Omelie 2019 di don Giorgio: SETTIMA DOPO PENTECOSTE

28 luglio 2019: SETTIMA DOPO PENTECOSTE
Gs 24,1-2a.15b-27; 1Ts 1,2-10; Gv 6,59-69
“Servire”
Nei primi due brani della Messa c’è un verbo, “servire”, ripetuto per ben 12 volte, di cui 11 nel brano di Giosuè. Già questo fa capire il taglio con cui interpretare quella che viene chiamata Alleanza tra Dio e il popolo eletto.
Già il fatto che si tratta di una Alleanza “unilaterale”, dice tante cose: per primo, che Dio non scende a patti con l’uomo, ma impone che sia servito. Lui rimane il Dio Assoluto, e non tanto come un amico speciale che scende sullo stesso piano della sua creatura.
Il Dio Assoluto e il Dio amico
È importante cogliere la differenza tra il Dio Assoluto e il Dio amico, compagno di viaggio. Eppure, c’è un fascino particolare in quel “discese” che recitiamo nel Credo della Messa: “per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo”. Come se il Figlio di Dio avesse abbandonato la sede inaccessibile del suo trono celeste e fosse venuto sulla terra per prendere la sua dimora tra noi. San Giovanni dice in un modo più suggestivo: Egli “venne ad abitare in mezzo a noi”, letteralmente: “Il Verbo ha piantato la sua tenda tra di noi” (eschenosen, la schené è la tenda). E la tenda è la casa del beduino, è la casa dell’ebreo in esodo dall’Egitto, è la casa dove Dio si fa incontrare (la tenda del convegno).
L’etimologia del sostantivo “casa” è la radice indoeuropea kay che significa pelle e che richiama, appunto, le tende dei nomadi. Oltre a casa noi usiamo anche il termine “abitazione” che deri¬va dal latino habere, lo stesso etimo di abito, e qui ancora ci rimanda alla pelle, a qualcosa che ci avvolge e ci protegge.
Dunque, quando noi diciamo che Il Verbo è venuto ad abitare tra di noi diciamo che è venuto a “piantar casa” in noi e tra di noi.
Sembra che il Dio dei cristiani sia il Dio vicino, a differenza del Dio lontano dei filosofi pagani: un Dio inaccessibile, misterioso, così purissimo da non contaminarsi con il creato.
È per questo, per il fatto cioè che il nostro Dio cristiano sia diventato il Dio Amico, il Dio compagno, il Dio vicino, che ora ci troviamo a trattare con un Dio svuotato di un Mistero che è l’Essenza divina, che fa la differenza radicale di una fede, che è un salire verso l’Alto, dove l’uomo può trovare la sua stessa realtà divina?
Iconostàsi
Non è per questo, perché il popolo non cadesse nella tentazione di assistere in modo del tutto superficiale ai Misteri divini, che nelle chiese ortodosse e russe c’è la iconostàsi? Si tratta di una parete decorata con icone, che divide il presbiterio, cioè la zona dove vengono celebrati i misteri divini, dalla navata dove stanno i fedeli. Anche nelle nostre chiese d’occidente c’era una specie di separazione, costituta dalla cosiddetta balaùstra, oggi sparita, mentre gli altari non erano rivolti verso il popolo, come oggi.
Secondo il pensiero orientale rimasto inalterato nei secoli, la centralità dei riti sacri non doveva essere immediatamente svelata, perché costituiva per il fedele un percorso educativo composto da varie tappe che lo avvicinavano ai “misteri”; si nascondeva alla vista, secondo la dottrina apofatica (negativa, non dire) in linea con il pensiero dei Padri della chiesa, perché è nelle tenebre che Mosè vede Dio ed anche perché la “grazia” opera nel cuore dell’uomo in maniera invisibile.
Il Dio incarnato
Sì, il Figlio di Dio si è incarnato, è sceso sulla terra, ma non per incontrarsi con l’uomo da Amico, come se la colpa di Dio fosse stata una distanza inaccessibile dall’uomo.
Margherita Porete, la beghina medievale arsa sul rogo (1 giugno 1310) nella piazza principale di Parigi, a causa di un suo libro dove, tra l’altro, si parla di un Dio lontano/vicino, un’espressione che, in un contrasto paradossale, dà l’idea di chi è il Signore. Definire, dunque, Dio come il lontano/vicino fa capire come Egli agisca: come il lontano che si fa vicino. In che senso? La vicinanza di Dio all’uomo non elimina la sua lontananza. Dio, paradossalmente, si fa vicino come lontano: in quanto Essere supremo. Egli si fa vicino nella sua Essenza divina.
Sì, è vero, Cristo chiama “amici” i suoi discepoli, ma contestualizziamo la sua dichiarazione. Gesù dice: «Voi siete miei discepoli, se fate ciò che vi comando». Che strana amicizia è mai questa? Sarebbe come dire ad una persona: “Tu sei mia amica, ma a condizione che tu mi obbedisca”. Quel “fate ciò che io vi comando” rimanda a quel rapporto tra Dio e l’uomo che non è alla pari, ma su un piano nettamente superiore. Il comando di Cristo è quel volere del Padre che si impone come Mistero dell’Essere supremo. Non si tratta di un rapporto di potere autoritario, come tra padrone e servo, ma di quell’Essere spirituale,  che è il segreto del mio essere umano.
I Mistici parlavano di una nostra figliolanza divina per opera dello Spirito santo, in cui non è Dio a diventare uomo, ma è l’uomo a diventare Dio. Se su questo piano intendiamo l’amicizia, allora sì: ben venga. Ma se già riflettiamo sulla parola “amicizia”, forse potremmo capire di quale amicizia si tratti. La vera amicizia sta in una elevazione reciproca nello Spirito, e non tanto su un piano puramente sentimentale. I veri amici si elevano reciprocamente, alla ricerca di quel Bene assoluto, che non allontana tra loro due amici, ma li attrae nel profondo del proprio essere.
Oggi si parla troppo banalmente di amicizia: tra genitori e figli, tra maestri e discepoli. Che i genitori siano genitori, e che i maestri siano maestri. I figli facciano i figli, così i discepoli. Non si devono mettere sullo stesso piano.
Dio è Dio nella sua infinita distanza di Spirito purissimo, e ci ama così, nella sua essenza spirituale, e non assumendo aspetti carnali. Una Mistica ha detto che Dio non ama me, ma ama se stesso in me.
A questo punto possiamo capire il verbo “servire”, così ripetuto nel primo brano della Messa. Altro che servire un Dio despota: siamo figli che rispettano il Dio Assoluto fino a identificarci con lui.
Quando ci penso, mi viene nausea per una religione che ha ridotto Dio al servizio dell’uomo. La religione non ha ancora capito nulla di ciò che è Dio per noi, ed è per questo che essa ci ha bloccato nel nostro mondo interiore, là dove Dio è purissimo Spirito, pronto ad agire da Dio Sommo Bene, appena lo accogliamo facendo in noi spazio, dopo aver tolto ogni nostra pretesa di mettere mano sulla Realtà divina.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi