“Il 5 luglio scendiamo in piazza per gli Stati Popolari. Insieme contro i virus della politica”

da L’Espresso
L’APPELLO

“Il 5 luglio

scendiamo in piazza per gli Stati Popolari.

Insieme contro i virus della politica”

L’individualismo sfrenato, la debolezza del pensiero, la disarticolazione sociale, la gestione egoistica del potere: sono questi i mali che adesso dobbiamo affrontare. E serve mobilitarsi ora per combatterli
di ABOUBAKAR SOUMAHORO
26 giugno 2020
Per potersi proiettare nel futuro è necessario disporre di un minimo di sicurezza nel presente. Quindi trattare senza ingenuità e come un individuo una persona in difficoltà significa mettere a sua disposizione quei supporti che gli mancano per essere un individuo a pieno titolo e che garantiscano le condizioni della sua indipendenza», scrisse Robert Castel parlando di disuguaglianza e insicurezza sociale.
Una delle azioni prioritarie che dovremo collettivamente implementare, in questa fase di ricostruzione del post confinamento, è la ricostituzione delle difese immunitarie della nostra comunità umana. A questo riguardo, dovremo avere l’audacia di ideare nuove forme di solidarietà per combattere le crescenti disuguaglianze. Per fare ciò, occorrerà innanzitutto debellare alcuni virus nocivi che indeboliscono il nostro sistema sociale, come ad esempio: la burocrazia politica della gestione del potere, la disarticolazione sociale, la debolezza di pensiero, la labilità di convinzione e gli individualismi.
Relativamente agli individualismi, la nostra odierna società sembra essere formata da una convivenza parallela degli “io” spesso incapaci di entrare in empatia con gli altri. In questa nuova fase di ricostruzione, occorrerà probabilmente creare una nuova cultura collettivistica in cui l’attenzione è rivolta alla comunità e alla convergenza degli “io” verso una prospettiva di una felicità collettiva. In questo spirito, l’io dovrà essere generosamente messo al servizio del bene comune.
Circa la debolezza di pensiero e la labilità di convinzione, occorre sottolineare che l’avvento dei social media ha caricato gli “io” di un’ulteriore fragilità, ovvero li ha esposti a una continua necessità di consenso, di approvazione e di ammirazione misurabile istantaneamente attraverso lo strumento dei “like”. Purtroppo, la soddisfazione di questa necessità passa attraverso l’indefinitezza, la malleabilità e la plasmabilità del credo. A questo riguardo, la debolezza di pensiero e la labilità di convinzione diventano alleati importanti per intercettare i desiderata e il sentire comune. In questa nuova fase di ricostruzione, occorrerà molto probabilmente avere l’audacia di seguire tenacemente ideali alti per il bene di tutti invece di inseguire disordinatamente l’effimero consenso dell’io.
Riguardo alla disarticolazione sociale, occorre rammentare che negli ultimi anni i piromani della politica hanno basato il loro consenso elettorale sulla contrapposizione sociale e sull’esaltazione di una parte della popolazione rispetto agli altri. La politica del “prima gli italiani” è sicuramente l’emblema di questo smembramento sociale. L’unica alternativa credibile a questa politica incendiaria è quella di sfuggire alla tentazione della contrapposizione, di creare coesione sociale attorno ai bisogni comuni e di unire le diverse forme di invisibilità in una lotta unitaria. Per questo, la sfida di questa nuova fase di ricostruzione è quella di assemblare ciò che è stato smembrato, di articolare ciò che è stato disarticolato e di unire ciò che è stato disunito.
Per ciò che riguarda la burocrazia politica della gestione del potere, bisogna ricordare che la distanza fisica ed emotiva tra il palazzo e la piazza, tra la politica e il popolo è aumentata. La politica, sempre più svincolata dalla realtà ed asserragliata nel palazzo, ha perso la capacità di ascoltare con empatia umana immedesimandosi nei dolori, nelle sofferenze, nelle disperazioni, nelle aspirazioni, nelle speranze, nei desideri e nei sogni della massa popolare. In questa fase di ricostruzione, la politica dovrà avere l’audacia di ritornare nella realtà del popolo e di rendere il palazzo permeabile alle richieste delle persone per la tenuta della nostra democrazia e dell’intero edificio politico-sociale.
A questo riguardo, la politica non perda l’occasione di ascoltare la voce inascoltata delle tante donne e dei tanti uomini (con diverse forme di invisibilità ed esclusi dagli Stati Generali) che si susseguiranno sul palco degli Stati Popolari che si terranno dalle ore 14 in Piazza San Giovanni, a Roma, il 5 luglio 2020. In questo appuntamento, i lavoratori della terra, i rider, i lavoratori manuali e cognitivi, i lavoratori della cultura e dell’informazione, i titolari di partita Iva, i pensionati, i disoccupati, i senza casa, gli studenti, i lavoratori della scuola e dell’università, i ricercatori, le nuove generazioni, i movimenti per la tutela e la salvaguardia dell’ambiente, i movimenti antirazzista ed antisessista, il movimento Lgbt e tante altre realtà diverse si uniranno per la prima volta, facendo convergere le loro lotte, al fine di portare un reale cambiamento e di trasformare i propri sogni in realtà. La politica non perda questa inedita opportunità per sintonizzarsi con il paese reale perché se vogliamo lottare contro le disuguaglianze e l’insicurezza, non bastano solo le risorse materiali, peraltro fondamentali, ma è altrettanto necessario la dimensione immateriale che consiste nella condivisione delle sofferenze e dei desideri. Bisognerà ripartire dalla lotta «alla disuguaglianza e all’insicurezza sociale» proprio come sosteneva Robert Castel.

2 Commenti

  1. antonio ha detto:

    Il capitalismo ha sporcato mani e coscienze di una fetta abnorme di popolazione mondiale, distruggendo ogni istanza etica e morale nei cuori e nelle pratiche quotidiane di centinaia di milioni di individui…

    Centinaia di milioni di individui nemici segreti di ogni diritto umano pagati in ghiande, pitbull che digrignano i denti contro chiunque osi solo criticare il consumismo satanista… figuriamoci se qualcuno provasse a fargli restituire quanto dovuto e rapinato ai poveri, ma pure solo gli chiedesse di accontentarsi del penultimo modello di cellulare sfornato dalle multinazionali…

    Questo è l’esercito di nemici dell’umanità più grande della storia umana. Questo è stato e questo è il capitalismo satanista, per questo un capitalista libero di operare, un capitalista vivo… è un problema più grande e urgente di un terrorista con una bomba atomica nella cintura pronto ad immolarsi in una megalopoli…

    Chi va a dire alla famigliola da primo banco in chiesa, con mamma catechista e papà donatore… che affittare la casa al mare in nero è rubare il tetto al prossimo? Chi li costringe a non rubare e a restituire quanto rubato nei decenni? Il prete non lo fa perché non crede in Dio e la rata per l’ennesimo lavoro edile utile all’oratorio canterino e ballerino ‘Saranno Famosi’ è da saldare entro fine mese; Il tecnico comunale non lo fa altrimenti qualcuno in anonimo segnala l’abuso edilizio di suo figlio e gli annunci di sua figlia in chiaro sui portali vacanze; l’assessore ha da pagarsi villino, macchinina e escort, il sindaco deve dare conto ai suoi sponsor , che già brindano ai futuri appalti; le forze dell’ordine locali inseguono i teli mare dei vu’ cumprà per non disturbare le attività di piccoli proprietari, piccoli e medi imprenditori locali…

    E stiamo parlando di ladri di polli…

    No, il materialismo satanista per logica può finire solo nel sangue, in una guerra civile globale di tutti contro tutti…

  2. Palumbo Bartolomeo ha detto:

    Poter realizzare gli obbiettivi esposti in quest’articolo è un sogno.Speriamo che possa diventare una realtà!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi