Omelie 2020 di don Giorgio: PRIMA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE

30 agosto 2020: PRIMA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE
Is 65,13-19; Ef, 5,6-14; Lc 9,7-11
Il Bene e il Maligno
La Bibbia, se è Parola di Dio, perciò, come scrive Giovanni nel Prologo del suo Vangelo, il Logos che si ri-genera per opera dello Spirito santo nel nostro grembo, di uomo o donna indifferentemente, cioè senza alcuna distinzione di genere, va letta, meditata al di là di ogni incrostazione storica, al di là di ogni impossibilità umana, onde cogliere quella Novità che è l’energia vitale dello sviluppo della storia, che è un composto di bene e di male.
Quando, come nel primo brano della Messa, leggo o sento leggere che il Signore crea “nuovi cieli e nuova terra”, e che Egli sempre dispone di Sorprese così da dare svolte radicali, togliendo alla malvagità umana il comando o il suo primato, sorgono in me tante domande, senza poter dare alcuna risposta razionale: la razionalità di per sé mi porterebbe a pensare che tutto oramai è impossibile perfino a Dio. Tale è la malvagità umana, dietro cui sta il Maligno (nome che potrebbe richiamare cause ed effetti), che ci si rassegna ad ogni evenienza e a proteggersi come si può durante emergenze globali.
D’altronde, che significherebbe Novità, se tutto funzionasse a meraviglia? In tal caso, parleremmo di “normalità” di un Disegno divino che si realizza nel tempo, e, se ce la prendiamo, è perché vediamo solo qualche aspetto, gustiamo solo qualche gioia nel poco o lungo tempo che ci è permesso di vivere.
Invece, ognuno dice la sua, e la storia è un caotico miscuglio di bene e di male, in cui il bene sembra essere sopraffatto da un male che si serve di tutto, perfino della religione, per mettere in crisi il Disegno divino.
I libri di storia, anche quelli destinati ai bambini delle elementari, sono un arido e odioso elenco di date di guerre e di violenze, e non si parla mai di un Disegno divino che sa intrecciare misteriosamente queste date così da risultare l’energia del Bene, capace di trovare sempre opportunità e possibilità perché venga a galla la Sorpresa di Dio.
Qui non si tratta di riscrivere la storia alla luce del Divino provvidenziale, e forse neppure la Bibbia, storia sacra, è riuscita a farsi leggere al di là di eventi talmente vergognosi e violenti da porre qualche domanda sulla storia di quell’Alleanza che doveva tenere a bada il popolo eletto, più barbaro che civile, più cocciuto nel tradire che nell’essere fedele al Dio dell’Alleanza.
Se da una parte studiamo la storia su testi che sono carnalmente cronache di eventi contraddittori e legati ad un cieco destino senza perciò una via d’uscita, dall’altra parte manca una lettura sacra di una storia che non può essere così irrazionale da lasciare la creatura nelle mani di forze malefiche.
Dall’inizio della creazione sembra che la storia sia un intreccio inestricabile di poca luce e di molte tenebre, e se è vero che il sole ogni giorno continua a sorgere all’orizzonte, è anche vero che ogni giorno tramonta, lasciandoci già nella sofferenza di un giorno di fatiche e di una notte ancor più travagliata.
Sarei tentato di dire le solite cose sulla notte dell’uomo moderno, che accumula più stress di un giorno di lavoro. Oramai è successo che il giorno non è più nostro, ovvero non è più gestito da noi, e che invece ci siamo accaparrati la notte, facendone un’alcòva di istinti bestiali, quasi a compensare le fatiche di un giorno, che la società ci ha derubato allo scopo di consumarci nel corpo, e, per una stupida rivalsa, noi di notte finiamo per consumarci l’anima.
E allora, visto che siamo al collasso fisico, psicologico e mentale, non sarebbe il momento di riprenderci il giorno e di dare alla notte il suo valore di riposo? Cioè, non sarebbe il momento di riequilibrare il giorno e la notte, per dare un senso al nostro corpo, riscoprendo il segreto dello spirito?
Quando penso ad esempio alle vacanze, che senso ridare a loro, visto che sono diventate una evasione dal nostro essere, come se bastasse cambiare aria per far riposare il fisico?
Nuovi cieli e nuova terra
“Ecco, infatti, io creo nuovi cieli e nuova terra”. Quando leggiamo queste parole, subito pensiamo ad un altro diluvio universale o a qualcosa di simile. Non vogliamo capire che anche qui non si tratta di sostituire i cieli o la terra, ma di cambiare il nostro modo di vedere i cieli e la terra.
Quando si legge che il Signore sta per creare qualcosa di nuovo, vuol dire che Dio ci dà la possibilità di scoprire nella Creazione quei germi che sono ancora tali, ma che stanno per germogliare.
Del resto la parola Natura, intesa non solo come il mondo animale, ma anche come il mondo vegetale e diciamo anche minerale, significa “ciò che sta per nascere”.
Dio non disfa e rifà, ma la fa nascere, come se il parto richiedesse ancora milioni di anni dal suo concepimento.
La nostra collaborazione umana, e Dio la richiede in continuazione, sta non solo nell’aiutare la Natura a partorire, ma soprattutto nel nostro cambiare gli occhiali o, meglio, nel cambiare addirittura gli occhi. Per occhiali intendo le ideologie o i pregiudizi di ogni genere, mentre per occhi intendo la nostra vista interiore, che richiede occhi più profondi, ovvero spirituali.
Dunque, l’espressione “nuovi cieli e nuova terra” va intesa così: Dio ci chiede di vedere le cose, e ci la capacità di farlo con la sua grazia, in modo del tutto nuovo, perché la Creazione è sempre disponibile a partorire Sorprese divine.
Il vero miracolo è questo: sta nello scoprire i segreti di una Natura sempre partoriente, e questi miracoli non vengono da Dio come se fossero qualcosa di eccezionale, ma provengono dal nostro nuovo modo di vedere la Creazione, con gli occhi interiori dello spirito che si fissano nello Spirito divino.
Ogni giorno abbiamo a nostra disposizione la possibilità di fare “nuove” le cose: bisogna vederle diversamente dal come abitualmente le vediamo con gli occhi carnali.
Con gli occhi carnali ogni giorno vediamo un mondo che sta morendo, mentre con gli occhi dello spirito possiamo vedere un mondo che ogni giorno sta nascendo.
Perché allora aspettiamo interventi straordinari divini o rivoluzioni della storia, quando spetta a noi cambiare il mondo, proprio a partire dal nostro modo nuovo di vedere la Creazione? Ecco perché da tempo sostengo che la vera rivoluzione sta nella Mistica, che è lo Sguardo nuovo con cui vedo Dio e in Dio vedo ogni sua creatura.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi