Omelie 2018 di don Giorgio: PRIMA DOPO LA DEDICAZIONE

28 ottobre 2018: PRIMA DOPO LA DEDICAZIONE
At 8,26-39; 1Tm 2,1-5; Mc 16,14b-20
La primitiva comunità cristiana: difficoltà di convivenze
Prima di commentare il primo brano, è doverosa una premessa. Talora si è portati a pensare che la primitiva comunità cristiana fosse del tutto omogenea, compatta, un gruppo di credenti impeccabili. Fin dagli albori ci furono luci ed ombre. Ma la cosa su cui vorrei brevemente soffermarmi è la composizione eterogenea dei primi cristiani. C’erano i convertiti dall’ebraismo, e tra questi coloro che vivevano all’esterno della Palestina, quelli della “diaspora”, quindi più aperti al mondo greco: i cosiddetti “ellenisti”. E c’erano i convertiti dal paganesimo che, con il passare degli anni, diventeranno la maggioranza. Anche gli stessi pagani provenivano da regioni e culture diverse.
Quindi, già da questa sommaria descrizione  potete capire quanto fosse difficile convivere tra ex ebrei e ex pagani, perché ognuno aveva una differente mentalità culturale e una diversa visuale religiosa. E non si deve dimenticare che gli apostoli erano ebrei che, avendo rinunciato alla loro fede originaria, erano sottoposti a persecuzioni da parte delle autorità ebraiche. Ma, nello stesso tempo, il cristianesimo portava in sé delle novità che non si conciliavano con il mondo pagano, in particolare con l’Impero romano.
Le prime difficoltà, dunque, nacquero da incomprensioni, da difficili convivenze, e gli apostoli dovettero, con fatica, risolverle, anche con discussioni vivaci: c’erano posizioni tradizionaliste e c’erano posizioni progressiste.
Basterebbe pensare al primo concilio di Gerusalemme del 49 d.C, quindi a vent’anni circa dalla morte e risurrezione di Cristo. Si arrivò a un compromesso, che ben presto cadrà con l’evolversi del cristianesimo.
Una prima considerazione
E qui vorrei già fare una prima applicazione al mondo attuale. I grandi statisti del passato (e dire statista è già dire tutto) – basterebbe pensare, restando in Italia, a De Gasperi, Nenni, Togliatti e altri – quando c’erano emergenze nazionali o internazionali, si mettevano attorno a un tavolo, discutevano e, pur con le loro visuali politiche differenti, cercavano la migliore soluzione, sempre in vista del bene comune. Forse perché provenivano da una tragica esperienza di guerra che li aveva visti uniti nella lotta contro il fascismo e il nazismo. Con il passare degli anni, la Politica si è persa tra le meschinità di politicanti che pensavano solo al bene del loro partito, litigando anche nelle emergenze, con lo scopo di portare a casa qualche voto in più.
E oggi? Siamo al colmo della pazzia: non si fa altro, da parte di qualche politicante (stiamo attenti a usare la parola “Politica”, che ha qualcosa di sacro!), che non fa altro che speculare sul fenomeno drammatico della migrazione dei popoli, che, essendo particolarmente complesso, richiederebbe una sinergia di intenti da parte di ogni forza politica, e invece assistiamo ad una vergognosa talora criminale chiusura che comporterà inevitabilmente la distruzione della democrazia, se è vero che la Democrazia è anzitutto il rispetto dei diritti dei più deboli.
Ecco il mio sogno: che si arrivi, Europa compresa e inclusa la stessa Chiesa, ad un grande sforzo di collaborazione delle forze migliori in campo, perché si trovi una soluzione in vista del bene universale, al di là dei propri interessi nazionali o altro. Ci si deve mettere tutti attorno a un tavolo, e discutere, discutere, discutere, ma sempre in vista del meglio per l’Umanità.
Pregare per i governanti
Qui vorrei agganciarmi alle parole di San Paolo (secondo brano della Messa), che invita i primi cristiani a elevare «domande, suppliche, preghiere e ringraziamenti per tutti gli uomini, per i re e per tutti quelli che stanno al potere, perché possiamo condurre una vita calma e tranquilla, dignitosa e dedicata a Dio. Questa è cosa bella e gradita al cospetto di Dio, nostro salvatore, il quale vuole che tutti gli uomini siano salvati e giungano alla conoscenza della verità».
Sappiamo quanto ai primi cristiani importasse pregare anche per i governanti, perché la grazia di Dio infondesse in loro saggezza, equilibrio, intelligenza in vista del bene migliore per i loro sudditi. Nelle nostre preghiere dei fedeli non dovrebbe mai mancare, soprattutto oggi, una invocazione particolare perché illumini questi nostri governanti, anche se non  credo che lo stesso Dio possa far qualcosa, quando non si ha più la testa per pensare.
Filippo e il funzionario etiope 
Tornando ai problemi reali e talora complessi già presenti nella primitiva comunità cristiana, uno di questi riguardava l’assistenza ai poveri, ovvero: come organizzare i pasti comuni, cioè la distribuzione quotidiana di vitto e sussidi, del resto giù in uso nelle comunità giudaiche, a favore dei più bisognosi.
Gli apostoli ritennero che fosse giunto il momento di distribuire gli incarichi in modo più specifico. Agli apostoli rimase soprattutto di compito di predicare la parola di Dio e guidare le preghiere comunitarie, in particolare la “frazione del pane”, cioè l’eucaristia. Per le attività più concrete, inerenti alla carità, si scelsero sette uomini, “di buona reputazione, pieni di Spirito e di saggezza. Di questi sette “diaconi” si distinsero Stefano e Filippo, ma anche per la loro predicazione. Ecco il problema: alcuni diaconi seppero unire al loro dovere di assistere i poveri con la predicazione, testimoniando così che non solo era possibile questo connubio (carità e parola di Dio), ma doveroso.
Un’altra brevissima osservazione
Vorrei far notare come un gesto di carità, anche se è originato da un bisogno fisico (se uno muore di fame bisogna anzitutto nutrirlo), non basta: anche i poveri vanno nutriti di qualcosa che riguarda il loro spirito interiore. Ed è qui, per me, il grave errore di un certo assistenzialismo nel campo caritativo, ed è per questo che stiamo oggi pagando drammatiche conseguenze.
Non basta, dunque, dare qualcosa di materiale a chi ne ha bisogno, e neppure dire: quando i poveri avranno il minimo necessario per vivere, allora penseremo al loro essere più profondo. Quando avranno tutto ciò che potrà renderli felici, si saranno già dimenticati dei valori del loro spirito. Qui il discorso si farebbe lungo e complesso. In ogni caso, bisogna aiutare i poveri, ma anche proteggerli dalla cultura della morte, rappresentata soprattutto dalla cultura occidentale, oramai ancorata all’avere più egoista.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi