Omelie 2020 di don Giorgio: QUINTA DI QUARESIMA

29 marzo 2020: QUINTA DI QUARESIMA
Es 14,15-31; Ef 2,4-10; Gv 11,1-53
Luce e vita, verità e libertà nel Vangelo di Giovanni
Se con il miracolo del cieco nato Giovanni sviluppa il tema della luce (passando dalla vista esteriore a quella interiore), con il miracolo di Lazzaro che esce dalla tomba il quarto evangelista sviluppa il tema della vita (passando dalla vita temporale a quella eterna).
Luce e vita che, insieme ad altre due tematiche, verità e libertà, costituiscono l’essenza della nostra interiorità.
Giovanni magistralmente tratta i quattro temi sottolineando la loro stretta interdipendenza: la libertà proviene dalla verità, la vita dalla luce. Tuttavia, l’evangelista non affronta questi temi né dal punto di vista scientifico né dal punto di vista strettamente teologico. Nel campo scientifico ci sono ancora divergenze di vedute: la luce proviene dalla vita o viceversa? Sembra tuttavia più accreditata la teoria della luce come fonte di vita. Nel campo biblico prevale la verità come fonte della libertà.
A parte questo che meriterebbe tuttavia una approfondita riflessione, tra l’altro bella e stimolante, vorrei soffermarmi sul brano di Giovanni che, al di là della scienza, affronta il tema della vita secondo una concezione altamente mistica. E non farebbe male alla scienza che si facesse talora affascinare dalla luce della Mistica. Tra parentesi, pensate alla priorità che ha in Eckhart l’intelletto divino, che è luce infinita.
Il racconto di Giovanni
Vediamo anzitutto come si svolge il racconto di Giovanni, anch’esso ricco di particolari interessanti, che ci aiutano a cogliere il nocciolo o l’essenzialità del miracolo, visto come “segno” di qualcosa di profondo, al di là del fatto apparentemente strepitoso del ritorno in vita (quella fisica) dell’amico Lazzaro.
Il racconto della risurrezione di Lazzaro viene descritto in modo del tutto diverso dal racconto del cieco nato.
Al cieco nato viene prima restituita la vista fisica, e alla fine riceve il dono della vista spirituale, quella della fede. Tra i due momenti, appena nascono le polemiche attorno alla legge del sabato, Gesù scompare dalla scena, lasciando il cieco guarito a difendersi dalle accuse. Gesù dunque lo vediamo all’inizio quando ridà la vista fisica al cieco, e alla fine quando gli dà il dono della fede, gli occhi dello Spirito.
Il racconto del miracolo di Lazzaro è svolto da Giovanni in un modo differente, all’opposto. Gesù restituisce la vita fisica a Lazzaro alla fine, dopo una lunga premessa, con polemiche varie da parte dei discepoli, degli ebrei e perfino delle sue sorelle del defunto, Marta e Maria.
Il cieco è nato così dalla nascita, Lazzaro è nato per vivere, e poi muore, come se la morte fosse stata la conseguenza di una malattia, lasciata quasi di proposito a degenerare nella morte. Gesù non è intervenuto prima (e lo avrebbe potuto fare), ma ha lasciato morire Lazzaro. Perché?
Vorrei dire di più. Mentre nel racconto del cieco dalla nascita, il centro di attenzione è il cieco stesso, prima guarito, poi costretto a difendersi e a difendere Gesù, infine, buttato fuori dalla sinagoga, rivede Gesù che gli dà il dono della vista spirituale, nel racconto della risurrezione di Lazzaro, Lazzaro ha quasi nessuna importanza, se non perché è amico di Gesù, ma tale amicizia serve a Gesù a fare una delle più altre affermazioni sulla vita.
In altre parole, il cuore del racconto di Giovanni non sta nel miracolo in sé (Lazzaro torna a vivere sulla terra), ma nelle parole di Gesù alla sorella Marta: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno».
Sì, in queste parole sta il nocciolo, l’essenzialità del messaggio, diciamo il “segno” del racconto di Giovanni.
Non mi accontento del significato che alcuni critici hanno dato alla risurrezione di Lazzaro: come un gesto profetico in riferimento alla morte e risurrezione del Cristo. Come se Cristo avesse avvertito: come Lazzaro è risorto, così anch’io risorgerò.
Credo che questo modo di vedere il segno del miracolo troppo riduttivo. Invece il “segno”, lo ripeto, sta nelle parole di Gesù: “Io sono la risurrezione e la vita”. Lazzaro fa da sfondo, anche il miracolo del suo ritorno vivo su questa terra.
Io sono la risurrezione e la vita
Ora si tratta di approfondire le parole “Io sono la risurrezione e la vita”.
Noi sappiamo che, soprattutto nel Vangelo di Giovanni, le parole “Io sono” hanno un significato veramente forte, tanto forte da far tremare i presenti che le ascoltano. Ricordiamo l’episodio dell’orto degli ulivi. Quando Gesù a coloro che erano venuti per arrestarlo chiede: “Chi cercate?”, essi rispondono: “Gesù il Nazareno!”. E Gesù risponde: “Io sono”. A quelle parole, tutti indietreggiano e cadono in terra. Nel Vangelo di Giovanni troviamo altre sei volte in cui Gesù pronuncia le parole: “Io sono”. In sintesi: “Io sono il pane della vita”, “Io sono la luce del mondo”, “Io sono la porta delle pecore”, “Io sono il buon pastore”, “Io sono la via, la verità e la vita”, “Io sono la vera vite”, infine, “Io sono la risurrezione e la vita”.
Non dimentichiamo che l’espressione “Io sono” risale alla rivelazione che Mosè ha avuto sul monte Sinai. Alla domanda di Mosè: «Qual è il tuo nome?», Dio risponde: «Io sono colui che sono». Poi dice: «Dirai così ai figli d’Israele: “l’IO SONO mi ha mandato da voi”».
Perché ho detto questo? Per farvi capire l’importanza anche dell’affermazione “Io sono la risurrezione e la vita”.
Quando il Figlio di Dio dice: “Io sono”, usa il verbo “essere” al presente. Non dice “Io sarò o sono stato”. Sta qui la Novità divina. Sta qui il messaggio autentico del racconto del miracolo di Lazzaro. Sta qui il cuore della Mistica. D’altronde, senza entrare nel difficile, l’essere è al presente, sempre al presente. Dio “è”.
In quel “Dio è” c’è tutto, c’è il Tutto divino. Anche qui attenzione: un conto è dire “io sono la porta”, “io sono il pane della vita”, “io sono la vera vite”, “io sono il buon pastore”, che, come tutti possono capire, è in riferimento al Gesù di Nazaret, al Cristo storico. Dire “Io sono la via, la verità e la vita” è in riferimento al Figlio di Dio, così dire “Io sono la risurrezione e la vita”. Qui Gesù non si riferisce al fatto che lui poi risorgerà. Si entra nel cuore stesso del Mistero divino.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi