico del territorio».
«SEGNALE IMPORTANTE». «D’ora in poi nelle delibere comunali saranno parificate a chi è sposato. Anche le coppie gay», ha spiegato Marco Mori, presidente di Arcigay Milano «C’è voluto più tempo del previsto, ma il voto di questa notte è un segnale importante».
Le unioni civili che vengono registrate consentono però solo di usufruire dei servizi forniti dal Comune, ma non permettono di ereditare o di accedere alla pensione di reversibilità, servizi garantiti solo alle coppie sposate.
E la natura «di carattere amministrativo» del provvedimento è stato sottolineato anche dallo stesso Pisapia.
«Escludo che questa delibera apra alla possibilità di matrimoni gay», ha spiegato il primo cittadino di Milano, «per avere i matrimoni gay servirebbe una legge del Parlamento».
I CATTOLICI SI ASTENGONO, IL PD NON SI SPACCA. Un passo in avanti per i diritti omosessuali, che è arrivato dopo una lunga trattativa di mediazione.
Si sono astenuti i quattro consiglieri dell'ala cattolica del Pd, che però hanno evitato di provocare una spaccatura nella maggioranza con un voto contrario.
Mentre dall'opposizione hanno contribuito al via libera al provvedimento i voti favorevoli del grillino Mattia Calise, di Manfredi Palmeri (Fli) e di due consiglieri comunali del Pdl, Luigi Pagliuca e Pietro Tatarella.
«Nettamente contraria» la posizione della maggioranaza del Pdl e della Lega Nord, che ha definito il registro «una bandierina di Pisapia per la comunità gay».
Al lungo dibattito a Palazzo Marino hanno assistito diversi milanesi e rappresentanti dell'Arcigay e di associazioni per i diritti delle coppie omosessuali, che hanno sperato e poi salutato con goia la delibera.
Venerdì, 27 Luglio 2012

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=s1UYFg5W7UI[/youtube]

1 Commento

  1. cesare ha detto:

    Invito tutti i cattolici, trasversalmente presenti in P.D., U.D.C. e P.D.L., a dissociarsi dalla sciagurata iniziativa di Bersani di voler equiparare le unioni gay ai tradizionali matrimoni civili.
    In nome di un progressismo idiota, proposto come conquista sociale, non ci si rende conto che ci sta avviando verso il baratro dei valori civili, dell’etica e della morale.

    Da laico, libero pensatore, ritengo che le unioni omosessuali siano da considerarsi nulla di più di una reciproca consolazione sentimentale umana: come di un rapporto di amicizia e stima tra persone dello stesso sesso che relativizzano la sessualità da loro sentita, in rapporti consoni la loro isolita natura egocentricamente chiusa.

    Il matrimonio naturale, per nostra tradizione e cultura, è inteso come il: “rapporto di convivenza dell’uomo e della donna in accordo con la prassi civile ed eventualmente religiosa, diretta a garantire la sussistenza morale, sociale e giuridica della famiglia” (Devoto Oli).

    Per i cristiani è assai di più: il matrimonio è un Sacramento!; che nell’unione fisica e spirituale dei Ministri: l’uomo e la donna, finalizzano l’amore reciproco all’apertura alla vita e alla famiglia. I figli sono dunque espressione di continuità e somiglianza; a quella finalità creatrice di Dio cui ha origine il mondo. Nella prole si realizza il misterioso e meraviglioso prolungamento di noi stessi in un altro essere, pur diverso e indipendente, tuttavia somigliante e irripetibile essere nell’infinito universo! Traccia del nostro esistere nell’eternità del tempo. Famiglia: cooperatrice di vita e di creazione! Famiglia: cellula viva, fondamentale e insostituibile Istituto della nostra società.

    Già ancor prima del cristianesimo, la “sacralità” del matrimonio era autorevolmente riconosciuta come primaria valenza civile nella società pagana. Tanto che il significato della parola “matrimonio” deriva dal latino matrimonium, ossia dall’unione di due parole latine, mater, madre, genitrice e munus, compito, dovere; il matrimonium era nel diritto romano un “compito della madre”, intendendosi il matrimonio come un legame che rendeva legittimi i figli nati dalla unione. Analogamente la parola patrimonium indicava il “compito del padre” di provvedere al sostentamento della famiglia.

    Questo dimostra che le forze politiche di oggi sono ormai pervase da una retriva cultura relativista che, in nome di un fantomatico progressismo sociale, vogliono convincerci che l’indiscriminata liberalità di costume costituisce ricchezza, conquista ed evoluzione!

    Personalmente ritengo che ogni iniziativa atta a stravolgere le tradizionali finalità del matrimonio civile e religioso, nell’equipararlo alle unioni omosessuali, è da ritenersi demenziale.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi