Omelie 2015 di don Giorgio: Prima Domenica dopo il Martirio di S. Giovanni il Precursore

30 agosto 2015: Prima dopo il Martirio
Is 29, 13-21; Eb12,18-25; Gv 3,25-36
Quando i profeti erano… profeti!
Il primo brano della Messa, anche senza doverlo inquadrare storicamente, basterebbe da solo a sintetizzare l’annuncio degli antichi profeti che, di fronte alla religiosità di Israele, non erano mai teneri, ed erano così essenziali nel colpirne ipocrisia da essere attuali, sempre attuali. Ma forse, oggi, in un momento in cui la religione sente tutto il peso di millenni di ipocrisie e perciò esigerebbe un annuncio ancor più radicale, quei profeti dell’Antico Testamento ci mancano.
Come tutti i profeti, anche Isaia è vigile custode del rapporto di fiducia nell’Alleanza con il Signore. Egli vede, nella religiosità che si pratica in Giudea, un pericolo sempre esistente, che qui acquista caratteri molto evidenti: diffusa superficialità, forte formalismo nella pratica del culto, tenace attaccamento ai gesti, scrupolo per assolvere precetti, parole di preghiera ripetute con le labbra, senza una consapevolezza ed una adesione di cuore. Ma Dio vuole il cuore, poiché è proprio il cuore che si allontana da Dio oppure lo ama, lo cerca, si fida. Il cuore, nel mondo ebraico, esprime tutta l’interiorità della persona.
Quando la pratica di fede è un imparaticcio di precetti umani
Più che incontrare il Signore, ci si accontenta di gesti, di parole e di un miscuglio di poche regole. Molto efficace l’espressione usata dal profeta Isaia: “un imparaticcio di precetti umani”.
“Un imparaticcio di precetti umani”. Sì, di precetti umani: di divino che cosa c’è nel nostro modo di pregare, di vivere il cosiddetto cattolicesimo? E la religione non fa che potenziare ciò che è puramente terreno o frutto di strutture tipicamente terrene. C’è magari ancora tanto di religioso, ma ben poco di sacro, ovvero di quel divino che fa parte del nostro essere più interiore.
“Un imparaticcio”: imparaticcio significa “cosa imparata male, senza assimilazione, superficialmente”. Non è che oggi dovremmo sentirci offesi se tornassimo ancora a riprendere la parola “imparaticcio”, e applicarla a un certo modo di vivere la fede davvero sconcertante. Ma forse di sconcertante c’è poco, secondo l’opinione pubblica, visto che tutto fa parte del calderone del fai da te: un miscuglio di ideologie politiche e di fedi religiose. Una brodaglia dove c’è di tutto.
Ciò che impressiona del modo di vivere la fede da parte del credente di oggi è la sua superficialità: un mucchio di nozioni assemblate a caso, o per comodità. L’assimilazione delle cose avviene attraverso un consumo e un condizionamento sempre sul piano delle cose. Il pensiero non fa più da filtro. Le cose entrano nella nostra vita dall’esterno e pietrificano la stessa anima, per non parlare poi dello spirito, che sembra una parola proibita.
Dunque, cose imparate male, che condizionano il nostro agire, senza assimilazione tramite il pensiero o la coscienza, il tutto in modo superficiale. La cosa, senza più alcun senso spirituale, resta cosa-cosa, e noi siamo diventati cose. Consumiamo cose, e siamo ogni giorno consumati dalle stesse cose.
Lascio la parola ad un esegeta, che attualizza così il messaggio del profeta Isaia: «Fino ad oggi il culto minaccia d’essere un imparaticcio di precetti umani, una tradizione culturale, assai più che l’espressione della fede personale. Nei tempi più recenti lo si vede in maniera clamorosa attraverso l’uso spudorato che gli uomini politici fanno della religione; essi certo non si occupano di Dio, né della fede; si appellano invece a quelle tradizioni che segnano l’identità stessa degli italiani. E gli italiani, che effettivamente si sentono minacciati nelle proprie identità, spesso rispondono agli appelli dei politici in difesa dei valori religiosi con deciso consenso. Sono spiazzati da una Chiesa che, invece, predica l’accoglienza dello straniero, del musulmano, di colui che è diverso».
Dio come reagisce o, a modo suo, si vendica
Alla denuncia segue la minaccia, espressa in termini paradossali, addirittura sarcastici. E dal momento che la gloria di Dio è ricordata per i suoi interventi mirabolanti a salvezza del popolo, bisogna stare attenti – dice il profeta – che la stessa potenza prodigiosa del Signore non possa addirittura rivoltarsi contro il popolo indegno. E i prodigi potrebbero diventare avvenimenti disastrosi e terrificanti.
Dio non abbandona il suo popolo, continuerà a compiere cose meravigliose. Ecco ciò che succederà: “perirà la sapienza dei suoi sapienti e si eclisserà l’intelligenza dei suoi intelligenti”. Perirà, più precisamente, la sapienza di quanti vogliono sottrarsi alla vista del Signore per dissimulare i loro piani, di coloro che agiscono nelle tenebre, dicendo in cuor loro: Tanto chi ci vede? chi ci conosce? Perirà la sapienza di coloro che contano sul fatto che tanto il cuore è nascosto.
Ma la vera vendetta di Dio sta nel dare voce ai più emarginati e disprezzati. La punizione dei superbi è la rivalutazione degli umiliati. Perirà la loro sapienza, e si accenderà invece la sapienza di coloro che oggi sono disprezzati e appaiono esclusi da ogni sapienza, perché sono sordi e ciechi: «Udranno in quel giorno i sordi le parole del libro; gli occhi dei ciechi, liberati dall’oscurità e dalle tenebre, vedranno. Gli umili si rallegreranno di nuovo nel Signore, i più poveri gioiranno nel Santo d’Israele».
Quando la religione è un insieme di faziosità e di invidie
Passiamo alla pagina del Vangelo. Ricordiamo brevemente il contesto: nei quattro Vangeli ci sono tracce di qualche difficoltà tra i discepoli di Giovanni Battista e i discepoli di Gesù, una sorta di rivalità che il Battista in nessun modo alimenta, anzi. E quando, come nella pagina odierna, i discepoli di Giovanni tentano ancora una volta di contrapporlo a Gesù, di provocarlo descrivendo il grande successo del cugino che battezza e tutti vanno da lui, il Battista nuovamente sostiene di non esser lui il Messia inviato da Dio ma solo il battistrada, l’apripista.
Un esegeta commenta: la testimonianza di Giovanni Battista «nasce, lasciatemi dire, in un contesto di meschinità umane, di corte visioni, una religione ridotta a numeri, ad appartenenze, segnate da sussulti di rivalità e da gelosie. E guardate un po’ dove a volte trovano terreno fertile le nostre discussioni, anche religiose… Voi mi capite, non ci si chiede se alcuni, tanti o pochi, fanno un passo avanti nel cammino dello spirito. No, ci si preoccupa se aderiscono per caso a un altro, ci si preoccupa dell’assottigliarsi del numero degli appartenenti al proprio gruppo.
E sono, pensate, i discepoli più stretti del Battista, quelli che in un certo senso lo vanno idolatrando, e, di conseguenza, del nome dell’altro, di Gesù, non vogliono nemmeno sporcarsi le labbra, è diventato un senza nome: “colui” dicono – colui! – “che era con te dall’altra parte del Giordano e su cui tu hai dato testimonianza, battezza più di te”. A parte che sembra che a battezzare non fosse Gesù, ma fossero i discepoli, comunque il problema era che faceva discepoli più del Battista, più del loro leader spirituale, con il pericolo di un esodo silenzioso di appartenenti al gruppo. Idolatria del leader, idolatria del gruppo. E a questo punto ecco l’affermazione di Giovanni: “Io non sono lo sposo, ma solo l’amico dello sposo”. E in quanto ‘amico’ Giovanni dice d’esser in ascolto della voce dello Sposo, di provare gioia per questa voce e conclude: “Io devo diminuire mentre Lui deve crescere”… Pensate a una chiesa che prende sul serio questa parola del Battista: “Lui deve crescere, io invece diminuire”. Doveva diminuire se stesso e farsi da parte. Pensate la bellezza di una chiesa che si diminuisce e si fa da parte. Non accende i riflettori su di sé, ma su un Altro. Ne dobbiamo fare ancora di strada! Diminuire!… Avessimo accolta veramente l’eredità del Battista, non potremmo, voi mi capite, presentarci come un assoluto, non ambiremmo a occupare noi lo spazio, non avremmo l’aria di chi si sente padrone né della verità, né della morale, né del popolo di Dio, né delle ultime parole su tutto. Ma ci sentiremmo al contrario relativi. A chi? A Cristo. Mendicanti della luce».

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi