Omelie 2018 di don Giorgio: QUINTA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE

30 settembre 2018: QUINTA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE
Dt 6,1-19; Rm 13,8-14a; Lc 10,25-37
Non se la prendano i liturgisti che hanno scelto i tre brani della Messa di questa domenica, se distinguerò le mie riflessioni in due tronconi, pur conoscendone la loro esplicita intenzione di proporci una Parola di Dio univocamente intesa a parlarci di Legge e di Amore. Ciò è del resto evidente leggendo il brano del Deuteronomio, il brano di San Paolo e la parabola del buon samaritano.
“È ormai tempo di svegliarvi dal sonno”
Vorrei partire dalle parole di San Paolo, quando scrive ai cristiani di Roma: «… è ormai tempo di svegliarvi dal sonno…», eccetera.
Mi sento, soprattutto oggi, come afferrato da questo invito, tanto più che, a differenza da quanto poi scrive l’Apostolo, la notte non è ancora avanzata, e il giorno non è ancora vicino.
È vero che talora sembra di toccare la speranza di una nuova luce che avanza diradando le tenebre della notte. Ma è anche vero che il giorno subito passa, lasciando il posto ad  un’altra notte di tenebre.
Ci sono momenti storici in cui non c’è distinzione tra giorno e notte, tra luci e tenebre. Il giorno sembra peggiore della notte, se, svegli di dentro, ovvero nel nostro essere interiore, assistiamo ad una macabra danza di spettri che oscenamente danzano, irridendo ogni spirito di libertà.
Ma cosa s’intende per giorno e cosa s’intende per notte? Certo, sono immagini già espressive di luce e di oscurità, ma che tuttavia richiederebbero una spiegazione, anche coraggiosa, per comprendere almeno qualcosa di questo momento storico che stiamo vivendo o, sarebbe meglio dire, stiamo soffrendo sulla nostra pelle.
Solitamente, è più chiaro o più facile dare giudizi sul passato, proprio perché è passato e perciò non ci coinvolge più nel modo passionale (il passato è sempre un freddo ricordo, quando ce ne ricordiamo), ma sul presente sembra quasi che una coltre ci tolga ogni visuale, per non parlare di quella lucida capacità critica che è solo degli spiriti liberi. Ma, dove sono gli spiriti liberi?
Eppure, si cade negli stessi errori. Gli errori del passato tornano sotto vestiti diversi, ma gli errori sono i medesimi, ovvero la radice degli errori è la stessa, la fonte è identica.
Certo, gli errori del passato si coprono ben bene di apparenze, che hanno tutta l’aria di accattivante novità, di seducente progresso, di conquista di diritti che aspettano rivendicazioni, oppure di quella ricerca spasmodica di un qualcosa che, volere o no, ci tocca sempre da vicino, nella nostra realtà esistenziale.
Ma il passato torna in quella menzogna che è presente, da quando Dio ha creato l’essere umano; e il male, o l’”amor sui”, l’amore di se stesso, ha preso il sopravvento.
Che significa allora l’invito di san Paolo: «È ormai tempo di svegliarvi dal sonno”? Come un ordine perentorio, per il fatto che non si può aspettare, altrimenti periremo tutti come gente comatosa in attesa della morte? Oppure va inteso come una constatazione, per il fatto che si fa giorno e bisogna dunque darsi da fare, riprendere il lavoro quotidiano?
Forse l’apostolo Paolo era convinto che effettivamente si stava facendo giorno, e questo per la sua fede nel Cristo che, da quando era risorto in quel mattino di Pasqua, aveva dato origine al nuovo Giorno, il “dies domini”, la domenica.
Ma, con amarezza, dobbiamo constatare che quel Giorno luminoso della Pasqua, durante i millenni del Cristianesimo, è stato quasi soffocato da una spessa coltre di indifferenza e di inettitudine da parte di una Chiesa istituzionale, che non ha ancora saputo riscoprire l’energia vitale di quella Luce del Risorto.
La Luce c’è, ma dove trovarla? Non certo in quel “grosso animale” di cui parlava Platone, da identificarsi in quel mondo sociale, che è un insieme di strutture “carnali”, ovvero di istituzioni politiche e religiose che amano soffocare lo spirito dell’essere umano.
Secondo gli antichi filosofi, ripresi poi dai grandi Mistici medievali, ciascuno di noi nasce con una specie di scintilla divina, però da scoprire, da risvegliare. Ed è qui il nostro impegno di credenti e di cittadini: risvegliare quel Divino che è dentro di noi, ma che è come addormentato, talora in stato comatoso. Noi, invece, credenti e non credenti, siamo preoccupati di accarezzare il grosso animale, ovvero ciò che è puramente esteriore al nostro mondo interiore, ed ecco il lavoro indefesso della politica e della religione nell’ingrossare le strutture, gli organismi, insomma tutto ciò che accarezza ciò che è esterno al nostro essere.
La Legge e il prossimo
Passo ora a dire due parole sulla parabola del buon samaritano. So che meriterebbe una lunga riflessione. Il cardinale Carlo Maria Martini le aveva dedicato la Lettera pastorale per l’anno 1985/86 dal titolo: “Farsi prossimo”. Da leggere e rileggere. È ancora attualissima. La potete trovare su internet. Riporto solo un’osservazione interessante che fa Martini, alla fine della Lettera. «La seconda novità è la sorprendente e rivoluzionaria concezione del prossimo. Solo l’evangelista Luca pone sulle labbra del maestro della legge una seconda domanda: “Ma chi è il prossimo?”. Gesù risponde raccontando la parabola del buon samaritano. Il prossimo non esiste già. Prossimo si diventa. Prossimo non è colui che ha già con me dei rapporti di sangue, di razza, di affari, di affinità psicologica. Prossimo divento io stesso nell’atto in cui, davanti a un uomo, anche davanti al forestiero e al nemico, decido di fare un passo che mi avvicina, mi approssima».
Ma vorrei fare un’osservazione personale, tenendo conto del momento attuale. Forse Martini non si immaginava che saremmo tornati ad una barbarie tale da mettere il prima e il poi, ma il “prima” è il nostro egoismo, e “il poi” è colui che ha bisogno. In questo prima e in questo poi non c’è nulla di cristianesimo, ma direi di più: non c’è nulla di umanesimo.
La mia osservazione è questa: sosterrò sempre l’assistenza agli ultimi, ai più deboli, ai migranti, e arrivo al punto di dire come un prete mi ha confidato: siamo tornati al tempo del fascismo, quando si nascondevano i perseguitati dalla legge. Oggi bisogna nascondere e proteggere i migranti, quelli regolari e quelli senza il permesso di soggiorno. Sono persone! Ma non basta un’ammirevole opera assistenziale: manca in questa società un’opera culturale dei quei valori che partono dal nostro essere interiore. Nel risveglio di questi valori dell’essere sta la vera contrapposizione vincente alla barbarie razzista.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi