Avanti così che vai bene! Povera Diocesi, nelle mani di burattini!

di don Giorgio De Capitani
Mario Delpini, il nuovo arcivescovo di Milano, si sta rivelando per quello che è: uno che ogni giorno cerca qualcosa di sensazionale che lo riscatti.
Si è messo sulla strada più sbagliata.
E chissà dove questa strada lo condurrà?
In un tunnel da cui non potrà più uscire?
D’altronde, attorno a sé  ha collaboratori che non hanno il coraggio di consigliarlo per il meglio.  È una lunga catena, di cui lo stesso Delpini è stato un anello.
La Diocesi di Milano fa acqua da tutte le parti: sta perdendo anche quel poco di buono rimasto, che aveva ereditato da vescovi di un certo spessore carismatico.
Ora, sulla cattedra di Ambrogio e Carlo è stato messo un fantoccio, che crede di essere un faraone!
Ecco l’ultima trovata: convocare un Sinodo (minore o maggiore non importa), che porterà il solito nulla con fogli di carta riempiti di inutili parole.
Sinodo perditempo!
Discussioni inutili!
Documenti inutili!
Parole inutili.
La solita presa per i fondelli, come se tutto ciò fosse il frutto di una democrazia che parte dal basso.
Sì, proprio dal basso, dal fondo del nulla.
Cavoli!
Ragiona, Mario Delpini!
Rifletti, Mario Delpini!
Pondera bene i passi da fare, Mario Delpini!
Cerca di capire dove sta veramente il vuoto di una Diocesi pompata e spompata: pompata di iniziative senza senso e spompata di Spirito. 
Pochi mesi, e già mi hai fatto rimpiangere Angelo Scola!
***
da AVVENIRE
Migranti.

Milano,

Delpini convoca un Sinodo

sulla «Chiesa dalle genti»

28 novembre 2017
Enrico Lenzi
La Chiesa ambrosiana dedicherà il 2018 allo studio di una pastorale che tenga conto della multi etnicità delle parrocchie. L’avvio il 14 gennaio. Coinvolte tutte le parrocchie dell’arcidiocesi
Un anno di studio, riflessione e scelte per dare vita a una pastorale che tenga conto del cambiamento multietnico delle parrocchie diocesane. È il cammino che l’arcivescovo di Milano, Mario Enrico Delpini, propone alla Chiesa ambrosiana per il 2018, indicendo un Sinodo minore. Un percorso reso necessario, come spiega lo stesso pastore ambrosiano, con “l’esigenza di aggiornare l’azione pastorale alla luce dei cambiamenti sociali prodotti all’interno della stesse parrocchie della nostra arcidiocesi”.
Coinvolte 1.107 parrocchie
Proprio per questo la prima fase di questo cammino è rappresentato dall’ascolto delle 1.107 parrocchie sparse nel vasto territorio su cui si stende l’arcidiocesi di Milano. Un ascolto per conoscere e condividere quanto già ogni comunità parrocchiale fa in questo campo, ma che non ha ancora una dimensione di pastorale condivisa da tutta l’arcidiocesi.
Perché questo Sinodo diocesano?
Al centro del Sinodo non ci saranno i fenomeni migratori in quanto tali o l’impegno della Chiesa per l’accoglienza, da sempre oggetto di impegno per la Chiesa. Al centro del cammino sinodale c’è l’intenzione di dare vita a una pastorale condivisa in modo che, cristiani italiani e stranieri, possano vivere insieme la loro comune fede “sotto lo stesso campanile”. L’obiettivo è quello di evitare due rischi che si possono correre: da una parte i cristiani non italiani costretti a vivere la propria fede e i Sacramenti soltanto all’interno della propria comunità etnica o nazionale, dall’altra quella di doversi adeguare a usi e costumi delle nostre parrocchie perdendo quel patrimonio di cultura e tradizione di cui sono portatori. Il cammino sinodale dovrebbe proprio portare una pastorale capace di trovare un equilibrio all’interno delle comunità parrocchiali.
Cosa è un Sinodo?
Dunque l’arcivescovo di Milano ha deciso di affrontare questo tema convocando un Sinodo, che è l’assemblea di sacerdoti e di altri fedeli della Chiesa ambrosiana scelti per prestare aiuto al vescovo in ordine al bene di tutta la comunità diocesana. La Chiesa ambrosiana ha celebrato il suo ultimo Sinodo, il 47°, dal 1993 al 1995, sotto la guida dell’allora arcivescovo Carlo Maria Martini. Sinodo che diede vita a norme che ancora oggi regolano la vita dell’arcidiocesi sotto tutti i suoi aspetti.
Cosa è un Sinodo minore?
Quello convocato dall’arcivescovo Delpini è un Sinodo minore, chiamato così perchè non tratterà appunto tutti gli aspetti della vita della Chiesa, come accadde 22 anni fa, ma un solo tema. In questo caso quello espresso chiaramente nel titolo dell’evento ecclesiale: “Chiesa dalle genti, responsabilità e prospettive. Linee diocesane per la pastorale”.
Le tappe del Sinodo diocesano 2018
Il cammino sinodale sarà ufficialmente aperto il 14 gennaio 2018 – Giornata mondiale del migrante e del rifugiato – con la presentazione all’arcidiocesi del Sinodo minore da parte dell’arcivescovo Delpini. Partirà una fase di consultazione delle 1.107 parrocchie, attraverso i loro consigli pastorali, e dei decanati, in modo da coinvolgere sia i sacerdoti sia i fedeli laici. Una fase di ascolto che si concretizzerà in contributi e idee che saranno inviati entro la Pasqua 2018 (il 1° aprile) alla Commissione di coordinamento, che dovrà a questo punto predisporre un documento di lavoro su cui il Consiglio pastorale diocesano e il Consiglio presbiterale rifletteranno per giungere all’elaborazione di una nuova pastorale che tenga conto della multietnicità delle parrocchie ambrosiane. Le conclusioni saranno illustrate dall’arcivescovo il 3 novembre 2018, vigilia della memoria liturgica di san Carlo Borromeo, co-patrono dell’arcidiocesi e promotore come pastore della Chiesa ambrosiana dei suoi primi 11 Sinodi diocesani.
La Commissione di coordinamento
Tutto il cammino sinodale è stato affidato dall’arcivescovo Delpini a una Commissione di coordinamento, che è presieduta da monsignor Luca Bressan, vicario episcopale per la cultura, carità, missione e azione sociale. Accanto a lui ci saranno due segretari: il vescovo ausiliare e vicario episcopale per i Consigli diocesani, Paolo Martinelli, e il responsabile dell’Ufficio della pastorale dei migranti don Alberto Vitali. Della Commissione fanno parte anche 18 consiglieri, di cui dieci sono laici. Seguiranno tutte le fasi del cammino sino alla conclusione del 3 novembre con la promulgazione da parte dell’arcivescovo del decreto legislativo con cui vengono stabilite le nuove costituzioni sinodali, che andranno ad aggiornare il capitolo 14 del 47° Sinodo diocesano del 1995 dedicato proprio alla “pastorale degli esteri”, terminologia che da sola mostra come l’approccio al tema abbia fatto il suo tempo e non risponda alla situazione attuale. “L’esito sarà una Chiesa maggiormente consapevole della propria cattolicità – commenta il presidente della Commissione di coordinamento, monsignor Bressan -, impegnata a tradurre questa consapevolezza in scelte pastorali condivise e capillari sul territorio diocesana. Una Chiesa dalle genti che con la propria vita quotidiana saprà trasmettere serenità e capacità di futuro anche la resto del corpo sociale”.
LEGGI ANCHE
Delpini indice il Sinodo minore su «La Chiesa dalle genti»

1 Commento

  1. marco ha detto:

    Purtroppo l’uomo non ha carisma ed é di una banalità sconcertante nei discorsi e comportamenti. Amen

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi