MORTE ALLE TENEBRE

 

MORTE ALLE TENEBRE

Da qualche anno a questa parte, quando mi si chiede in che modo la nostra società consideri quella fetta di popolazione che si ritrova sotto la sigla LGBTQI (gay, bisex, lesbica, trans, queer, intersex), rispondo sempre alla stessa maniera: “Rispetto a periodi precedenti, sono stati compiuti spaventosi passi all’indietro, le cose sono molto peggiorate.”

Queste parole vengono invariabilmente accolte con grande stupore, dal momento che si è abituati a pensare che il trascorrere del tempo e il miglioramento delle condizioni di vita di tutti vadano di pari passo.

Non è così, e non solo per la questione di cui sto trattando e che mi tocca in prima persona. Non è così, perché manca un’analisi seria e approfondita degli squallidi e tristi tempi che stiamo subendo, prima ancora che vivendo.

Pochissimi giorni fa si è consumato a Roma l’ennesimo dramma di matrice omotransfobica: un ragazzo omosessuale di 21 anni si è suicidato gettandosi dall’undicesimo piano del palazzo in cui viveva.

Il richiamo alle vessazioni omofobe subite è stavolta esplicito, inequivocabile, non lascia spazio ad alcuna fantasiosa o ambigua interpretazione: nel biglietto lasciato sul tavolo prima di compiere il gesto, il giovane ha scritto chiaramente che si toglieva la vita perché non riusciva più a tollerare il disprezzo con cui veniva considerato il proprio orientamento sessuale.

Ebbene, sembra davvero che queste parole incontrovertibili non abbiano alcun peso nei commenti dei giorni successivi; ne ho sentiti e letti alcuni che mi hanno lasciata sgomenta. La tendenza generale è quella di minimizzare, andando così ad infangare la sofferenza e la memoria del ragazzo che si è tolto la vita, in modo da mettere in guardia chi volesse servirsi di certi messaggi allo scopo di seminare tarli nel lobotomico vivere dei buoni e dei giusti: “Ma che c’entra l’omofobia? Chissà quali altri problemi avrà avuto!”

L’alienante pseudocultura defecata tutti i giorni dagli schermi televisivi e la caduta progressiva e inesorabile nel gorgo della tecnologia contribuiscono a mantenere gli individui ben distanti da quelle intime sedi in cui ciascuno dovrebbe cercare di coltivare la propria coscienza, i sentimenti, l’intelletto.

E così hanno origine la freddezza, l’insensibilità, l’idiozia, l’idiozia di chi, per esempio, non ha nulla da eccepire se un manipolo di fascisti organizza un tragico presidio per dire “sì all’omofobia”.

“Siamo in democrazia,” sostengono le istituzioni che tutelano lo svolgimento di simili aberranti manifestazioni di odio, “tutti hanno diritto di esprimersi.”

Ecco l’orrore: la legge lascia la possibilità a soggetti mentalmente inesistenti di vomitare la propria abominevole opinione, di calpestare la vita di altri e altre.

Questo avviene perché c’è un tessuto sociale che lascia fare, un tessuto sociale che sotto sotto è completamente indifferente a determinate questioni: se non fosse così, non ci sarebbero assurde battaglie per difendere il “diritto ad essere omofobi.” (avete letto bene: “il diritto ad essere omofobi.” Alcuni personaggi hanno pure promosso delle petizioni per salvaguardare tale diritto…)

La discriminazione si annida nei contesti più impensabili e, da un po’ di tempo, le cose sono cambiate in modo schifoso anche per me. Tanta gente del cazzo non ha più freni, vede il pupazzo e infierisce…

La società, questa società, le sta piano piano facendo capire che in fondo non è così grave offendere altre persone, che lo si può fare se queste persone sono diverse da te.

Ecco il triste messaggio che oggi, molto più di ieri, sta passando: e c’è della ferocia in tutto questo, una violenza cieca che sfocia in una risata ripugnante e in uno sguardo che rivela il nulla.

Un gay o una lesbica amano una persona del loro stesso genere: la società punta a porre in rilievo il complemento oggetto di questa proposizione, non il predicato verbale. Mentre invece è intorno a quest’ultimo che ruota la questione, sul verbo “amare”. Ma i moti del cuore, si sa, oggi non contano più nulla; vengono tuttavia sbandierati solo quando c’è da difendere la famiglia tradizionale, naturale, quella sana, quella giusta, quella formata da uomini e donne senza tante stranezze per la testa…

Mi dispiace per tutti coloro che magari avranno modo di storcere il naso e lamentarsi per la crudezza dei miei pensieri, ma la realtà è purtroppo questa: e io non posso permettermi di non guardare questo volto orribile.

Non c’è niente da fare: quando si è esseri inferiori, si è esseri inferiori. In ogni parte del mondo c’è sempre una nutrita schiera di sgherri dell’ordine precostituito che mira a umiliare, distruggere…

Pensate, proprio qualche sera fa un tale, uno sconosciuto, ha attraversato una strada solo per venirmi a chiedere cosa avessi fra le gambe. L’ha fatto come se fosse la cosa più normale del mondo da chiedere, non era ubriaco, non aveva cinque anni, non stava scherzando; era un ragazzo come tanti che stava trascorrendo una serata in compagnia di amici dopo una giornata di lavoro. Ed è proprio questo che mi ha lasciata attonita, allibita, completamente disarmata dinanzi a una simile ingenua idiozia.

I peti che fuoriescono da certe bocche, le violenze che vengono perpetrate ai danni delle persone cosiddette diverse, non sono purtroppo fatti isolati: anzi, esse si manifestano con crescente virulenza in quest’epoca idiota proprio a causa dell’ignoranza e del disagio che questa società nutre nei nostri confronti.

E’ dunque innegabile che negli ultimi tempi, anni, la situazione sia gradualmente e inesorabilmente peggiorata. Viviamo ormai in una società che, dopo aver mirato a sgretolare ogni contrapposizione, è divenuta quasi completamente di destra, una società che per l’appunto è stata preparata a tollerare certe mostruosità.

La volontà di prendere coscienza, di battersi anche solo denunciando certi orrori, va scemando di giorno in giorno.

Quando qualcuno tratta altre persone nelle maniere descritte sopra, significa che non le considera individui degni di rispetto: e paradossalmente non affermo questo per un orribile insulto in sé, ma per porre in evidenza il contesto sociale da cui esso scaturisce, un orizzonte di macerie fumanti in cui per fortuna ancora si stagliano gli scuri profili di chi nel proprio petto ha ancora un cuore che palpita ed è animato dalla voglia di lottare senza cedere alla rassegnazione.

Barbara X

1 Commento

  1. carloipazia ha detto:

    E’ ormai da decenni da quando la destra ha preso il potere che il diverso e’ escluso malamente da tutto.Io per esempio ho avuto una forte deiscriminazione a livello lavorativo e tutt’ ora ne subisco le conseguenze.Motivo perche’ sono strabico da un occhio e nelle aziende non piace vedere cio’ che non e’ perfetto.Figuriamoci per altre diversita’ piu’ appariscenti ,e’ un inferno.In piu’ la frustazione che si ha oggi nella societa’ viene sfogata su un pretesto che puo’ essere il diverso.Non importa poi se i normali chiedano al diverso di sfogare la loro frustazione sessualmente o con perversioni di ogni genere.Risultato che e’ sempre la guerra tra poveri ci si immola al mercantilismo e allo sfruttamento inumano in nome del dio progresso e denaro.Si puo’ solo unirsi tra diversi e sostenerci a vicenda forse puo’ nascere una comunita’ nuova fondata sull’ umanesimo.CIAO barbara X con affetto

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi