Roberto Saviano: a Mondragone non ci sono untori, ma schiavi

da raiawadunia.com

Roberto Saviano:

a Mondragone non ci sono untori, ma schiavi

BY RAIAWADUNIA • GIU 26, 2020
Il sud Italia è una polveriera. Terra con il più alto tasso di dispersione scolastica, terra di disoccupazione endemica e di lavoro nero. Quello che sta accadendo a Mondragone è in sintesi la situazione di un pezzo di Paese, che vede nell’emigrazione la sola possibilità di realizzazione e nell’utilizzare gli immigrati l’unica strada per continuare a produrre. Le pandemie radicalizzano le contraddizioni esistenti, non le generano. I lavoratori bulgari contagiati a Mondragone vivono in palazzine occupate abusivamente e sono parte di quella infinita manodopera che lavora nelle campagne meridionali senza diritti, spesso senza contratti, senza nessuna sicurezza. E quando viene tolta la sicurezza del diritto e della salute a una parte della comunità, nessuno è al sicuro.
Aver sempre considerato gli immigrati alla stregua di usurpatori e non lavoratori ha lasciato proliferare sacche di illegalità connesse al lavoro nero e allo sfruttamento; facile in questo caso dire che gli untori sono gli stranieri, gli invasori, gli immigrati, le famiglie dei lavoratori bulgari accusate di uscire per continuare a lavorare. Come credete possano continuare a campare? Quali potrebbero essere gli ammortizzatori sociali per quelle famiglie se il lavoro si ferma? Da qui nasce la paura. Delle palazzine ex Cirio – nate con il progetto, di molti e molti decenni fa, di trasformare Mondragone nella capitale mondiale della mozzarella, un luogo di rinascita agricola – cosa rimane? Sfruttamento, emarginazione, mancanza di tutele. Ma davvero qualcuno pensa di potersi arrogare il diritto di pensare, e magari di dire, che quei lavoratori stranieri non dovrebbero essere lì? Ma davvero riusciamo a distrarci dalla vera domanda? Chiediamoci piuttosto se sia tollerabile lavorare come schiavi. E diamoci una risposta.
Il populismo più becero dirà che la diffusione del virus è determinata dall’occupazione abusiva da parte di immigrati, ma sarebbe accaduto lo stesso se si fosse trattato di lavoratori italiani a vivere in quelle condizioni di lavoro, con quelle paghe. Anzi, sappiamo bene che ci sono territori in Italia in cui ancora i numeri della pandemia destano preoccupazioni e non ci sono palazzine occupate abusivamente, ma un comparto produttivo che non si è mai fermato del tutto, che non si è mai fermato davvero.
Due erano le possibilità sul tavolo quando i numeri del Covid iniziarono ad aumentare significativamente: una gestione etica della pandemia e una gestione economica. La gestione etica si sarebbe posta come obiettivo quello di salvare vite, tutte le vite possibili. La gestione economica avrebbe, suppongo, dovuto prevedere una chiusura a zone, valutando le peculiarità di ciascun territorio. In Italia c’è stata una chiusura spuria, ma non dichiarata in questi termini.
Abbiamo creduto si fosse scelto l’approccio etico, ma poi abbiamo scoperto che laddove c’erano maggiori contagi, le aziende per sopravvivere non avevano mai smesso di produrre. Ora sta emergendo una nuova verità, una verità che molti avevano previsto: dove non ci sono diritti il virus si propaga e travolge tutto. I lavoratori stranieri contagiati nel mattatoio Tönnies in Germania che vivono ai limiti dell’umana sopportazione, i braccianti stranieri che lavorano in Italia nelle terre del Nord, del Centro e del Sud trattati come schiavi, sono la testimonianza che abbiamo venduto l’anima al profitto. E l’abbiamo venduta sul serio perché prima ancora di pensare che ci sia una correlazione tra pandemia e immigrazione, dovremmo ammettere che ciò che accade non è legale, che non è giusto e che non deve accadere più.
Non ci possiamo arenare sulla provenienza di chi è vittima, dobbiamo lavorare per sottrarre le vittime ai loro carnefici. Salvo poi scoprire che i carnefici siamo noi. Sì, perché l’Occidente avanzato e produttivo schiavizza gli immigrati, confinandoli nell’illegalità e dunque nella assenza dei diritti essenziali.
Quello che accade a Mondragone è il Covid ad averlo determinato? Chi in questi mesi – sarebbe meglio dire anni, decenni – ha fatto campagna elettorale sui lavoratori immigrati comunitari ed extracomunitari, chi non ha gestito seguendo la bussola del diritto l’economia che si nutre di lavoro straniero sottopagato e spesso privo di tutele, ha di fatto creato le condizioni perché tutto virasse al dramma. Integrare, nel caso di lavoratori stranieri comunitari, e regolarizzare e integrare, nel caso di lavoratori stranieri extracomunitari, significa dare documenti e quindi censire, significa fare in modo che possano esserci contratti di lavoro e di affitto, significa permettere di controllare la salute del lavoratore, significa attivare una rete di garanzie e ammortizzatori sociali, significa sottrarre alla costrizione del lavoro anche quando positivi al virus, significa sottrarre alla schiavitù e ai caporali.
E gli abitanti di Mondragone? A loro chi ci pensa? Già la sento la domanda… ma è una domanda scorretta perché ha l’unico obiettivo di armare persone le une contro le altre. Eppure capisco che sia difficile sottrarsi a questa propaganda perché è sottile, è continua e soprattutto è ovunque. E sembra far dimenticare l’evidenza, e cioè che quei lavoratori sono essenziali alle campagne, che senza di loro le bufale affogherebbero nella merda e nell’incuria. Protestare si può e si deve, ma per le condizioni di quei lavoratori, insieme a quei lavoratori e non ora, ma molto tempo fa.
Roberto Saviano per Repubblica

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi