Essere mistico è un dovere in una società che è una betoniera

L’EDITORIALE
di don Giorgio

Essere mistico è un dovere

in una società che è una betoniera

Qualcuno pensa che ad “essere” mistico (non dico “a fare il mistico”) sia una cosa difficile e troppo impegnativa, roba da privilegiati, o, secondo altri, sia una certa moda del tipo orientaleggiante, anche comoda, visto che certi cocktail o miscele o miscugli o brodaglie di spiritualismi esoterici danno una certa ebbrezza anche drogante.
Dico solo che l’essere è per natura mistico, se intendiamo parlare del nostro mondo interiore.
Dunque, non è questione di facilità o di cosa ardua, ma di essere semplicemente ciò che si è. L’essere è tanto semplice quanto allergico ad ogni miscuglio.
Non esiste la mistica cristiana o indiana o cinese o ebraica o islamica. Mistica è semplicemente mistica: l’essere non è caratteristica di una civiltà o di una religione o di una cultura. Non parlo di razza, perché esiste una sola razza, che è quella umana.
Essere mistico è la cosa più naturale, più semplice, anche se impegna tutto il proprio essere in un continuo distacco da ogni struttura o da ogni superfluo di carnalità che soffoca il mondo dello spirito e dello Spirito.
La cosa impressionante dell’uomo moderno è la carnalità che si fa idolo, assumendo volti diversi, tra cui quello più ipocrita (mascherato) di chi fa il buonista sentimentaloide (va bene tutto, anche vendersi per salvarsi la pelle!), o il patriottista razzista (amore delle frontiere che sono il simbolo delle schiavitù interiori) o il menefreghista ricoperto da una corazza onde difendersi meglio da ogni eccessiva emozione umanitaria, o il volontario per mascherare una cattiveria che esplode appena si entra in casa, o qualsiasi altra caricatura o controfigura di un Ego malefico.
Non c’è che una via di salvezza: togliersi le varie maschere di carnalità, ed entrare nel proprio essere interiore, dove la Mistica ci denuda di ogni falsità esteriore.
Dunque, non faccio il mistico per hobby, o per una scelta che va di moda oggi, cambiando il vestito o qualche consuetudine di pelle (via una se ne indossa un’altra, ancora peggiore!).
Sono mistico perché è nella mia natura scoprire chi sono.
È chiaro che, se sono un alieno, ovvero estraneo al mio essere interiore, allora tutto si fa difficile, e ci si giustifica dicendo che la mistica è roba di gente che non ha nulla da fare.
E così ci si omologa all’andazzo comune, e ci si fa trascinare dalla corrente “carnale”, che ci porta in quel tritatutto da dove escono brandelli di carne pronti per essere consumati da altri alieni già pronti a venire in questo povero mondo, partoriti da alieni, che si accoppiano solo carnalmente.
Forse la Natura ha una maggiore dignità mistica, per questo è sempre fiorente e rigogliosa di vita.
30 maggio 2020
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2

5 Commenti

  1. antonio ha detto:

    In effetti, un utilizzo neppure spinto di ragione e logica, ci porterebbe a considerare addirittura propedeutica la via mistica.

  2. Giulia ha detto:

    Sono d’accordo con l’editoriale; devo dire che questo linguaggio scuote l’anima. E l’uso della voce, come nella parte finale del video “tra il faceto e il serio” mi ha preso ancora di più. Grazie, don Giorgio!

  3. simone ha detto:

    “Sono mistico perchè è nella mia natura scoprire chi sono”.

    Ho voluto citare questa espressione perchè mi sembra riassuma perfettamente la vita di un cristiano. Qui non è un discorso di potere, di lavoro, di piacere. C’è in ballo l’esistenza e mi sento di dire un’esistenza felice.
    Capire chi sono, qual’è il mio carisma. Scoprirlo per metterlo a servizio di tutti. Perchè, nella diversità, ciascuno possa godere di questo mio dono e attingerne.
    Credo che in questo pensiero si possa riassumere la società che tutti desidereremmo.
    Forse sono estremo, chi carnalmente punto al potere, al protagonismo, al successo personale certamente la detesterebbe.
    Il tuo essere mistico è un dono, “ad alcuni è dato il dono della profezia, della predicazione,….” è tuo dovere farlo emergere e metterlo a disposizione di tutti.
    Io ne attingo sempre volentieri e mi sento di poter dire che mi aiuta a vivere una vita interiore più profonda, più sana.
    Non ho nessun interessa, non conosco don Giorgio e scrivo in assoluta libertà ma sogno una società capace di ricercare il proprio talento e di metterlo a servizio di tutti.
    E’ un cammino difficile, tortuoso, spesso banalizzato ma è soprattutto un bellissimo percorso di scoperta personale.
    Aiutando in parrocchia ho fatto tantissime cose; alcune bene, alcune meno. Alla fine mi son sempre chiesto quale fosse il mio talento.
    Oggi son fuori da tutto ma ho tempo per pregare con amici rimasti soli, rivolgere qualche parola, condividere un pò di tempo.
    Non faccio miracoli, ma offro un talento che ho scoperto. Il sapere ascoltare, incoraggiare, sostenere. E vedo che molti si sentono edificati.

    Penso a quante persone, per puro protagonismo, si offrono per servizi che non gli competono. Mostrando presunzione, egoismo e facendo il male della chiesa.
    Tutto parte da questa scoperta. E credo che nessuno debba lamentarsi di ciò che gli è stato riservato: fosse anche il talento di saper vendere le caramelle. Ecco il solo essere arrivati a scoprirlo, testimonia un percorso e un cammino verso Dio.
    Don Giorgio mi perdoni la sfacciataggine: alimenti sempre questa fiamma e non si faccia mai chiudere la bocca da nessuno. I frutti testimonieranno il bene del suo operato.

    • antonio ha detto:

      Condivido. L’editoriale è molto preciso e offre coordinate non ambigue.

      • simone ha detto:

        Credo che il messaggio di fondo sia quello di superare maschere, finzioni, buonismi e carrierismi per scoprire la propria essenza, il proprio carisma e trovare il coraggio di perseguirlo.
        Non è solo complesso ricercare o avvicinarsi alla verità; è estremo trovare il coraggio per sostenerla.
        Mi rendo conto quanto è più comodo, semplice e di successo vivere una vita banale. Ripetendo le parole di tutti, accontentandosi dei concetti scontati del mondo. Scimmiottando comportamenti e abitudini di grandi santi o di comunità del passato.
        Si può benissimo vivere così e sentirsi a posto.
        Si può benissimo vivere ingoiando ogni cosa senza porsi mai una domanda; rispondendo con le definizioni del catechismo; sfoggiando memoria e forse cultura ma non interrogandosi mai nell’intimo.
        Si può vivere tutto superficialmente.
        Ma non si trova la felicità vera!
        Si è felici per la finta stima degli altri, per il protagonismo in parrocchia, perchè il proprio nome è sulla bocca di tutti. Si vivono sprazzi di felicità ma non è la gioia vera.
        Non si sente quel fuoco, quella spinta, quel bisogno implacabile di esprimere ciò che proviene da dentro.
        “Non abbiamo potuto tacere”.
        Quante volte mi son detto “Simone stai zitto, non è affar tuo! Cosa ci guadagni? Poi ci soffri, ti tiri addosso le ire di tutti!”. Quante volte ho pregato “di fregarmene delle cose, di vivere felice nella scatola della mia casa passando il tempo a rimbambire davanti alla tv”.
        Ci son riuscito? Son riuscito a tenere la bocca chiusa? A pensare ai miei interessi? A fregarmene delle tante ingiustizie che vedo ogni giorno?

        Non sono felice, non ho ancora capito il mio carisma o forse sto semplicemente continuando a nasconderlo. Probabilmente non voglio accettarlo.
        Vorrei cose diverse ma non mi sento di tradire quello che sento dentro di me.
        Neanche se mi riempi la bocca di soldi starò muto davanti ad un’ingiustizia, chiunque sia chi l’ha compiuta.
        Stronzi quelli che coprono gli errori in virtù dell’amicizia.
        Ipocriti quelli che credono di fare il bene sotterrando la giustizia.
        Mestieranti…gente capace di sgusciare nella mondanità del mondo di oggi.
        Non hanno niente a che vedere con Dio.
        “Allora comincerete a dire: Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze. Ma egli dichiarerà: Vi dico che non so di dove siete. Allontanatevi da me voi tutti operatori d’iniquità!”

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi