Omelie 2020 di don Giorgio: TERZA DI AVVENTO

29 novembre 2020: TERZA DI AVVENTO
Is 51,1-6; 2Cor 2,14-16a; Gv 5,33-39
Ascoltate!
Nel primo brano della Messa, c’è un verbo che risuona due volte, ed è un imperativo, un ordine, un comando: “Ascoltate!”.
E questo imperativo lo troviamo anche subito dopo il brano di oggi, all’inizio del versetto 7.
Il verbo “ ascoltare” ricorre decine e decine di volte nella Bibbia. Pensiamo alle parole del Deuteronomio (6,4-5): «Ascolta, Israele: il Signore è il nostro Dio, unico è il Signore. Tu amerai il Signore, tuo Dio, con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutte le forze».
Le prime parole “Shemà Israel” dà il nome a una delle più sentite preghiere della liturgia ebraica, che viene ancora oggi recitata al mattino e alla sera di ogni giorno.
Da notare una cosa interessante: c’è una parentela tra il verbo “ascoltare” e il verbo “obbedire”. Obbedire deriva dal latino “ob” + “audire”, prestare attenzione.
È stato scritto: «Se per Dio “in principio è la parola” (Gv 1,1; Gn 1,3-¬‐6); per l’uomo “in principio è l’ascolto”».
La fede nasce dall’ascolto (“fides ex auditu”), ha scritto l’apostolo Paolo nella Lettera ai cristiani di Roma (10,17) e la vita cristiana si configura come chiamata all’obbedienza della fede (“oboeditio fidei”, Lettera ai Romani 16,26). Così le Scritture stesse esigono obbedienza, ascolto fattivo, anzi esigono il sì preliminare a colui che parla tramite esse. Quando la mediazione mosaica dell’alleanza sinaitica trova la sua compiutezza nella redazione scritta del “libro dell’alleanza” (Es 24,4), la risposta del popolo alla lettura del libro è: “Tutto ciò che il Signore ha detto noi lo faremo e lo ascolteremo” (Es 24,7), cioè lo metteremo in pratica e così lo ascolteremo veramente, lo comprenderemo.
Riflettiamo
In tutta la Bibbia, dunque, è presente l’obbligo da parte del credente di prestazione attenzione a Dio: la parola umana lascia il posto al silenzio per ascoltare la parola di Dio. La parola di Dio va ascoltata, proprio perché è la Parola per eccellenza, l’unica, la sola che esige ascolto.
Che significa allora ”ascoltare”? Significa fare silenzio. La parola di Dio risuona, quando tacciono le nostre parole.
Vorrei riflettere sul nostro modo di pregare. I Mistici invitavano a far tacere ogni richiesta a Dio: pregare per loro non era chiedere, non era supplicare, ma tacere, ovvero contemplare.
Già il termine “mistica” va riportato al suo senso greco originario, nel quale esso non era sostantivo, ma aggettivo di “teologia”, e indicava perciò una scienza di Dio, un discorso su Dio, chiuso, riservato, riguardo al quale sono opportuni il silenzio e la quiete (cui allude il verbo greco “myein”).
La Mistica è l’arte nobile del tacere: di Dio non si sa nulla, perciò non si deve dire nulla. Più si parla di Dio, più ci si inganna e si inganna. Ecco perché ogni religione è un inganno, proprio per quel suo voler dire e ri-dire cose su Dio tanto da renderlo un idolo, un’immagine di se stessa.
Quando la religione parla di Dio, parla di se stessa, si auto-incensa in quanto idolatra se stessa. La religione dice di parlare in nome di Dio, in realtà parla in nome proprio, imponendo credenze che sono solo ritualismi, formalismi, tutto un insieme di pratiche religiose che hanno come oggetto un idolo o idoli: gli antichi pagani al confronto avevano una concezione più sacra della realtà divina.
Tornando al modo di pregare dei cristiani che cosa vediamo o, meglio, che cosa ascoltiamo? Una lunga stucchevole ripetizione di litanie, ovvero di invocazioni che non fanno che coprire quel silenzio che ci permette di ascoltare Dio.
Come si può ascoltare la voce di Dio, se a parlare siamo sempre noi? Pregare per i mistici è contemplare, in silenzio. E, invece, ecco canti, invocazioni, suoni, danze, riti, tutto un eccesso di carnalità che spengono la voce divina, che è Spirito, perciò da ascoltare all’interno del nostro essere.
L’invito all’ascolto è invito a tacere, e a far tacere le nostre parole, i nostri pensieri, i nostri desideri, le nostre richieste. Anche Cristo l’ha detto: “Pregando, non sprecate parole come i pagani; essi credono di venire ascoltati a forza di parole”.
Buttandola in battuta, non vorrei essere nei panni del Padre Eterno, che ad ogni istante è costretto a subire noiose invocazioni di milioni di persone.
Quando si prega, dicono i Mistici, bisogna tacere in una contemplazione “passiva”. Nulla di attivo da parte nostra, se vogliamo dare retta alla Parola divina, l’unica ad essere attiva.
Si ascolta Dio nel silenzio interiore, che però esige un silenzio anche esteriore.
Non si può ascoltare Dio nella baldoria, nel fracasso, nelle manifestazioni di massa. Che il papa vada anche in giro per il mondo per annunciare il Vangelo di Cristo, mi sta anche bene, ma basta con celebrazioni di Messe con folle oceaniche.
C’è silenzio e silenzio. C’è un silenzio che si chiama estetica, ad esempio di chi gode la natura per i suoi colori o per i suoi suoni. Questo è estetica carnale. La Natura non parla, anch’essa tace; se parla, non è più voce di Dio.
Il silenzio che ascolta è quello dello spirito del nostro essere, che intimamente si unisce con il Divino in noi.
Anche la voce dello Spirito ha i suoi suoni, ma sono impercettibili, si fanno sentire nel fondo della propria anima, ovvero in quel Pozzo profondo dove l’acqua riflette l’immagine divina.
Il silenzio è essenzialità. Basta una nota musicale, una sola, per far sentire la voce di Dio. Più note, che si accavallano, disturbano e, nel caso di più note, la voce di Dio si fa sentire nell’intervallo tra una nota e l’altra.
Il silenzio è essenzialità, perché Dio è Essenzialità, ed è talmente essenziale che i nostri sensi perdono qualsiasi emozione. Basta una parola di troppo, e si interrompe l’incanto divino.
Silenzio e ascolto. Tutto tace, e la parola divina risuona nella notte dello Spirito. La notte è l’ideale per ascoltare Dio. Ma oggi la notte, quando la luce si ritira per non ferire gli occhi fisici accecandoli, non è più notte, ma giorno artificiale di luci psichedeliche e di suoni contro la quiete dello spirito: una notte di carnalità che ferisce quel sacro che vorrebbe rispetto e contemplazione.
La notte dello Spirito è la quiete dei sensi: l’ideale contemplativo della Parola divina.

1 Commento

  1. Luigi Sirtori ha detto:

    La mistica può aiutare l’essere umano ad uscire dalla caverna di Platone? Il grande maestro di vita l’educatore intellettuale Socrate direbbe di sì. Cosa richiede l’educazione? Concentrazione e ascolto. La mistica può aiutare l’essere umano a guarire dalle sue malattie? Sì, direbbe l’esperto medico di meditazione il Buddha. La mistica può aiutare l’essere umano ad aver cura del bene comune? Sì, direbbe l’esperto politico di saggezza Confucio. La mistica può aiutare l’essere umano ad essere Giusto? Sì, direbbe l’esperto profeta di giustizia Gesù. Mistici vicini a noi? Le educatrici intellettuali Simon Weil, Etty Hillesum … Il contemplativo e profeta Carlo Maria Martini che definì il mistico calabrese Gioacchino da Fiore “ll più grande profeta del secondo millennio”. Per chi vuol guardare più indietro nel tempo segua il consiglio di don Giorgio: i mistici renani. Perchè non ripensare il Natale nutrendosi del cibo spirituale che ci offre la mistica?

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi