Prostituzione, così gli “orchi di Mondragone” sfruttavano i minori stranieri

da AVVENIRE
29 giugno 2020
Sentenza.

Prostituzione,

così gli “orchi di Mondragone”

sfruttavano i minori stranieri

Antonio Maria Mira
Le vittime avevano anche solo 15 anni, i carnefici, condannati a sei anni, sono italiani. Nella pagine del gip l’orrore di uno sfruttamento sessuale senza scrupoli né remore
“L’atteggiamento degli imputati nei confronti dei ragazzi con cui hanno avuto rapporti sessuali è stato tracotante, prepotente, arrogante: sono ripetute e frequenti le espressioni “carne da macello”, “usa e getta”, “bocconcini belli”, utilizzate nei confronti dei minori, espressione e manifestazione della assoluta mercificazione che delle vittime è stata fatta dagli imputati”.
Lo scrive il gip di Napoli Egle Pilla nella sentenza di condanna di tre uomini, gli “orchi” responsabili di sfruttamento della prostituzione minorile. È la vicenda denunciata quasi due anni fa da Avvenire, conclusa a maggio con la condanna per prostituzione minorile di tre adulti italiani che approfittavano di ragazzini immigrati minorenni, sul lungomare di Mondragone. Un vero gruppo organizzato. Cinque-dieci euro, una ricarica telefonica, un paio di birre, tre sigarette. Egiziani, albanesi, bulgari. Sì proprio bulgari, della comunità che vive nei palazzi diventati “zona rossa” per il Covid-19, emarginati e sfruttati, e ora accusati di essere “untori”.
Ma la realtà che emerge dalla sentenza è l’opposto. Il carnefici sono italiani mentre le vittime sono immigrati. Cinque sono stati identificati, ed erano ospiti di centri di accoglienza per minori non accompagnati, altri, in particolare i bulgari, non lo sono stati. Le 62 pagine della sentenza, che Avvenire ha potuto leggere, sono un colpo allo stomaco, un tuffo nel baratro della peggiore depravazione. Le numerosissime intercettazioni telefoniche e ambientali, corredate da videoriprese, sono esplicite, crude, violente.
Gli incontri, i rapporti sessuali, i commenti successivi tra i tre, sono un libro dell’orrore. Una raccolta di prove, frutto dell’efficace lavoro dei carabinieri di Mondragone, che inquieta. Soprattutto le parole dei tre complici. “Il linguaggio è forte, violento e crudo – scrive ancora il Gip – ed esprime tutta la convinzione di poter utilizzare impunemente i minori, per soddisfare un insaziabile appetito sessuale”.
I tre imputati hanno provato a negare di sapere che i ragazzi fossero minorenni. Ma proprio le intercettazioni li smentiscono. “Le espressioni utilizzate – scrive sempre Il Gip – quali “angioletti”, “ragazzetti”, “nipotini”, “sfraffusietti” non possono considerarsi neutre o genericamente indicative di giovani ragazzi, senza che gli imputati abbiano realmente compreso quale fosse la effettiva età degli stessi come sostengono le difese. Sono gli imputati medesimi nelle conversazioni riportate ad indicare la età delle vittime e a capire che si tratta veramente di ragazzi giovanissimi ( .. ma è veramente piccolo…)”.
Minori e fragili, per le condizioni di vita. Alcuni di loro sono, infatti, ospiti di centri di accoglienza per minori non accompagnati. E di questo gli “orchi” ne approfittano. “Questi giovanissimi ragazzi – si legge ancora nella sentenza – vengono da paesi stranieri, sono senza famiglia, vivono in comunità che soddisfano proprio i bisogni primari e che forniscono loro una somma di danaro pari a 10 euro settimanali che sono oggettivamente una cifra davvero molto esigua. Questi ragazzi hanno davvero “poco” in termini di affetti, relazioni sociali, svaghi, attenzioni al loro sviluppo psicofisico in ragione di una obiettiva condizione che li caratterizza”.
I tre hanno così gioco facile. “Chi offre loro la somma di 5 o 10 euro in cambio di un rapporto sessuale sicuramente è consapevole della subalternità psicologica, del disagio sociale dei ragazzi legato non solo alla minore età, ma anche al contesto socio ambientale in cui essi crescono e vivono”. Il Gip Egle Pilla, magistrato con una lunga esperienza in processi di camorra, ecomafie e violenze, analizza e spiega questa condizione. “La loro è una dimensione esistenziale molto “povera”: solo questo può spiegare la scelta di passeggiare sul lungomare di Mondragone per prostituirsi. E questa condizione di estrema povertà i tre imputati la conoscono molto bene: lo si comprende dalle considerazioni che svolgono sui ragazzi”.
Inoltre “non hanno mai manifestato nel corso delle loro numerosissime conversazioni alcuna incertezza, perplessità, indecisione rispetto alla condotta posta in essere mostrando, al contrario, una lucida determinazione accanto alla convinzione di essere non solo superiori rispetto a quei minori, ma anche totalmente insensibili alla loro vulnerabilità e alla loro debolezza”. E sono convinti anche di godere di una sorta di impunità. Così da non limitare le loro azioni. “La gravità delle condotte è ravvisabile altresì nella quantità di episodi posti in essere con cadenza quotidiana, nonostante i controlli effettuati dalle forze di polizia rispetto alle quali gli imputati hanno mostrato non più di un superficiale timore”.
E mentre sfruttano sessualmente i minori immigrati, si esprimono con frasi intolleranti contro il fenomeno migratorio. Uno di loro, scrive il Gip, “lancia invettive contro i ragazzi extracomunitari, contro le Ong, le case famiglia (“…allora fa bene Salvini che ora ci da una stretta a questa gente, gli da una brutta stretta”. “Ma quello Salvini lo vuol fare, solo che ci sta qualcuno che…”. “Salvini lo vuol fare ma c’ha la gente contro”). Addirittura auspica l’ introduzione di una legge che preveda il rimpatrio immediato di quei ragazzi stranieri che lamentassero di esser stati molestati. E si esprime con disprezzo nei confronti dei ragazzi (“c’è troppa.. troppa marmaglia giù guarda..”)”.
Condanna a sei anni, che sarebbero stati nove se non ci fosse stata la scelta del rito abbreviato che prevede la riduzione della pena di un terzo. Accolte le aggravanti della minore età e dell’approfittamento dello stato di necessità delle vittime. Ed emerge come il fenomeno sia molto più vasto, sia come minori e adulti coinvolti che come aree interessate, soprattutto Formia e Gaeta.

1 Commento

  1. Palumbo Bartolomeo ha detto:

    Che schifo!non in prigione,ma in una fogna dovrebbero essere rinchiusi:loro e tutti ibeceri baciarosario di cui non voglio citare il nome per non sporcarmi la bocca!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi