Omelie 2018 di don Giorgio: DECIMA DOPO PENTECOSTE

29 luglio 2018: DECIMA DOPO PENTECOSTE
1Re 7,51-8,14; 2Cor 6,14-7,1; Mt 21,12-16
L’esistenza e gli estremi
Credo che la cosa più difficile consista nel conciliare gli estremi, e che, di conseguenza, la cosa più sbagliata consista nel risolvere le difficoltà eliminando uno degli estremi.
Diciamo subito che una vita autentica è contraddistinta dagli estremi: vita e morte, gioia e dolore, giustizia e ingiustizia, pace e violenza, verità e menzogna, ecc.
La gente vorrebbe cercare la via dell’equilibrismo, che consiste nel saper moderare gli estremi, attutirne le punte, e in tal modo trovare una specie di moderatismo o di pace nell’anima così da convivere senza patire troppo, per cui non si è né del tutto vivi né del tutto morti, né contenti né infelici, né pacifici né violenti. Ecco la virtù dell’equilibrista.
Il Vangelo, Cristo e gli estremi
Anche nei Vangeli troviamo gli estremi. Anzi, nei testi più sacri della Bibbia, anche per il loro caratteristico linguaggio semitico, amante dei paradossi, troviamo frasi ed episodi che sembrano evidenziare un Cristo fortemente problematico, per nulla equilibrista.
Troviamo da una parte parole come queste: «Imparate da me che sono mite e umile di cuore» (Mt 11,29), e, dall’altra, queste altre parole: «Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare pace, ma una spada» (Mt 10,34).
Troviamo pagine che presentano un Gesù poeta e mistico, e pagine che presentano un Cristo violento. In Gesù troviamo un misto di adulatore delle folle e di sprezzante quasi sadico contestatore dell’ebraismo e dei suoi più rispettabili rappresentanti.
Sembra che la dolcezza e la misericordia del Padre (non dimentichiamo le belle parabole di Luca) si accompagnino con la veemenza del Battista.
Non c’è solo l’episodio del brano di oggi a creare qualche problema agli innamorati pazzi della dolcezza del Sacro Cuore di Gesù. Non dimentichiamo che Giovanni, il più mistico tra i quattro, ha presentato il suo Vangelo come un continuo implacabile processo contro Gesù, e che già nel Prologo, l’inno più elevato presente nella Bibbia, sono anticipati i temi che voi verranno sviluppati nel quarto Vangelo: si tratta di contrasti tra la vita e la morte, tra la luce e le tenebre. E che dire poi delle dure diatribe tra Cristo e gli scribi e farisei?
Nel quarto Vangelo ci sono pagine così violente da metterci in difficoltà, quando le leggiamo e soprattutto quando noi preti dobbiamo spiegarle ai fedeli.
Del resto, l’episodio di oggi, mentre i tre sinottici (Matteo, Marco e Luca) lo pongono verso la fine della vita di Cristo, e ciò potrebbe anche giustificarlo in parte a causa della tensione anche psicologica a cui era stato sottoposto Gesù, invece l’evangelista Giovanni lo presenta all’inizio del suo Vangelo, capitolo 2, subito dopo il miracolo di Cana. E questo è molto significativo: Gesù, fin dall’inizio, fa capire che non scherza, e che è lucidissimo, pronto ad affrontare le ire dei capi ebrei.
Ma c’è un’altra cosa da sottolineare. Sempre Giovanni il mistico aggiunge un particolare che non è secondario: mentre i tre sinottici si limitano a dire che Gesù ha rovesciato i tavoli dei cambiamonete e le sedie dei venditori di colombe, l’autore del quarto Vangelo  scrive testualmente: Gesù «allora fece una frustra di cordicelle e scacciò tutti fuori dal tempio».
Immaginiamo Cristo che si prepara una frustra, per poi usarla contro i dissacratori del tempio. E immaginiamo anche la scena che Gesù aveva davanti a sé. Succedeva che il cortile del Tempio, detto dei Gentili (o dei pagani), soprattutto nelle vicinanze delle maggiori festività religiose, ad esempio la Pasqua, diventasse una specie di mercato, dove si cambiavano le monete pagane in monete sacre e si acquistavano e si vendevano animali per il sacrificio. Una baraonda di affaristi senza scrupoli e di gente che urlava.
Ecco, Cristo vuole dare subito, secondo il Vangelo di Giovanni, un gesto forte, senza equivoci, altamente profetico: vuole far capire che cos’è il vero tempio di Dio: una casa  senza sangue di innocenti animali e senza la profanazione del dio denaro.
Perché Gesù se la prendeva così tanto?
Perché Gesù talora era così duro e violento? Forse perché anche lui aveva un caratteraccio, era un istintivo che non si controllava? Era un collerico?
Ripeto: non si è trattato solo di qualche gesto, narrato qua e là dai Vangeli. Era nella sua stessa natura di Verbo incarnato prendersela, quando aveva a che fare con alcune situazioni o con alcune mentalità.
Che cosa in realtà Gesù non sopportava?
Non sopportava anzitutto l’ipocrisia. Presso gli antichi greci l’ipocrita era l’attore che, per rappresentare diverse parti, doveva usare diverse maschere. Da qui la parola “finzione”. La parola “ipocrita” passerà a indicare, dunque, l’atteggiamento di chi finge nella vita. C’è una famosa pagina del Vangelo (Matteo 23) in cui Cristo si scaglia contro gli scribi e i farisei definendoli “ipocriti”: una delle parole più dure in bocca a Gesù Cristo. Una parola da leggere e rileggere, quando qualcuno ci accusa di essere troppo duri contro le ipocrisie dei politici e degli uomini di Chiesa. E smettiamola di dire che non bisogna offendere la “persona”. Non penso che Cristo avesse di mira offendere la persona, ma i suoi atteggiamenti, i suoi comportamenti, le sue ideologie.
Ma c’è un’altra ragione per cui Cristo si arrabbiava e si scagliava anche violentemente contro certi atteggiamenti o modi di testimoniare la fede e la morale. Era quando egli vedeva che non si avevano idee chiare sulla verità e la libertà. Famoso l’incontro/scontro tra Gesù e alcuni giudei, tra l’altro credenti in lui, narrato da Giovanni al capitolo 8. Volano parole grosse, tra cui: tu sei “indemoniato”, e alla fine quegli ebrei prendono le pietre per ucciderlo.
E, tornando al tempio, che Gesù non solo vuole purificare dai ladri, dai mercanti, dagli affaristi, dal sangue di innocenti agnelli, ma ne profetizza la distruzione materiale, perché nel tempio ebraico era rimasto il vuoto, solo un idolo manufatto umano, non possiamo dimenticare le parole di San Paolo nel secondo brano di oggi: “Noi siamo, infatti, il tempio del Dio vivente”.
Qui sta il segreto della dura lotta di Cristo: egli era venuto per dire, appunto, che noi siamo il tempio di Dio, non solo nel corpo, quanto nello spirito del nostro essere.
Certo, anche il nostro corpo va rispettato, ma il Divino abita dentro di noi, nel nostro essere più interiore, nel fondo dell’anima.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi