Omelie 2014 di don Giorgio: Quinta Domenica dopo il Martirio di S. Giovanni Battista

28 settembre 2014: Quinta Domenica dopo il Martirio di S. Giovanni il Precursore
Dt 6,4-12; Gal 5,1-14; Mt 22,34-40
Il brano del Vangelo è molto noto, ma non per questo scontato, anche perché il nostro difetto sta nel togliere le parole di Gesù dal loro contesto, sia quello immediato, quando cioè Gesù le ha pronunciate, sia quello più ampio, tanto più che Gesù stesso cita due passi dell’Antico Testamento: Deuteronomio 6,5 e Levitico 19,18.
Vediamo, anzitutto, il contesto immediato. Uno scriba pone una domanda-tranello: “Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?”.  Siamo nelle vicinanze della passione. Cristo viene sottoposto a duri scontri da parte dei suoi nemici: scribi, farisei e sadducei. Quindi il clima non è dei migliori per rispondere alle domande, tanto più che vengono poste con una certa malizia: per metterlo alla prova.
Ma Gesù rimane calmo e risponde mettendo gli avversari nel sacco. Anzitutto, cita un passo del Deuteronomio: è il primo brano della messa. In realtà, Gesù ne riprende solo un versetto. Il brano inizia così: “Ascolta Israele”, in ebraico Shemà Israel. Sono le prime parole della preghiera, chiamata appunto lo Shemà, che il pio israelita ancora oggi recita al mattino e alla sera. In essa si fa memoria della unicità di Dio e del rapporto d’amore che deve intercorrere tra ogni membro del popolo e Dio stesso.
“Ascolta Israele”. Gli esegeti ci dicono che la maggior parte dei testi in cui compare il verbo “ascoltare” è concentrata nel libro del Deuteronomio. Se pensiamo che la Bibbia non conosce quella che noi occidentali chiamiamo “vita contemplativa”, balza subito agli occhi l’importanza di questo verbo. Infatti è al verbo ebraico shama’ (da cui l’italiano “ascoltare”) che la tradizione religiosa di Israele affida il ruolo della “contemplazione” e della “interiorità”, che sono le sorgenti della spiritualità biblica.
Viviamo in una società che non favorisce l’ascolto. La nostra è stata definita società dell’immagine. Ecco una descrizione che può farci riflettere: «Molteplici immagini accompagnate da molteplici parole e in rapida successione si sovrappongono confusamente sugli schermi della tv e dei telefonini, sui giornali, nei siti internet, nelle sale cinematografiche, in migliaia di libri sfornati dalle case editrici, nei graffiti delle mura delle città. Non è possibile prestare vero ascolto, dare retta a tutti questi molteplici messaggi, che somigliano ad un torrente impetuoso le cui acque scivolano lungo il pendio dei nostri sensi e della nostra mente. Nella nostra società c’è la prevalenza del “vedere” e del “sentire” sull’“ascoltare”… Il “sentire” si esaurisce perlopiù in una semplice sensazione fisica o anche emotiva; “ascoltare” è invece qualcosa di più profondo. Si potrebbe dire che, se per Dio “in principio è la Parola” (cf Gv 1,1; Gen 1,3.6), per l’uomo “in principio è l’ascolto”. Nella Bibbia si tratta di un ascolto del cuore. Il credente, come “deve amare il Signore con tutto il cuore”, deve anche tenere la Parola di Dio “fissa nel cuore” (cf Dt 6,5.6). La Parola deve superare le barriere dell’ascolto puramente fisico e della comprensione intellettuale per spingersi nelle profondità dell’uomo fino a raggiungere la sua più profonda interiorità, appunto il “cuore”. Il cuore assomiglia al “grembo materno” ove il germe seminato vive e cresce. Sono noti i testi di Luca in cui egli parla del cuore di Maria: “Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore” (Lc 2,19) e ancora: “Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore” (Lc 2,51)».
Per comprendere meglio la risposta di Gesù allo scriba, bisogna tener conto che non era facile sintetizzare in poche parole il labirinto di leggi e prescrizioni, norme e precetti contenuti nelle Scritture sacre. I rabbini avevano catalogato ben 613 comandamenti, fra precetti e divieti. Li avevano suddivisi minuziosamente in: 248 precetti positivi (cioè azioni da compiere, tante quante le ossa del corpo umano), e in 365 precetti negativi (azioni da evitare, tante quante i giorni dell’anno). Bisognava osservarli tutti, anche se alcuni precetti erano considerati gravi ed altri leggeri. Le donne – non si capisce bene perché – erano dispensate dai 248 precetti positivi. Era difficile impararli tutti e ancor più osservarli. Nell’intento di una semplificazione, alcune scuole rabbiniche discutevano pedantemente quali fossero i precetti più importanti: per alcuni, il comandamento di ‘non avere altri dei’; per altri, l’osservanza del sabato; altri si affidavano all’opinione del maestro Hillel: “Ciò che non desideri per te, non farlo al tuo prossimo; questa è tutta la legge, il resto è solo commento”.
Al primo comandamento Gesù ne aggiunge un secondo traendolo da Levitico (19,18): “Amerai il prossimo tuo come te stesso”. Gesù collega i due comandamenti mettendoli allo stesso piano, perché l’amore di Dio ha bisogno di una prova di autenticità e questa è l’amore del prossimo. Giovanni osserverà: “Se uno dice: Io amo Dio, ma odio il fratello è un bugiardo; perché chi non ama il fratello che vede, come può amare Dio che non vede”. “Noi abbiamo ricevuto da lui questo precetto: chi ama Dio, ami anche il fratello” (1 Gv 4, 20-21).
Nell’Antico Testamento c’erano due grandi tradizioni: una che attraverso il culto si arrivava a Dio (l’amore a Dio passa attraverso la preghiera), l’altra, quella dei profeti, che solo attraverso l’amore per l’uomo si arrivava a Dio (l’amore a Dio passa per l’incontro con il prossimo). Gesù si mette in sintonia con questa seconda corrente, con i grandi profeti dell’Antico Testamento: “Voglio la misericordia e non il sacrificio” (Os 6,6; Mt 9,13; 12,7).
Vorrei chiarire una cosa. Quando Dio diceva al suo popolo “Ascolta”, sembra quasi che, di conseguenza, dovesse obbedire. Ascolta, quindi obbedisci. Tanto più che tra i due verbi, ascoltare e obbedire, c’è una certa parentela. Obbedire deriva da “ob-audire”: prestare ascolto dinanzi a una persona che parla.
La parola amore, intesa come Dio l’intende, trasforma l’obbedienza in una questione di cuore, così come la Bibbia l’intende. Certo, anche Gesù usa la parola “comandamento”, come se si trattasse di un ordine. Ma c’è un aggettivo che è essenziale: “nuovo”. C’è qualcosa di sorprendente, di rivoluzionario. Il comando di Cristo chiede tutto il nostro essere: lo coinvolge. “Amerai il Signore Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Bastava dire: con tutto il tuo cuore. Ma Gesù insiste nell’aggiungere anche: con tutta la tua mente.
Padre Ermes Ronchi commenta: «Che cosa c’è al centro della fede? Ciò che più di ogni cosa dona felicità all’uomo: amare. Non obbedire a regole né celebrare riti, ma semplicemente, meravigliosamente: amare. Gesù non aggiunge nulla di nuovo rispetto alla legge antica: il primo e il secondo comandamento sono già nel Libro sacro. Eppure il suo è un comando nuovo. La novità sta nel fatto che le due parole fanno insieme una sola parola, l’unico comandamento. L’averli separati è l’origine dei nostri mali…
Amare “è tenere con tenerezza e passione Dio e l’uomo dentro di sé: se uno ama, l’altro è come se dimorasse dentro di lui” (A. Casati)… Ma amare che cosa? Amare l’Amore stesso. Se amo Dio, amo ciò che lui è: vita, compassione, perdono, bellezza. Amerò ogni briciola di cosa bella che scoprirò vicino a me, un atto di coraggio, un abbraccio rassicurante, un’intuizione illuminante, un angolo di armonia. Amerò ciò che Lui più ama: l’uomo, di cui è orgoglioso.
Ma amare come? Mettendosi in gioco interamente, cuore, mente, anima, forza. Gesù sa che fare questo è già la guarigione dell’uomo. Perché chi ama così ritrova l’unità di se stesso, la sua pienezza felice…
Ama il tuo prossimo come te stesso. Quasi un terzo comandamento: ama anche te stesso, insieme a Dio e al prossimo. Come per te ami libertà e giustizia così le amerai anche per tuo fratello, sono le orme di Dio. Come per te desideri amicizia e dignità, e vuoi che fioriscano talenti e germogli di luce, questo vorrai anche per il tuo prossimo. Ama questa polifonia della vita, e farai risplendere l’immagine di Lui che è dentro di te. Perché l’amore trasforma, ognuno diventa ciò che ama. Se Lo amerai, sarai simile a Lui, cioè creatore di vita, perché “Dio non fa altro che questo, tutto il giorno: sta sul lettuccio della partoriente e genera” (M. Eckhart). Amerai, perché l’amore genera vita sul mondo».

2 Commenti

  1. il pompiere ha detto:

    don Giorgio questo non è un mess. destinato alla pubblicazione. oscuri il nr di cell del mess precedente altrimenti potrebbe mettere lo scrivente ne mirino di qualche mal intenzionato

  2. GIUSEPPE MANZONI ha detto:

    BUNA SERA DON GIORGIO
    SONO UN SUO PAROCCHIANO DI Dolzago , da quando vengo alle
    sue messe , ho ritrovato finalmente la voglia di ascoltare
    la parola DI DIO .
    NON LE SOLITE PREDICHE , SENZA NE CAPO NE CODA , MA LA SUA BRAVURA , NEL SPIEGARE , CHIARO , DIRETTO ,PRECISO ,
    MOLTO esplicito , mi ha fatto capire tanto , mi si è aperto un mondo , che il buon DIO LA CONSERVI A LUNGO,
    LUCIDO , E SFERZANTE .
    AVREI IL PIACERE DI INCONTRARLA DI PERSONA , PER SCAMBIARE DUE PAROLE CON LEI , E CHIDERLE DUE CONSIGLI
    RIGUARDANTE UN FGLIO , SE NON E TROPO IMPNGNO
    LA RINRAZIO MOLTO , PER ME E STATA UNA FORTUNA AVERLA
    COPNOSCIUTA .GIUSEPPE MANZONI MI PERDONI IL MIO MODO DI ESPORMI , CHE CERTAMENTE E LONTANO HANNI LUICE , DAL SUO MODO DI SCRIVERE

    BUONA SERATA

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi