Maguy Barankitse mamma di tutsi, hutu e di trentamila bimbi

da AVVENIRE
29 settembre 2019
Ruanda.

Maguy Barankitse mamma di

tutsi, hutu e di trentamila bimbi

Maria Pace Ottieri
Nel 1993, in pieno conflitto inter-etnico in Burundi, la donna cristiana salva da un massacro 32 orfani
Un anno dopo nasce «Maison Shalom», un luogo dove far crescere una nuova generazione che saprà interrompere la catena della violenza «È sempre l’amore che ha l’ultima parola, tra i bambini passati per la casa, so che molti non rinunceranno mai a studiare, sono piccole candele nell’oscurità È sempre la luce che scaccia il buio, non il contrario» «Mi sono attirata l’odio di tutti. Un giorno un giovane ribelle mi voleva sparare Aveva un’arma e un rosario Mi sono inginocchiata e gli ho detto: recitiamo il rosario insieme. Metti via l’arma e vieni con me. È diventato l’autista della nostra casa»
Marguerite Barankitse è una signora tutsi del Burundi, elegante, bella, allegra e piena di umorismo, con una fede solida e profonda e un’eccezionale vitalità organizzata. In Burundi la chiamano «Maguy la folle ». «E forse hanno ragione», dice Marguerite. «Ho sempre amato la canzone “Imagine” di John Lennon, immaginare e poi agire. Da quando era bambina volevo migliorare il mondo, correggere le sue innumerevoli storture». Nell’autunno del 1993 scoppia in Burundi una violenta guerra civile. Viene ucciso Melchior N’Ndadaye, il primo presidente hutu nella storia del Paese e il primo eletto democraticamente.
Gli hutu, l’84 per cento della popolazione, si vendicano dando la caccia ai loro vicini tutsi, il conflitto provocherà 300mila morti. Maguy ha 36 anni, vive a Ruyigi, nel sud est del Paese, non lontana dalla frontiera con la Tanzania dove si concentrano gli hutu in rivolta. Non si è mai voluta sposare, ma ha adottato sette bambini orfani hutu e tutsi. Con loro si rifugia nella diocesi, dove lavora come segretaria del vescovo di Ruyigi. Il 24 ottobre 1993 un manipolo di tutsi armati di machete irrompe nell’edificio. Maguy nasconde i suoi bambini nella sacrestia, poi parla agli assalitori : «Anche se qui ci fossero persone che hanno ucciso, voi non potete uccidere a vostra volta i vostri fratelli, come Caino. Io non vi darò le chiavi. Non ho scelto di essere tutsi, ma di essere cristiana sì».
Gli uomini la spogliano, la legano a una sedia e appiccano fuoco all’edificio per costringere gli hutu che vi si nascondono a uscire. Saranno tutti uccisi sotto gli occhi di Maguy: settantadue persone. Lei viene risparmiata perché la credono una suora, i figli degli uccisi barattati da Maguy con denaro e viveri. Tra i bambini sopravvissuti ci sono Lisette e Lydia, le figlie di Juliette, un’amica d’infanzia di Maguy, una tutsi sposata a un hutu, entrambi decapitati. In segno di disprezzo gli assassini appoggiano la testa mozzata di Juliette sulle sue ginocchia. Maguy scappa con i suoi trentadue bambini, tra vecchi e nuovi orfani. Si ripara in un cimitero, poi ospite di un amico cooperante tedesco, infine in una vecchia scuola abbandonata prestatale dalla diocesi. Nel maggio del 1994 nasce «Maison Shalom», negli intenti di Maguy, un luogo dove far crescere una nuova generazione che saprà interrompere il circolo vizioso della violenza e dell’odio fra hutu e tutsi, illuminare le tenebre in cui è immerso il Paese. Presto si sparge la voce che «una matta di Ruyigi» accoglie tutti gli orfani che bussano alla sua porta senza fare distinzioni fra hutu, tutsi e perfino twa, la minoranza pigmea, malvista da entrambi.
«Mi sono attirata l’odio di tutti, i tutsi mi davano della traditrice, gli hutu mi attaccavano. Un giorno un giovanissimo ribelle hutu mi ha fermato nella foresta e mi ha detto inginocchiati! Mi inginocchio solo di fronte a Dio, ho risposto. Ah non vuoi inginocchiarti? Allora sparo. Aveva 17 anni, in mano un’arma e un rosario. Mi sono inginocchiata e gli ho detto: recitiamo il rosario insieme, perché hai un rosario e un’arma insieme? Vai a riportare l’arma a chi te l’ha data e vieni con me, sarai un ragazzo della Maison Shalom. È diventato l’autista della casa, per noi si butterebbe nel fuoco».
Di ogni orfano Maguy cerca di ritrovare il villaggio e i parenti sopravvissuti, finanzia loro l’acquisto di semi e attrezzi perché lavorino la terra ereditata dagli orfani. A chi non ha niente Maguy regala qualche pezzo di terra della sua famiglia su cui in pochi mesi vengono costruite più di 80 case, ognuna assegnata a una famiglia ricostituita di bambini e ragazzi accompagnati da figure di educatori e psicologi che condividono il lavoro nei campi, la scuola e il tempo libero. I «suoi» bambini sono rifiutati nella piscina dell’albergo della città? Maguy gliene costruisce una, insieme al cinema, alla sala informatica, al salone di bellezza e al parrucchiere che danno lavoro. I bambini della Maison Shalom diventano migliaia: malati di Aids, feriti, violentati, bambini soldato e di strada. Dopo la guerra civile, in Burundi il dieci per cento dei bambini non ha i genitori.
Moltissimi sono oggi laureati o studiano, in Burundi e all’estero, in Belgio, in Canada, chi è rimasto vicino a lei è diventato un suo stretto collaboratore. Nel 2010 Maguy ha inaugurato l’ospedale Rema, il più attrezzato del Paese, con reparti di neonatologia e di ortopedia che non ha nessun altro ospedale, una scuola per personale paramedico e apparecchiature avanzate donate dai tanti «amici della Maison Shalom» sparsi nel mondo. Maguy ha investito i soldi vinti in premi importanti, l’ultimo l’Aurora Prize for Awakening Humanity, un milione di dollari donati da magnati americani discendenti di armeni scampati al genocidio del 1915. Un giorno l’opera di Maison Shalom costruita poco per volta con grande fatica e molti aiuti, va in pezzi. Il governo del dittatore Pierre Nkurunziza reprime nel sangue le manifestazioni di protesta contro la proposta di modificare la Costituzione per permettergli un terzo mandato. Maguy è tra i giovani e le donne che si sdraiano in piazza.
Le milizie Imbonerakure, («coloro che si vedono da lontano»), arruolate dal presidente, polizia e servizi segreti, sparano alla schiena, incarcerano, torturano. A migliaia i burundesi fuggono in Ruanda, Uganda, Tanzania, Congo. Maguy protesta, cura i feriti, porta da mangiare ai ragazzi in carcere finché anche lei è costretta a fuggire, il presidente ha emesso una taglia su di lei. «Le attività di Maison Shalom in Burundi sono state chiuse», racconta con dolore. «Anche l’ospedale, i neonati o i malati che non possono essere accolti da altri ospedali muoiono. Il latte che ci aveva dato la cooperazione svizzera, 22 tonnellate, è rimasto lì. Il governo ha bloccato i nostri conti, ha preso anche i soldi dei contadini, 27 cooperative agricole nate con il nostro aiuto». Maguy si rifugia in Ruanda, il Paese vicino, e ricomincia da zero.
«I rifugiati sono persone normali piombate in una situazione anormale, ora che lo sono anche io so di cosa hanno bisogno. Chiedono di mettere a frutto i loro talenti, di guadagnarsi da vivere con dignità. Continuo a sognare di crescere insieme una nuova generazione di hutu e tutsi, è un problema politico, non etnico». Nel campo modello di Mahama, costruito dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, gli abitanti coltivano, le donne cuciono le divise per gli allievi delle scuole, è una formula di “win-win”, lavorano, sono pagati e almeno in parte autonomi. Maguy ha stabilito accordi con università europee perché gli studenti dei campi possano studiare online. «È sempre l’amore che ha l’ultima parola, tra i trentamila bambini passati per la Maison Shalom, so che molti non rinunceranno mai, sono piccole candele nel buio. È sempre la luce che scaccia il buio, non il contrario».

 

1 Commento

  1. bartolomeo palumbo ha detto:

    CHE LEZIONE PE NOI ITALIANI E EUROPEI ABITUATI A CONTEMPLARE IL NOSTRO OMBELICO!!!!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi