Inchiesta camici, Fontana indagato. «Sono certo dell’operato della Regione»

da AVVENIRE
25 luglio 2020
Lombardia.

Inchiesta camici, Fontana indagato.

«Sono certo dell’operato della Regione»

Redazione Cronaca Milano
Ecco com’è nata l’inchiesta e cosa c’entra la società del cognato. Opposizioni all’attacco
Il governatore lombardo Attilio Fontana è indagato dalla Procura di Milano nell’ambito dell’inchiesta sulla fornitura di camici e altro materiale sanitario per 500mila euro da parte della Dama spa. La società è di proprietà del cognato di Fontana, Andrea Dini, e la moglie del governatore ha una quota del 10%. L’ipotesi di reato contestata a Fontana dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli e dai pm Paolo Filippini, Luigi Furno e Carlo Scalas è frode in fornitura pubblica.
I magistrati milanesi hanno iniziato a indagare sulla vicenda dopo aver ricevuto una segnalazione di operazione sospetta datata 22 maggio tramite l’Unità di informazione finanziaria (Uif) di Banca d’Italia e hanno incaricato il nucleo Valutario della Guardia di finanza di fare un approfondimento. La vicenda, poi, è stata portata alla luce dalla trasmissione Report, che nella puntata dell’8 di giugno aveva ricostruito il “caso camici”.
Fontana avrebbe avuto un “ruolo attivo”, da quanto si è appreso da fonti giudiziarie, non tanto nelle fase di assegnazione della commessa alla società di famiglia, quanto nelle fasi successive. Il 19 maggio avrebbe disposto un bonifico a favore della società del cognato da 250mila euro tramite l’Unione Fiduciaria, che amministra parte del capitale che il governatore avrebbe “scudato” in Svizzera nel 2015. Bonifico che, nelle intenzioni di Fontana, avrebbe dovuto coprire i costi di produzione e parte del mancato guadagno per i 75mila camici destinati ad Aria, la centrale acquisti di Regione Lombardia, la cui fornitura era stata pattuita il 26 aprile tramite un’assegnazione diretta.
Il giorno successivo, il 20 maggio, la Dama Spa manda una mail ad Aria comunicando l’intenzione di donare i quasi 50mila camici già consegnati, rinunciando a farsi pagare. L’Unione Fiduciaria non aveva fatto partire il bonifico perché in base alla normativa antiriciclaggio non ci sarebbe stata una causale o una prestazione coerente con l’attività svolta da un soggetto “sensibile” come Fontana per il suo incarico politico. Da qui a una segnalazione allo Uif di Banca d’Italia il passo è stato breve, segnalazione che di fatto ha dato il via alle indagini.
Fontana ha sempre sostenuto di non avere saputo in anticipo del contratto con l’azienda del cognato. E di essersi attivato, una volta a conoscenza, per trasformarla in donazione alla Regione. Una posizione ribadita anche ieri dal suo legale. “Quando è venuto a sapere della fornitura, per evitare equivoci gli ha detto di trasformarla in donazione e lo scrupolo di aver danneggiato suo cognato lo ha indotto in coscienza a fare un gesto risarcitorio”. L’avvocato Jacopo Pensa, legale di Fontana, ha spiegato in questo modo la decisione del governatore. “Non sono in grado di capire dove sia il reato – ha aggiunto il legale – ma i pm sanno quello che devono fare ed evidentemente sono state fatte indagini che hanno implicato l’iscrizione a garanzia dell’indagato”.
Fontana, quando era stata resa nota la sua iscrizione nel registro degli indagati, aveva ribadito la correttezza del proprio agire. “Sono certo – ha scritto sul suo profilo Facebook – dell’operato della Regione Lombardia che rappresento con responsabilità”.
E intorno a lui si è stretto subito il segretario leghista Matteo Salvini che ha parlato espressamente di malagiustizia. “Attilio Fontana – ha detto il leader leghista – indagato perché un’azienda ha regalato migliaia di camici ai medici lombardi. Ma vi pare normale? La Lombardia, le sue istituzioni, i suoi medici, le sue aziende e i suoi morti meritano rispetto. Malagiustizia a senso unico e “alla Palamara”, non se ne può più”. E vicinanza è stata espressa anche dalla giunta lombarda e dall’assessore Raffaele Cattaneo, responsabile della task-force che aveva il compito di trovare i sistemi di protezione individuale (camici, guanti e mascherine in primis) da dare ai medici lombardi nel pieno dell’emergenza Covid. “Esprimo – ha detto Cattaneo – la mia solidarietà nella certezza della correttezza assoluta dei comportamenti suoi e di tutti noi”.
Le opposizioni vanno all’attacco. Per il capogruppo in Regione del Movimento 5 stelle, “la giunta andrebbe azzerata perché non è in grado di gestire la Regione. La Lega andrebbe tenuta lontana dai pubblici uffici e per questo motivo la Giunta Fontana deve dimettersi”. Duro anche il Pd lombardo. “Fontana ha mentito ai lombardi? I casi sono due, o può smentire in modo convincente o prenderemo atto che si è definitivamente rotto il rapporto di fiducia con i cittadini”, ha detto il segretario regionale del Pd della Lombardia, Vinicio Peluffo.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi